Baia Domizia(Ce)- Un sala gremita di imprenditori del turismo e del terziario, proprietari di case vacanza, nonché esponenti della politica locale e di numerose associazioni e consorzi balneari di Cellole e Sessa, ha fatto da cornice all’incontro tra Gaetano Cerrito e Annamaria Colao (nella foto), Presidente

Continua a leggere

Premiati tra gli altri l’allenatore del Napoli, Mazzarri, il cantautore Gigi Finizio, il generale Bianco, vertice della Protezione Civile Campania e Liliana De Curtis, figlia del grande Totò

Baia Domizia(CE)- La rivista Il Den, nel luglio del 2008, titolava: “Gaetano Cerrito, un Italiano Vero”; sulla stessa falsariga Il Corriere del Mezziogiorno con: “Cerrito, il Simon Bolivar, il patriota della Riviera Casertana”, come anche “Il Bossi del Sud”, senza contare gli innumerevoli attestati di stima, piovuti un po’ da tutte le parti, dal mondo politico-istituzionale, a quello dello spettacolo, dalla cultura al giornalismo, nonché svariati premi conseguiti in più circostanze al Palazzo dei Congressi di Roma, al Teatro Politeama di Napoli, ma anche a Caserta, Formia e Cellole (suo paese natale, di cui nel 2006 ha ricevuto le chiavi della città). Ed ora, direttamente dal capoluogo campano, arriva un nuovo prestigioso riconoscimento: Stiamo parlando del “Premio la Terza Napoli – La Città che Eccelle”, giunto ormai alla sua III edizione, istituito dall’Associazione l’Emicilio e patrocinato dal Comune di Napoli. Continua a leggere

Associazione Amici de “L’Altra Italia”. Cerrito: Vorrei vivere in un Paese “quasi” normale

Appello a Berlusconi, Bersani, Fini, Casini, Bossi, D’Alema, Letta, Veltroni, Di Pietro, Rutelli, Vendola e…, affinché  affrontino le esigenze vere del Paese, a partire dal Sud.

In una mia lettera inviata alla stampa circa un anno fa denunciavo il “momento spettrale” che il Sud in primis e, più in generale, l’Italia attraversavano. Non mi sbagliavo e gli avvenimenti di quest’ultimo lasso di tempo non sono altro che la consecutio di una gigantesca degenerazione dei valori della politica, nella quale abbiamo creduto come cambiamento sostanziale di riscatto e di sviluppo della nostra terra e dell’Italia intera.

Non volendo generalizzare, credo che questi intrecci perversi di malcostume dilagante, di arricchimenti illeciti e di assoluta e demoniaca indifferenza per la gente che ormai è stanca, delusa ed annichilita di fronte ad una politica lontana anni luce dai suoi bisogni e dai suoi sogni, ci facciano precipitare definitivamente nel buio di una notte senza fine. Continua a leggere

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 190 follower