San Potito Sannitico (Ce)- Ultimi appuntamenti estivi per l’Eco Museo dell’Alto Casertano, progetto realizzato, nell’ambito della Misura 4 “Valorizzazione delle Risorse Naturali e Culturali” – Azione 4.i “Ecomuseo dell’Alto Casertano” del GAL Alto Casertano, dalla Pro Loco Genius Loci di San Potito Sannitico in collaborazione con altre associazioni operanti sul territorio. Il progetto, grazie anche alla disponibilità dell’Amministrazione Comunale di San Potito Sannitico, ha dato la possibilità di costituire nel piccolo comune matesino, già sede di Enti di rilevanza regionale, quali l’Ente Parco Regionale del Matese ed il Consorzio CE/1 per il ciclo integrato dei rifiuti, un Centro Pilota di Accoglienza, dotato di info-point, sala espositiva, sala multimediale e centro di documentazione, il quale si pone l’obiettivo di offrire, a residenti e visitatori, informazioni, servizi e visite guidate, alla scoperta di suggestivi percorsi tematici del territorio. Successivamente all’inaugurazione ufficiale, svoltasi il 22 giugno, l’Ecomuseo ha iniziato le sue attività proponendo, attraverso le diverse associazioni, un calendario di itinerari per tutto il periodo che va da luglio ad ottobre, proponendo percorsi tematici diversi: per il percorso tematico Le vie dei monti e dei borghi sono state proposte passeggiate alla Valle del Lontro di San Potito Sannitico, alle miniere di Bauxite di Bocca della Selva, a Monte Mutria, al Monte Cila, alla Valle dell’Esule, all’Alvaneto, a Selvapiana di Sant’Angelo d’Alife, alla Cipresseta di Fontegreca, alle rovine dell’Orto della Regina a Roccamonfina. Per il percorso tematico I sentieri della Tradizione, invece, sono stati proposti gli itinerari della riscoperta degli antichi mestieri di Sipicciano di Galluccio e la riscoperta del costume tipico di Letino. Infine, nel percorso tematico Andando per castelli e borghi, sono state proposte visite dei centri storici e palazzi di San Potito Sannitico, Prata Sannita, Raviscanina e Alife. Tutti gli itinerari proposti hanno registrato una presenza massiccia di partecipanti, dimostrando la validità del progetto e l’interesse comune a residenti e turisti, per un territorio vario e affascinate come quello dell’Alto Casertano. Nel progetto EcoMuseo dell’Alto Casertano, insieme alla Pro Loco di San Potito Sannitico, sono state messe in rete altre associazioni impegnate nella valorizzazione e salvaguardia del territorio, quali le Pro Loco di Bocca della Selva e Letino, Legambiente – Circolo del Matese, Club Alpino Italiano – sezione di Piedimonte Matese, Astrambiente – Provincia di Caserta, Archeoclub d’Italia – Sezione di Alife, Associazione MonteCaruso di Sipicciano di Galluccio, la Cooperativa Effatà, lo Sci Club Fondo Matese e l’Associazione Micologica del Matese. Sono ora in elaborazione, da parte di tutte le associazioni, nuovi itinerari, che andranno ad accrescere l’offerta culturale e a valorizzare ulteriormente le risorse ambientali e storico-etnografiche del territorio. Un ringraziamento particolare va ai giovani volontari del servizio civile, il cui prezioso aiuto ha permesso la realizzazione di tutto ciò. ( Comunicato stampa da ufficio stampa Pro Loco San Potito)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & dintorni “

Annunci