L’Italia ha un nuovo vulcano: un nome non ce l’ha ancora, e’ spento da moltissimo tempo e si trova nel Tirreno meridionale, al largo della Calabria, di fronte a Capo Vaticano.

I ricercatori dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), in collaborazione con l’universita’ della Calabria, l’hanno scoperto grazie alla sua ’’firma magnetica’’ contenuta nelle sue rocce. Il nuovo vulcano, che i ricercatori descrivono in un articolo in via di pubblicazione sul Journal of Geophysical Research, si aggiunge ai 28 gia’ noti in Italia (fra attivi e non). Si trova sulla stessa faglia che ha dato origine al terremoto di magnitudo 6,7 che nel 1905 aveva colpito la Calabria, provocando oltre 550 morti e migliaia di senzatetto.

Gli studiosi dell’INGV coinvolti nello studio sono statiRiccardo De Ritis, Guido Ventura, Iacopo Nicolosi, Massimo Chiappini, Fabio Speranza e quelli dell’Università della Calabria Rocco Dominici, Rosanna De Rosa, Paola Donato,Maurizio Sonnino. Ad attirare la loro attenzione era stato un puntino rosso sulla Carta magnetica d’Italia messa a punto nel 2000, che integrava tutti i dati magnetici acquisiti nel Paese. ’’Un altro campanello d’allarme erano state le pomici trovate a Capo Vaticano’’, spiega Chiappini. Cosi’ i ricercatori hanno pensato di approfondire ricorrendo alla tecnica dell’aeromagnetismo, piu’ volte utilizzata dall’Ingv in Antartide e basata sull’uso di un sensore magnetico a bordo di un elicottero. I dati acquisiti in questo modo sono stati combinati con quelli esistenti in letteratura e alla fine si e’ riusciti a identificare il nuovo vulcano.

Il vulcano, che ancora non ha un nome, si trova nel Tirreno Meridionale a largo di Capo Vaticano in Calabria, localizzato a circa 120 metri sotto al livello del mare e si estende per circa 15 km (38* 50’ N; 15* 50’ E ).

La scoperta e’ stata possibile grazie all’efficace tecnica aeromagnetica che ha permesso di evidenziare una struttura sommersa con l’ausilio di strumentazione dedicata a bordo di un elicottero. “Si tratta di un magnetometro trainato da un velivolo su cui e’ installato un vero e proprio centro di calcolo’’, spiega Massimo Chiappini, firmatario della ricerca. Nell’articolo in via di pubblicazione il vulcanologo dell’INGV, Guido Ventura, riferisce che il vulcano di nuova scoperta e’ stato attivo tra 670 mila anni e 1 milione e 70 mila anni fa, come dimostrano le datazioni radiometriche gia’ effettuate su campioni di pomici a terra. E’ noto che in Calabria non esistono vulcani, ma il tutto nasce da un’intuizione maturata osservando la carta magnetica d’Italia e la presenza di alcuni prodotti vulcanici nell’area di Capo Vaticano di cui non si conosceva la sorgente. Lo studioso Riccardo De Ritis scopre che la struttura vulcanica si imposta proprio su una faglia attiva che l’8 settembre del 1905 sconvolse con un terremoto di magnitudo 6.7 la Calabria, facendo 557 morti accertati e migliaia di senzatetto. ’’C’e’ una diretta sovrapposizione – dice De Ritis – tra il corpo vulcanico individuato, la struttura sismogenetica e quella magnetica misurata con la tecnica aeromagnetica; tuttavia non vi e’ relazione diretta tra l’attivita’ vulcanica e la sismicita’ dell’area di Capo Vaticano’’. Questa importante scoperta mette in discussione gli attuali modelli geodinamici del Tirreno e indica come i vulcani delle Eolie si estendessero verso Est ben oltre quanto fino ad oggi ritenuto. Fino ad ora, gli attuali dati posizionano il vulcanismo delle Eolie fino a poco oltre Panarea e Stromboli, mentre la presente scoperta dimostra che si estende fino alla costa calabra.

Fonte: www.meteoweb.eu

Stefano Amici.

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

About these ads