Montenero Val Cocchiara(Is)- (di Michele Visco) Amministrative 2010. Lo strano caso di Montenero Val Cocchiara. In corsa personaggi non del posto, addirittura candidato a sindaco l’ex primo cittadino di Montaquila Riccardo Lancini. Il sindaco Zuchegna in lista ma solo come consigliere e non dà capolista. In molti in queste ultime ore lo hanno già chiamato letteralmente “lo strano caso” di Montenero Val Cocchiara. Nel piccolo paese della provincia di Isernia, ai confini con l’Abruzzo e con la Valle del Volturno, dove si tornerà al voto i prossimi 28 e 29 marzo, sono state presentate ben cinque liste. Un numero esagerato visto il “misero” numero di votanti ed abitanti residenti. Ma la cosa che insospettisce ancora maggiormente è la presenza di almeno tre liste formate da non residenti. Il dato che salta maggiormente all’occhio riguarda addirittura una candidatura “illustre”, quella dell’ex sindaco di Montaquila Riccardo Lancini che si ritrova a capo della lista denominata “Quattro spighe di grano”, formata da persone non del posto tra cui anche personaggi conosciuti della Valle del Volturno. In corsa ci sono poi anche Giuseppe Centofanti con la lista “Liberi di volare”, anche questa “straniera” per così dire e Marco De Simone con il “movimento Fascismo e Libertà”. Le uniche due liste locali e sicuramente quella che si contenderanno il risultato finale sono quelle capeggiate da Carlo Di Nicola, noto esponente del Pd della zona del Volturno che si trova a capo della formazione elettorale denominata “Montenero in comune”, e, quella guidata dal candidato sindaco Orlando Roberto chiamata “Democrazia e libertà, che al suo interno vede solamente come consigliere l’attuale sindaco Alessio Zuchegna e tutti cittadini del posto. Si profila, quindi, una battaglia elettorale a due con la sfida incrociata tra Orlando e Di Nicola. Una bella scelta per i cittadini di Montenero che sono stati invasi da nomi e liste del tutto “sconosciute”.(Articolo a cura del giornalista Michele Visco)
Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

About these ads