Alife- Frequentato dalla borghesia casertana e napoletana, il Club privé, elisir, sequestrato nella notte tra sabato 12 e domenica 13 Luglio era diventato un punto di riferimento del mercato del sesso campano. Chi era in cerca di terminate emozioni sapeva dove andare visto che il club era dotato anche di un dettagliato sito internet indicante non solo i servizi messi a disposizione dei clienti, ma anche le mappe stradali per raggiungere il covo del piecere losco. Una pagina web per iscriversi al club e ricevere promozioni e pubblicità, questo un altro servizio. Il ‘promo’ descrittivo del club che si trova entrando nella pagina web del sito così recita: ” Cari amici permetteteci di presentarvi il nostro Club Privè, si chiama “Elisir”, un nome che richiama alla memoria leggende antiche e credenze popolari, di “pozioni miracolose” e “filtri magici”… Elisir di lunga vita… di eterna giovinezza ecc. ecc.  Si, il  Club Elisir incarna tutto ciò, infatti le “Magie” del Club Elisir sono assolutamente concrete, fatte di  emozionanti incontri, sguardi seducenti e pensieri trasgressivi, che si traducono in gioia di vivere, senza tempo. E passiamo ad informarvi della nuova iniziativa promozionale del Club Elisir; infatti stiamo organizzando la prima di una serie di feste, con cadenza mensile, denominata “Nuovi Incontri” alla quale, siamo lieri invitare tutte le coppie del vostro gruppo a partecipare gratuitamente. Al successo dell’iniziativa, siamo certi contribuirà in modo significativo anche la cura e la passione del nostro cuoco, che non vede l’ora di sedurci con il suo favoloso buffet, ricco di appetitosi “Spuntini”, rigorosamente annaffiati con dell’ottimo “Montepulcino d’Abruzzo”.  Ci troviamo a 10 minuti d’auto o se preferite a 15km dall’uscita del casello autostradale di “Caianello” dell’autostrada A1 Roma-Napoli, quindi, una volta usciti dall’autostrada, bisognerà imboccare (subito a destra), la superstrada 372 detta Telesina che inizia proprio davanti al casello di Caianello, il breve tragitto termina in corrispondenza dello svincolo per il paese di Alife e poche centinaia di metri dopo, noterete l’ingresso del Club Elisir contrassegnato da una luce azzurra molto evidente. Siamo certi vorrete cogliere questa proficua opportunità e restiamo in attesa di essere contattati”. Facile da raggiungere, accessibile a tutti mediante il web; a prima vista solo un club piccante.Dietro però un’organizzazione senza scrupoli che sfruttava ragazze ignare da quello che avrebbero trovato nel club di Alife. Le indagini sono state avviate dai militari del Nucleo Radiomobile della compagnia Carabinieri di Piedimonte Matese, dopo che una giovane prostituta nel settembre 2007 aveva sporto una denuncia contro i suoi sfruttatori. Venivano in questa maniera attivate, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di S. Maria Capua Vetere(Antonio Ricci), una serie di indagini tecniche, con una contestuale attività investigativa svolta attraverso appositi servizi di osservazione, controllo e pedinamento, a seguito dei quali venivano identificate 13 persone, che con ruoli diversi, costituivano un’associazione per delinquere che gestiva attività di prostituzione anche con il coinvolgimento di giovani cittadine extracomunitarie, e agevolavano l’uso della droga e sostenze stupefacenti all’interno del night club(Leggi il resto quì).

Tutti i nomi degli arrestati

ELENCO PERSONE ARRESTATE
Gestori del night club “Elisir” di Alife:
1. Giuseppe Fallarino, 58enne, residente a Vasto e domiciliato ad Alife (O.C.C. in carcere);
2. Maria Saveria Brattoli, 53enne, residente a Vasto e domiciliata ad Alife, convivente del Fallarino (O.C.C. in carcere);
Collaboratori nella gestione delle attività illecite nel night club “Elisir” di Alife:
3. Pietro Maenza, 40enne, domiciliato a Presenzano (CE) (O.C.C. in carcere);
4. Svitlana Oshkina, 40enne, ucraina, domiciliata ad Acerra (NA) (O.C.C. in carcere);
5. Oksana Romaso, 28enne, ucraina, domiciliata a Bacoli (NA) (O.C.C. in carcere);
6. Vasyl Sydoruk, 28enne, ucraino, domiciliato a Melizzano (BN) (O.C.C. in carcere) ;
7. Emine Smail, 34enne, bulgara, domiciliata a Presenzano (CE) (O.C.C. in carcere);
8. Michele De Martino, 41enne, domiciliato a Castelvolturno (CE) (O.C.C. in carcere);
9. Salvatore Aniello Vicidomini, 56enne, residente a Bacoli (NA) (O.C.C. in carcere);
10. Raffaele Flocco, 48enne, residente a Giugliano in Campania (NA) (O.C.C. agli arresti domiciliari);
11. Luciano Sgambato, 48enne, residente a Piedimonte Matese (CE), Responsabile Ufficio Tecnico Amministrativo dell’ Ospedale Civile di Piedimonte Matese (O.C.C. agli arresti domiciliari);
12. Pasqualino Di Nuzzo, 38enne, residente a Pietramelara (CE) (O.C.C. agli arresti domiciliari);
13. Vincenzo Rossi, 55enne, domiciliato a San Vittore del Lazio (FR), titolare del circolo privato “Eros Club” di San Vittore (O.C.C. agli arresti domiciliari). * Anche persone dell’alto casertano, agro caiatino e zona del pedemontano risulterebbero frequentatori del club. Sarebbero in corso i controlli dei filmati a circuito chiuso in visione agli inquirenti. Le indagini non si chiudono con il blitz di domenica  ed il Matese trema..

VIDEO ESCLUSIVO REALIZZATO DAVANTI ALL’ELISIR CLUB DI ALIFE- munito di video sorveglianza – con una telecamera posizionata sul cancello d’ingresso(accanto al neon azzurro)- che alla presenza di persone(inquadrate)- permetteva l’accensione di un luminoso faro. Ma tutti questi accorgimenti, evidentemente non sono bastati. I carabinieri dotati di tecnologie più avanzate li hanno colti con le mani nel sacco!

Per visualizzare il Video inviatoci in esclusiva dal giornalista Giuseppe Sangiovanni cliccare su questa scritta per aprire la pagina e visualizzarlo

Leggi articolo correlato 1:Alife(Ce)- Casa appuntamento ALIFE, 13 arresti. Circolo Night Club trasformato in postribolo

Speciale scandalo casa prostitute Alife a cura della “Redazione cronaca Matesina Alto Casertano-Matesino & d” (alcune notizie ricavate anche dal quotidiano cartaceo della provincia: ” Gazzetta di Caserta”)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

About these ads