NEVE SUL massiccio del MATESE. Campania e Molise- Neve sull’ Appennino del Matese sopra i mille metri.

Termometro in picchiata, temperature e freddo record attraversano i comuni dell’alto casertano -matesino, della provincia di Terra di lavoro e del Sannio con pioggia, nubifragi, vento, neve e burrasche.

La prima vera nevicata della stagione. Neve sulle cime del Matese ( nelle foto) sopra i 1000 metri e collegamenti marittimi sospesi: Campania e Molise fanno i conti con l’inverno precoce e avvertono già i primi disagi. Da questa mattina alcuni centimetri di neve sono caduti sopra i 1000 metri di quota. Imbiancati i comuni degli Appennini del Matese di Letino e Gallo Matese nell’ alto casertano(Caserta) e le piste di Campitello Matese, (10 cm di manto bianco),Capracotta e Pescopennataro in provincia di Isernia. Le giornate piovose e ventose e il freddo si faranno sentire solo fino a domani. Secondo le previsioni del Centro Epson Meteo, lunedì ci saranno ancora molte nubi e rovesci sparsi al Sud, con nevicate in montagna oltre 1.200 metri. Nuvole e qualche pioggia anche sulle regioni centrali adriatiche, con qualche nevicata oltre gli 800 -1.000 metri. Freddo ovunque, soprattutto nelle prime ore del giorno e vento forte al Centro-Sud. Freddo pungente ovunque, mentre sulla costa il mare forza sei ha bloccato il collegamento quotidiano tra Termoli e le isole Tremiti. Un morto, fabbricati allagati e automobili sommerse: dalla serata di ieri piogge torrenziali flagellano diverse zone della Campania. Nei Comuni di Nocera Inferiore e Scafati, in Provincia di Salerno, un nubifragio ha causato lo straripamento del fiume Sarno. Nella zona sono diversi gli edifici allagati e molte le automobili sommerse dall’acqua. Sono al lavoro squadre di Vigili del fuoco provenienti da tutta la Campania. Dalla serata di ieri anche il Napoletano è flagellato da piogge e allagamenti. Particolarmente colpite la Costiera sorrentina e le isole di Capri e Ischia. In serata un uomo è morto nei pressi di Torre Annunziata, sommerso dall’acqua mentre percorreva in automobile un sottopassaggio all’uscita della Napoli-Salerno.

Neve sul Vesuvio (nella foto)

La neve ha fatto la sua comparsa a Napoli sulla vetta del Vesuvio. Freddo e maltempo sin dalle prime ore del giorno hanno caratterizzato la giornata nel capoluogo partenopeo e in Campania facendo da cornice alla visita pastorale del Papa contrassegnata anche da una pioggia battente che continua a non dare scampo. Neve e maltempo anche nelle zone interne della regione come nell’area del massiccio del Matese.

(Segue da Rai News 24) Ondata di maltempo su tutta Italia, nevica sull’Appennino centro-meridionale, nelle Marche, in Umbria e in Abruzzo, ma la neve potrebbe cadere nelle prossime ore anche anche in Toscana, Campania, Basilicata e Calabria.A Sud ondata di nubifragi. Nel Golfo di Napoli il mare grosso consente solo ai traghetti di assicurare il collegamento con le isole. E c’è anche una vittima, a Milano per il freddo è morto un clochard. Le temperature potrebbero tornare a salire solo da martedì.

Nevischio nelle Marche

Nel pomeriggio è nevischiato di nuovo nelle Marche, anche a quote piuttosto basse, ma finora non si registrano problemi per la viabilità. I valichi dell’Appenino sono tutti transitabili, anche se la polizia stradale consiglia di mettersi in viaggio solo con le catene al seguito. Le temperature sono ancora più rigide di ieri: in montagna, sui Sibillini, il termometro segna meno 2 gradi centigradi sotto lo zero termico. Meno freddo a valle, dove si va dai 7 gradi di Ascoli Piceno ai 9 di Ancona e 10 a Pesaro. La Protezione civile ha diramato il terzo allerta meteo in tre giorni: da mezzanotte alla mattinata di domani sono previste nevicate anche sotto gli 800 metri, venti forti da nord e mareggiate lungo la costa.

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & dintorni”