Vedi lo Spot “Partecipa al Festival della Pace 2010″:

Sono aperte le iscrizioni per partecipare al “FESTIVAL DELLA PACE 2010” dal titolo: “L’acqua è un diritto di tutti” .

Alife, zona del MATESE (Caserta) - Il Festival della Pace é un’ Importante RASSEGNA di CANZONI, POESIE e riflessioni cantate e recitate da RAGAZZI e GIOVANI (di scuola elementare, media e superiore) che a loro volta andranno a costituire il ‘CORO DELLA PACE del Matese’ (della zona Matese). Il Festival della Pace é aperto anche ai giovani educati ad altre discipline artistiche (disegno, danza, etc..) purché in linea con le tematiche trattate. Il Festival, il cui scopo è quello di educare le giovani generazioni, sin dalla più tenera età alla coscienza civile, al rispetto e alla difesa del bene comune e dell’ambiente, mediante lo strumento educativo della cultura, dell’ arte e della musica di e a servizio della Pace, quest’anno in particolare si soffermerà a riflettere sui temi educativi dei Diritti dell’ infanzia, dei Diritti Umani – ambientali dell’ Acqua bene comune. Iscrizioni entro il Mese di Agosto 2010. Per maggiori info: http://www.agneseginocchio.it * info@agneseginocchio.it

Note:
Alcuni dei fotogrammi che compongono lo spot sono tratti dai reportage fotografici di Andrea Pioltini, fotoreporter e sono inerenti ad alcune manifestazioni per la Pace svoltasi qualche anno fa, alle quali fu presente anche il compianto sindaco di Alife Fernando Iannelli.

Segue:

