L’ASSOCIAZIONE FILARMONICA “A. Vessella” di BAIA E LATINA
con la collaborazione della PRO LOCO ALVIGNANESE

I N V I T A

alla presentazione del libro “Sisto Lino D’Onofrio, mezzo secolo di musica” del giornalista Vincenzo Corniello, che avrà luogo a Napoli, presso il foyer del Teatro di San Carlo, domenica 29 maggio 2011 alle ore 9,30.

La pubblicazione sarà presentata dal dott. Antonello Velardi, giornalista, redattore capo re-sponsabile de “Il Mattino”.

Presenzieranno:
• il Maestro Filippo Zigante, Direttore d’orchestra, già Direttore artistico del Teatro di S. Carlo e Direttore del Conservatorio S. Pietro a Majella di Napoli;
• il sindaco di Baia e Latina.
Oltre all’autore del libro e al Maestro Sisto Lino D’Onofrio, saranno presenti musicisti dell’Orchestra del San Carlo ed esponenti della direzione del Massimo Napoletano.
Moderatore della manifestazione l’avvocato Alberto Zaza D’Aulisio, giornalista, Presidente della “Società di Storia Patria di Terra di Lavoro”.

Dopo la presentazione del libro si potrà visitare il Teatro, con guida autorizzata, e a tutti i par-tecipanti sarà offerto un rinfresco.

E’ prevista l’organizzazione di un pullman che partirà da Alvignano alle ore 7,30; da Dra-goni alle ore 7,35; da Latina alle ore 7,40; da Baia alle ore 7,45. Quota di partecipazione Euro 10,00.

Dopo la Manifestazione (presumibilmente alle ore 12,00), ai partecipanti che avranno aderito con l’autobus, saranno concesse tre ore per avere la possibilità di visitare la Galleria Umberto, il Palazzo Reale, la piazza del Plebiscito, il Maschio Angioino o altri monumenti a loro scelta.

Si raccomanda la precisione, atteso che il Teatro di San Carlo è stato concesso eccezionalmente, con l’obbligo del rispetto rigido degli orari.

Ci si attende una rilevante partecipazione, in particolare dai cittadini di Baia e Latina e dell’Alto casertano. Atteso che il Maestro D’Onofrio è uno dei personaggi che, nel campo musicale, ha dato lustro non solo alla nativa Baia e Latina, ma all’intera Terrra di Lavoro ed alla Campania. Il primo clarinetto dell’Orchestra del Teatro di San Carlo di Napoli, infatti, è conosciuto in tutto il mondo per la sua arte non comune.

Per prenotazioni ci si può rivolgere a Biagio Ciallella (Baia e Latina) tel. 0823980546 -3494274233; Mario D’Onofrio (Baia e Latina) 0823980289; Pro Loco Alvignanese 3498402027 – 3402582556.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Si ringraziano per la cortese fattiva collaborazione:
• VisionOttica Corniello – con sedi in Alvignano, Piazza Mercato n. 1- tel.: 0823865620; Alife via Roma n. 86 – tel.: 0823783394; Caiazzo Via G.B. Cattabeni n. 26 – tel.: 0823868907.
• Edicola-Cartoleria Di Rienzo s.a.s. – con sede in Alvignano, Corso Umberto I n. 68 tel.: 0823865666 – 3475016391.

PREFAZIONE

Con misurata modestia, mi sono assunto l’impegno di celebrare, in occasione del suo cinquantesimo compleanno, uno dei personaggi che, nel campo musicale ha dato lustro non solo alla nativa Baia e Latina, ma all’Alto Casertano, all’intera provincia di Caserta ed alla Campania. Sarebbe stato più opportuno se altra persona si fosse fatta carico di memorizzare il mezzo secolo di vita di Sisto Lino D’Onofrio. Diventa, invece, quasi impudente, per me, trattare l’argomento per una serie di motivi: il primo, perché nella crescita artistica del Maestro D’Onofrio è “implicato” anche un mio stretto parente; il secondo, perché amo troppo la musica per essere imparziale; il terzo perché un personaggio illustre, quando ”viene fuori” dal mio territorio, mi riempie di gioia e di orgoglio a tal punto da farmi tracimare; il quarto perché è un mio caro amico. E ce ne sarebbero altri di motivi che mi indurrebbero a non essere obiettivo! Ma, nonostante le forti suggestioni, cercherò di fare del mio meglio. Che dire di Sisto Lino D’Onofrio? Insieme con Luigi Farina, originario di Ailano, già prima tromba dell’orchestra del Teatro alla Scala di Milano, quasi certamente rappresenta, nell’Alto Casertano e forse in tutta Terra di Lavoro, il massimo nell’arte dei suoni, dal dopoguerra ad oggi. Oltre ad essere risultato vincitore, giovanissimo, al concorso per primo clarinetto, presso la prestigiosa Orchestra del Teatro di San Carlo in Napoli, ed essere diventato, a soli 26 anni, docente di clarinetto ai Conservatori di Benevento e di Salerno, D’Onofrio è conosciuto in tutto il mondo per la sua arte non comune. Ha suonato sotto la direzione di quasi tutti i Maestri che vanno per la maggiora a livello internazionale. Si è esibito nei più importanti teatri. Sisto Lino rimane, però, il ragazzo modesto di un paesino rurale. L’esser stato diretto da maestri del calibro di Muti, Rostropovic o Maazel, oppure aver fatto musica al Teatro greco di Epidauro o a Wiesbaden in Germania, non lo ha esaltato. Come pure aver ricevuto i complimenti da Luciano Pavarotti per l’assolo nella Tosca al San Carlo o la rilevanza mediatica che gli comportò “il solo” nel terzo atto della Forza del Destino in Germania, lo hanno lasciato sempre se stesso, quasi a vergognarsi se glielo si rammenta. L’ho sperimentato personalmente quando lo incontrai per proporgli l’articolo su “Il Mattino” (inserito nella pubblicazione). In quella occasione lo trovai particolarmente schivo, a guisa di uno che intendesse rifiutare quell’ incontro. Fermo qui questa breve presentazione, aggiungendo unicamente che il Maestro D’Onofrio non ha avuto solamente rilevanti riconoscimenti artistici ma ha conquistato il cuore di tutti, dalle cariche istituzionali di Baia e Latina ai suoi maestri, dai colleghi, agli allievi e agli amici più cari, godendo di una sempre crescente estimazione sia privata che pubblica

Ad maiora Sisto!  1 novembre 2009 Vincenzo Corniello

 Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

About these ads