Data storica da annotare quella del 22 settembre 2007 per la nascita a San Salvatore Telesino (Bn) del PARTITO DEMOCRATICO.

San Salvatore Telesino (Benevento)- La coalizione unitaria che vede i Democratici di Sinistra e la Margherita unirsi sotto un unico cartello politico si è presentata alla popolazione del piccolo comune telesino con un interessante convegno : ” Verso il Partito Democratico : è tempo di scegliere ! ” Il pubblico incontro è stato moderato da Stefano Avitabile con la partecipazione dei diversi esponenti locali. Il primo appassionante intervento è stato dell’ ex-diessino Domenico Iaquinto seguito a ruota dalle dichiarazioni dell’ On.le Mario Pepe che ha sottolineato: ” Il PD è un partito che nasce dalla confluenza di grandi storie politiche, culturali, umane… il PD nasce avendo dentro di sé l’eredità di quelle formazioni che hanno restituito la libertà agli italiani, quelle formazioni che hanno fatto crescere l’Italia e gli italiani, che hanno portato il nostro Paese a trasformarsi da una comunità sconfitta a una delle principali potenze mondiali…”. Seguiva negli interventi Pietro Napolitano : ” Io voterò Veltroni, ma se dovesse essere Letta o chi per esso per me non fa differenza perché credo che per far si che il PD sia un partito nuovo e non un nuovo partito bisogna fare in modo che dal basso ci sia la più ampia partecipazione possibile…” – ha continuato il diessino dimissionario – ” Io credevo che il processo di costituzione del PD a San Salvatore Telesino si sarebbe potuto avviare già alle passate elezioni amministrative ma io,allora componente del direttivo sezionale insieme altri iscritti ci siamo trovati di fronte la scelta della segreteria di stare in una posizione di stallo, equidistante dalla Margherita, posizione che non abbiamo accettato e, per quanto mi riguarda, motivo delle dimissioni, seguite poi da quasi tutti i nuovi iscritti…”.
Dopo la testimonianza del giovane sansalvatorese sulla diatriba diessina è intervenuto il coordinatore del locale circolo della Margherita Giovanni Saracco, sostenendo i valori ideali alla base di questo nuovo progetto politico e ricordando alla platea che quest’appuntamento è solo il primo passo di un lungo cammino politico. Assenti all’incontro, il primo cittadino Giuseppe Creta e il Segretario Provinciale dei DS Rossano Insogna. Prima delle conclusioni di Umberto Del Basso De Caro è intervenuto Emilo Bove, leader locale del nascente PD : ” Sono convinto che il 14 ottobre sarà un giorno importante per la democrazia italiana. Nasce in forma nuova, un partito nuovo. Nasce consentendo a chiunque creda in questo progetto di iscriversi e partecipare direttamente…” il capogruppo dell’opposizione consiliare ha sottolineato anche : ” …bisogna unire le culture e le forze riformiste del nostro paese, superare la parzialità e l’insufficenza di ognuna di esse, di ognuno di noi. Bisogna dar vita a una forza plurale attraverso non il semplice accostamento, ma una creazione nuova…”. Emilio Bove ha chiuso il suo discorso evidenziando anche la sua posizione e quella del Partito Democratico contro l’insediamento dell’impianto a biomasse di C.da San Mennitto, sottolineando che l’interlocuzione con i leader politici regionali e nazionali continua nella direzione assunta già dal luglio scorso. La platea ha sottolineato con un grande applauso il chiarimento fatto da Stefano Avitabile in merito alle false affermazioni del primo cittadino di San Salvatore Telesino Giuseppe Creta, che nel primo consiglio comunale aperto, accusò i Democratici di Sinistra locali di essere stati i sostenitori di questa centrale di produzione di energia elettrica alimentata da biomasse. In quella occasione Creta sventolò la pubblicazione di una relazione fatta da alcuni componenti della sezione sansalvatorese. Stefano Avitabile ha ricordato che tale documento è relativo al piccolo impianto a biomasse che si voleva costruire e non dell’inceneritore di rifiuti attuale che, come confermato dai funzionari regionali e dalla stessa società realizzatrice, si intende fare a San Salvatore Telesino. La manifestazione si è chiusa con l’interessante intervento di Umberto Del Basso De Caro : “ L’idea di partecipare alla creazione di un nuovo grande partito è uno di quegli stimoli per cui vale la pena fare politica…” ha spiegato l’ex dirigente socialista beneventano ” …penso seriamente che San Salvatore Telesino ora ha bisogno di un vero partito, di un partito nazionale che possa veramente rappresentare ed esprimere la propria territorialità…”( Comunicato stampa inviato da Stefano Avitabile, giornalista di Valle Telesina)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & dintorni”