Audizione alla Commisione Ambiente della Regione per fermare la cava a Pietravairano

La Federazione provinciale dei verdi di Caserta esprime viva soddisfazione per la decisione adottata dal Presidente della Commissione Ambiente della Regione, il consigliere regionale dei verdi Michele Ragosta, di convocare per lunedì 1 ottobre un’apposita riunione sul tema della possibile apertura di una cava a Pietravairano. I Verdi casertani, che saranno presenti all’incontro con il leader provinciale Raffaele Aveta, con il presidente provinciale Enzo Falco, con l’assessore all’Ambiente Maria Carmela Caiola, con i movimenti e i comitati che stanno portando avanti la lotta contro la cava, porteranno all’attenzione della commisione i gravi danni che potrebbero derivare al territorio e alle popolazioni dell’Alto casertano dall’apertura dell’ecomostro. Sul tema è intervenuto il leader dei verdi, Raffaele Aveta:”L’Alto casertano è una delle pochissime zone della nostra provincia che ancora non presenta gravi danni dal punto di vista ambientale. La vocazione del suo territorio, con la creazione di due parchi regionali, di numerosi siti S.I.C. e Z.p.S. è eminenentemente turistica e agricola, del tutto incompatibile con la presenza di cave, cementifici e con qualsiesi altro impianto inquinante. I tentativi in corso da quache tempo di delocalizzare nell’Alto casertano impianti altamente patogeni debono essre combattutti strenuamente”. “I nostri referenti politici regionali e nazionali faranno tutto il possibile- aggiunge Enzo falco- per sventare questo nuovo assalato alle ricchezze della nostra terra e alla salute dei cittadini”. La Federazione provinciale dei Verdi di Caserta, da sempre in prima linea per la difesa del territorio e della vivibilità, preannunzia altre iniziative per fermare l’aecomostro.(Comunicato da Verdi, Federazione provinciale di CAserta)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & dintorni”