SAN NICOLA LA STRADA(Ce) – Fusse che te fusse ca la volta bona? Recitava in ciociaro il caro Nino Manfredi in uno sketch degli anni 60. Era la speranza di un ometto sfortunato che dinnanzi ad una felice situazione si augurava un cambiamento migliore della sua condizione. “Fusse anche per noi altri la volta buona?” è quanto si chiede il Segretario Nazionale dei Comitati delle Due Sicilie, il sannicolese Fiore Marro in merito alla vicenda legata all’On. Mastella ed all’Udeur. “Sappiamo che è pura utopia la speranza di un redento politico” – prosegue Marro – “che quell’enorme carrozzone della politica non ha mai partorito un delatore, un ambiente enormemente superiore alla mafia dal punto di vista del pentitismo e dell’omertà. Coraggio Clemente coraggio. Anche Buscetta ha avuto i suoi dubbi, le sue lacerazioni identitarie, ma poi ha saltato il fosso ed ha parlato, ha liberato per un poco di tempo le strade della Sicilia dai picciotti e dai mammasantissima” – ha sottolineato l’esponente nazionale – “Coraggio Clemente fallo anche tu, parla. Racconta, salta questo fosso omertoso, tanto oramai i tuoi compagni ti abbandoneranno o sbraneranno, come si usa fare tra lupi famelici, ed allora fallo questo gesto cristiano, liberaci per un poco da queste terribili iene, smaschera l’infernale casta. Se nel tuo cromosoma è rimasto un poco di sangue meridionale non infettato” – esorta Fiore Marro l’On. Mastella – “usalo, questo è il momento, liberaci da questa iattura di mefitica classe politica. Coraggio Clemente coraggio, prega è chiedi aiuto al Signore Nostro, che ti possa illuminare per una volta almeno e falla questa opera. Napoli è nel caos da 147 anni, per colpa di omini piccoli piccoli come te che sentendosi onnipotenti hanno calpestato terra e uomini e causato solo disastri e macerie nella nostra antica capitale ed in tutto il Sud italiano. Ora è il momento di chiedere scusa alla gente del sud ed a tutta la storia delle Due Sicilie. Ora” – aggiunge – “è il tempo delle pulizie. Coraggio Clemente coraggio, falli i nomi, facci sognare. Facci vedere che faccia faranno nel momento in cui la scure della giustizia li falcerà e li scalcerà dai loro miseri troni; aiuta le nostre contrade ad essere più pulite. Se poi” – conclude il responsabile nazionale dei Comitati delle Due Sicilie – “a rimetterci ci saranno anche alcuni volti noti, pazienza, risulterebbe un bene anche per noi. Fusse che te fusse ca la volta bona ?”. (Articolo a cura del giornalista Nunzio De Pinto)
Pubblicatod a red. prov. Alto Casertano-Matesino & d