Intervento del dott. Giuseppe Messina esponente del comitato scientifico Legambiente( nella foto a dx. Autore foto Andrea Pioltini) , su manifestazione contro cave e cementificio a Pietravairano(Ce) del 13 Ottobre 2007. Il Dott. Messina é uno dei principali attivisti che si sono distinti nella nostra provincia per la lotta di difesa e tutela dell’ambiente. In particolare si segnala la lotta contro lo scempio ambientale ed illegale delle Cave e della discarica inquinante e pericolosa de Lo Uttaro.

Pietravairano: territorio, 33 Kmq circa, 3000 abitanti (densità per Kmq bassissima 90,0 ab), poco più di mille famiglie e 1400 abitazioni circa. Un’economia agricola il cui territorio, in un Paese responsabile e normale, avrebbe come prospettiva di sviluppo l’ambiente, il paesaggio, la buona tavola e la tranquillità. Quanto vale tutto questo agli occhi degli amministratori locali e dei pianificatori provinciali? Meno che niente. Come ti cambiano alla radice l’identità e il futuro di un territorio: un centro commerciale, un cementificio e due centrali a biomassa (mancano solo le biomasse poi va tutto bene!). Tutto questo hanno deciso, aldilà delle sceneggiate pubbliche per far fesso il popolo bue, per Pietravairano e quella comunità, compresa la discussione su un improbabile parco regionale (tutto e il contrario di tutto. Come una grande abbuffata). La domanda da porsi: “È questo quello che avevate prospettato e pensato per i vostri figli, il vostro territorio, la vostra cultura, la vostra identità e per voi stessi?”. Se la risposta è si, andate pure avanti, diventerete, nella migliore delle ipotesi, come Marcianise, Villa Literno o Capodrise. Andate a farvi un giro turistico da quelle parti e poi fatevi un giro per il vostro territorio per ricordare e non dimenticare “come eravate”. Con tanti auguri per l’ambiente e tutte le chiacchiere sullo sviluppo sostenibile. Caserta, 12 ottobre 2007. Comunicato da dott .Giuseppe Messina – Comitato Scientifico Legambiente )

Leggi articolo correlato “Messina: Caso Cava Cava Moccia” (clicca su questa scritta per aprire la pagina)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & dintorni”