Pastorano(Ce)- Continua l’impegno per la difesa dell’Agro Caleno, area di grande interesse agricolo della nostra provincia – afferma Antonio Marulli, Presidente della Confagricoltura – Non è ammissibile che in una zona a cui il PSR ha destinato gran parte delle risorse comunitarie fino al 2013, possa ospitare strutture di smaltimento dei rifiuti speciali peraltro gestite da privati. La Regione Campania deve dimostrare coerenza con la sua stessa programmazione – continua Marulli – e revocare le autorizzazioni a suo tempo concesse per l’impianto previsto nel Comune di Pastorano, ma deve anche assicurare in futuro che gli investimenti e la dedizione degli imprenditori agricoli di tutto l’Agro Caleno siano tutelati e dovutamente rispettati. E’ nostra convinzione che le buone ragioni del Comune di Pastorano e degli allevatori della zona troveranno soddisfazione, ma è doveroso che tutte le Istituzioni si adoperino per la tutela dell’area e per favorire lo sviluppo di un vero Distretto rurale ed agroalimentare per assicurare una sviluppo duraturo a tutta l’area. La Confagricoltura – conclude Antonio Marulli – è al fianco degli agricoltori della zona e di Giovanni Diana (nella foto), Sindaco di Pastorano in difesa del territorio dallo scempio che si vuole imporre a tutto l’agro Caleno e si impegnerà, superata questa emergenza per la definizione di un piano di sviluppo di tutta l’area. (Comunicato inviato da Confaggricoltura Caserta, direttore Tommaso Picone)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

About these ads