-Appello e Scopo del “Festival della Pace“-

Occorre un’altra cultura: si chiama Pace! Il mondo é lacerato da una piaga, da una ferita mortale in cacrena: si chiama indifferenza! L’indifferenza ci fa allontanare sempre più dal nostro mondo, il prossimo intorno a noi che incontriamo ogni giorno. L’indifferenza ci trasforma in persone apatiche, ciniche, incapaci di provare sentimenti veri, l’indifferenza ci rende incapaci di reagire e di indignarci di fronte al male. Occorre urgentemente un cambio di rotta, un’altra cultura, all’ indifferenza madre di ogni arroganza far nascere l’ Amore! La mancanza dell’ Amore vero ha trasformato l’uomo in un mostro di iniquità e di perversione. L’indifferenza è la prima causa da cui nasce e prende origine ogni conflitto, ogni violenza, ogni mafia, ogni guerra, perché ci fa allontnare sempre più dall’umanità intorno a noi, nostro prossimo, nostro fratello, sorella e madre. Occorre un’altra cultura: la nonviolenza! L’uomo scellerato a sua volta ha devastato e violentato il mondo trasformandolo in un deserto senza vita, dove la desolazione – ‘pianto di Madre terra’, ha preso possesso e si é sostituita alla bellezza del Creato. “Se vuoi la Pace custodisci il Creato e difendi i diritti e i beni comuni di ogni uomo”.Occorre un’altra cultura: difendere i Beni Comuni! Difendi allora l’Acqua bene comune, diritto fondamentale di cui l’uomo non può farne a meno.Cos’é la vita senz’ Acqua? L’ Acqua é dono di Dio, l’uomo non può appropriarsene, ne ricavarne profitti personali vendendo questo bene comune a privati e multinazionali. Sarebbe una bestemmia! Urge un cambio di rotta. Occorre un’ altra cultura: l’istruzione. Perché la conoscenza, che si acquista mediante la corretta istruzione, ci fa acquistare consapevolezza nelle azioni e ci fa inventare metodi e strategie per obiettare ad ogni forma di violenza e di intolleranza. Occorre un’altra cultura: l’educazione alla Pace! Perché l’educazione alla Pace, che é la ‘massima aspirazione dell’uomo’ (cosa é l’uomo senza Pace?), é l’educazione civica che forma ogni uomo alla responsabilità, alla ‘vera politica’ di servizio, alla cittadinanza attiva, alla cultura del rispetto, della tolleranza, dell’attenzione verso il prossimo e della convivenza civile. L’educazione alla Pace aiuta a risolvere i problemi della comunità. La Pace si fonda sui pilastri della Giustizia! Rifletti, pensa e agisci. Occorre un’altra cultura: la Solidarietà! Meno superficialità, meno sprechi di risorse e più attenzione intorno a noi salveranno il mondo e l’uomo dalla devastazione morale e generale. Se la comunità ed il mondo intorno a noi sta male e ha bisogno di aiuto noi non possiamo far finta di non vedere, ne di non ascoltare quel ‘grido’ d’aiuto, ma abbiamo il dovere di intervenire e di interessarci, proprio perché siamo parte di questo mondo e se una parte del mondo sta male, tutta la comunità di cui siamo parte, finirà per risentirne di quel male. La situazione si aggraverà sempre più se non si interviene in tempo. Bisogna fermare la cancrena mortale che sta lacerando il mondo. Questa ferita mortale é stata provocata e voluta dalla nostra indifferenza, dal nostro disinteressamento su quello che accade. L’attuale e disordinato andazio di questo tempo perverso, sta conducendo il mondo alla deriva e soffocando sempre più il nostro pianeta…L’uomo folle non si rende conto che così andando distrugge tutto ciò che di buono e di bello gli é stato affidato in custodia e peggio ancora sta distruggendo il FUTURO dei suoi figli. Infatti, se andremo avanti di questo passo non ci sarà futuro per nessuno. Bisogna agire ora! Pensa, rifletti e agisci. Occorre un cambio di rotta. Occorre unl’altra cultura: la difesa dei diiritti di ogni uomo! Con l’ affermazione dei diritti di ogni uomo su questa terra ci sarà finalmente uguaglianza, rispetto, Amore. Condizioni necessarie su cui si fonda la Pace e Giustizia. Così Madre Terra ed il pianeta torneranno a ri-vivere, a sorridere e a ergersi in tutto il loro splendore e con i 7 colori dell’Arcobaleno della Speranza innalzeremo all’alba del giorno nuovo che verrà il ‘Canto della Speranza e finalmente si affermerà un mondo di Pace! Vieni allora e unisciti a noi, dai il tuo contributo ed impegnati ad abbattere ogni muro di indiffernza e di cinismo che impedisce di guardare oltre e di avvicinarti al tuo mondo intorno, impegna la tua vita ogni giorno per costruire mattone dopo mattone un’altra Cultura: la Pace. La Pace é l’ unica strada e l’ unica alternativa agli scontri di civiltà! Vieni e partecipa al “Festival della Pace”! Per maggiori info: http://www.agneseginocchio.it * info@agneseginocchio.it

Il “FESTIVAL DELLA PACE” dal titolo: “L’acqua è un diritto di tutti” é un’ Importante RASSEGNA di CANZONI, POESIE e riflessioni cantate e recitate da RAGAZZI e GIOVANI (di scuola elementare, media e superiore) che a loro volta andranno a costituire il ‘CORO DELLA PACE del Matese’ (della zona Matese)

Il Festival della Pace é aperto anche ai giovani educati ad altre discipline artistiche (disegno, danza, etc..) purché in linea con le tematiche trattate.

Il Festival , il cui scopo è quello di educare le giovani generazioni, sin dalla più tenera età alla coscienza civile, al rispetto e alla difesa del bene comune e dell’ambiente, mediante lo strumento educativo della cultura, dell’ arte e della musica di e a servizio della Pace, quest’anno in particolare si soffermerà a riflettere sui temi educativi dei Diritti dell’infanzia, dei Diritti Umani – ambientali dell’ Acqua bene comune. Iscrizioni entro il Mese di Agosto 2010 Per maggiori info: www.festivaldellapace.blogspot.com * info@agneseginocchio.it 

Leggi articolo correlato:

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

About these ads