SVILUPPO DI DERIVATI DI FRUTTA AD ELEVATO GRADO DI SICUREZZA D’ USO
PROGETTO COFINANZIATO DAL PSR 2007-2013 DELLA REGIONE CAMPANIA – MISURA 124
LA S.V. E’ INVITATA A PARTECIPARE ALL’ INCONTRO TECNICO SUI SEGUENTI TEMI
I risultati del II anno di attività del progetto Derfram
prof.ssa Elena Sorrentino
Aggiornamenti e prospettive della Mis. 124 del PSR Campania (altro…)

Ernesto Buondonno è stato nominato presidente della Federazione Nazionale di Prodotto allevamenti bufalini, che è stata costituita oggi in Confagricoltura, a fianco delle (altro…)

Caserta- “E’ certamente una buona notizia che la Giunta della Regione Campania abbia approvato la Delibera presentata dall’Assessore Daniela Nugnes sulla tracciabilità dell’intera filiera bufalina – così interviene Ernesto Buondonno – Presidente della Sezione Bufalina di Confagricoltura Campania. “Sono sicuro che l’approvazione di questo atto (altro…)

Confagricoltura: “Mozzarella di bufala campana DOP, le modifiche proposte dal Consorzio di Tutela sono da respingere perché danneggiano allevatori, trasformatori e consumatori”

Il presidente Pannullo: “Le nostre denunce hanno sollevato un polverone.
No all’utilizzo di cagliata di bufala congelata” (altro…)

Sparanise(Ce)- Antonio Marulli, Presidente di Confagricoltura Caserta: “Per superare tutti i problemi, come l’usura, è necessario l’impegno diretto delle associazioni e degli imprenditori, anche per arginare atti vandalici come l’incendio dei terreni coltivati da (altro…)

Caserta- Confagricoltura Campania: Non bisogna cambiare il Disciplinare la strada giusta è valorizzare il prodotto così com’è. Abbiamo in più occasioni espresso la contarietà di Confagricoltura Campania ad apportare modifiche al Disciplinare della Mozzarella di Bufala Campana che possano stravolgere il prodotto ed interrompere il feeling con i consumatori, afferma Michele Pannullo, Presidente di Confagricoltura Campania. Come noto il Consorzio di Tutela sta valutando alcune modifiche al disciplinare che potrebbero permettere nuovi formati e non quelli tradizionali e la possibilità di surgelare il prodotto. Queste soluzioni non sono accettabili e rischiano di minare alla base il prodotto che tanto è amato dai Continua a leggere

Caserta- Confagricoltura : “Il Tavolo aperto in Regione dall’Assessore Nappi deve prendere atto delle nuove regole della filiera della Mozzarella di bufala e adeguare il prezzo del latte alla stalla ai costi sempre crescenti”. Le Organizzazioni agricole e in testa la Confagricoltura hanno chiesto che l’Assessore all’Agricoltura Nappi convocasse un tavolo per affrontare tutte le tematiche del comparto bufalino, Continua a leggere

Caserta- “Gli allevatori negli ultimi anni hanno affrontato sacrifici economicamente importanti per garantire un futuro al comparto. Non è accettabile che notizie di stampa possano mettere a rischio il lavoro di tanti”. Sono oramai tre anni che gli allevatori di bufala di Terra di Lavoro hanno intrapreso un percorso difficile di riqualificazione del comparto affrontando sacrifici notevoli sul piano economico, afferma Antonio Marulli Presidente Confagricoltura Caserta, nella convinzione che tutto il comparto possa riconquistare la competitività smarrita. Gli allevatori hanno in corso un piano di risanamento sanitario e hanno subito lo scorso anno un blocco della produzione per permettere un controllo sulla qualità del latte di tutte le aziende. Continua a leggere

Caserta- Confagricoltura: “Inutile eleggere un nuovo Presidente. Sarebbe ora, che assumendosi le proprie responsabilità, il Consiglio Direttivo del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala rassegni le dimissioni ed intervenga in modo radicale il Ministero.”  Ancora una volta il Consiglio Direttivo del Consorzio di Tutela, dimostra una assoluta inconsapevolezza rispetto alla complessità della crisi che sta attanagliando il comparto bufalino. Continua a leggere

Pastorano(Ce)- Continua l’impegno per la difesa dell’Agro Caleno, area di grande interesse agricolo della nostra provincia – afferma Antonio Marulli, Presidente della Confagricoltura – Non è ammissibile che in una zona a cui il PSR ha destinato gran parte delle risorse comunitarie fino al 2013, possa ospitare strutture di smaltimento dei rifiuti speciali peraltro gestite da privati. La Regione Campania deve dimostrare coerenza con la sua stessa programmazione – continua Marulli – e revocare le autorizzazioni a suo tempo concesse per l’impianto previsto nel Comune di Pastorano, ma deve anche assicurare in futuro che gli investimenti e la dedizione degli imprenditori agricoli di tutto l’Agro Caleno siano tutelati e dovutamente rispettati. E’ nostra convinzione che le buone ragioni del Comune di Pastorano e degli allevatori della zona troveranno soddisfazione, ma è doveroso che tutte le Istituzioni si adoperino per la tutela dell’area e per favorire lo sviluppo di un vero Distretto rurale ed agroalimentare per assicurare una sviluppo duraturo a tutta l’area. La Confagricoltura – conclude Antonio Marulli – è al fianco degli agricoltori della zona e di Giovanni Diana (nella foto), Sindaco di Pastorano in difesa Continua a leggere

Caserta- (da unione provinciale Agricoltori) “Una occasione persa” questa la lettura che Nicola Cecere, rappresentante degli Allevatori Bufalini Campani di Confagricoltura, dà sul ritiro da parte del Governo di un emendamento che avrebbe disposto l’obbligo di produrre la Mozzarella di Bufala Campana Dop in stabilimenti separati da quelli in cui avviene la produzione di altri formaggi o preparati alimentari.  “E’ da tempo che Confagricoltura sottolinea in tutte le sedi che è necessario porre in essere una serie di azioni e misure di carattere strutturale per rilanciare il marchio mozzarella di bufala campana. L’obbligo a carico dei trasformatori di Mozzarella di Bufala Campana Dop (altro…)

Caserta- (Ufficio stampa provincia)Il territorio della provincia di Caserta è stato inserito nel disciplinare di produzione dell’Indicazione geografica protetta (Igp) “Vitellone bianco dell’Appennino centrale“. Il risultato è arrivato al termine dell’audizione pubblica tenutasi a Perugia, in cui è stata approvata la proposta di modifica dell’area geografica (articolo 2 del disciplinare), che comprenderà dunque ben 54 Comuni di Terra di Lavoro. Il vitellone bianco sarà pertanto prodotto tipico anche sul territorio casertano. L’iniziativa è stata promossa dal Consorzio di Tutela ed è stata sostenuta dalla Provincia di Caserta, attraverso il lavoro del vicepresidente e assessore alle Politiche agricole, Mimmo Dell’Aquila: “Cogliamo oggi – commenta Dell’Aquila – il frutto di un’azione di lobbying portata avanti dal nostro Ente, insieme con Regione Campania, Coldiretti, Confagricoltura, Cia e Arac Continua a leggere

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 189 follower