Torna l’inverno. Le cime del massiccio del Matese imbiancate. Continuano le raffiche di vento, freddo, neve e precipitazioni su tutto l’alto casertano e l’ Alto Molise. 

Raffiche di vento (fino a 215 km in Alto Adige), alberi caduti e tetti divelti in Umbria, neve nel Casertano. E’ maltempo in tutta Italia. In Alto Adige le conseguenze dell’uragano ‘Emma’ che ha colpito il nord Europa hanno fatto segnalare nei giorni scorsi nuovi record nell’intensita’ del vento, 215 km a Cima Beltovo (3328 m) nel massiccio dell’Ortles. In Umbria i vigili del fuoco della provincia di Perugia hanno ricevuto una trentina di telefonate per alberi sradicati e tetti scoperchiati. Le chiamate sono giunte da Assisi, Foligno, Todi, Perugia e altre localita’. Neve sulla montagna di Colfiorito, al confine con le Marche, dove il transito dei veicoli e’ possibile solo con le catene. Vento forte e neve in provincia di Caserta: le precipitazioni hanno riguardato il Massiccio del Matese. Imbiancate S.Gregorio Matese, Bocca della Selva, Campitello del Matese, Gallo Matese, Letino,  il comune piu’ alto della Campania. Alla Stazione ‘Meteomont’ del Corpo Forestale dello Stato, al Passo del Perrone, la colonnina di mercurio ha fatto rilevare -5 gradi e la neve ha raggiunto quasi il mezzo metro d’altezza. A causa del vento forte diversi alberi e tabelloni pubblicitari sono stati divelti sulla Casilina e l’Appia. In Liguria il forte vento ha provocato la chiusura del terminale Sech nel porto di Genova: come conseguenza il traffico e’ andato in tilt.(Fonte: ANSA 06-03-2008 11:05 ).

L’ondata di maltempo che ha già investito ieri l’altro il Nord Italia si è spostata verso il Centro e il Sud. Neve a Capracotta con somma gioia per gli organizzatori della Continental Cup di sci di fondo prevista per l’imminente week end e allerta anche della Protezione Civile, soprattutto per il brusco abbassamento delle temperature di oltre dieci gradi. E neve anche a Campitello Matese, anche questa accolta con grande soddisfazione dagli operatori turistici.  La perturbazione dovrebbe durare almeno fino a domani sera, con nevicate anche a quote basse, piogge localmente molto intense e venti forti che spazzeranno soprattutto il versante adriatico. L’invito della Protezione Civile a tutti coloro che si metteranno in viaggio nelle zone interessate dalla perturbazione è quello di utilizzare la massima prudenza alla guida, di informarsi sulle condizioni meteo prima di partire e di avere a bordo le catene o i pneumatici da neve per evitare di rimanere bloccati in caso di nevicate improvvise e abbondanti, soprattutto sulle strade secondarie che si snodano per diversi chilometri all’interno della regione.  E la perturbazione ha investito anche la Provincia e la città di Campobasso dove nel pomeriggio di ieri c’è stata una spruzzata di neve. Maltempo anche nel Basso Molise, con interruzione del collegamento tra la costa e le isole Tremiti. La perturbazione dovrebbe lasciare l’Italia nel fine settimana e con essa i forti venti da Nord che hanno fatto abbassare così repentinamente la colonnina di mercurio. Poi nei prossimi giorni le temperature dovrebbero tornare su valori più consoni alle medie stagionali. (Fonte: Il Tempo Molise)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

Attenzione, per la diffusione e la pubblicazione degli articoli pubblicati sul nostro portale d’informazione, si prega di riportare in chiaro tutte le fonti, compresa quella del portale. Grazie