Agro-Aversano(Ce)-(di Mariano Maugeri)- I camorristi di Casal di Principe (La foto di denuncia a dx, cliccare sopra per ingrandire, su cui si legge lo storico slogan:Fermate il Mostro tratto dalla canzone ambientalista della cantautrice pacifista Agnese Ginocchio in oggetto, si riferisce al Presidio permanente dei Comitati civici ambientalisti sul luogo della discarica di Ferrandelle a S.Maria la Fossa(Ce). Le persone che figurano sulla foto sono del Comitato di Casal Di Principe) lo sterco di bufale lo scaricavano ogni notte davanti alla casa del sindaco Renato Natale, un medico che aveva osato sfidarli intitolando una piazza alla legalità: tonnellate di deizioni freschissime che maceravano sotto il cielo invernale di quella che i latini avevano fregiato del titolo di Campania fertilis, terra grassa e concentrata come cioccolato. Le bufale come misura del potere degli allevatori e del suo contrario. Esibizione di floridezza e di purezza (il latte) ma anche di offesa e sfregio (le loro deiezioni). Dal rifiuto come offesa al rifiuto come mezzo illecito di arricchimento è tormentata questa terra, edilizia di rapina e conati di cemento.  I paesi della camorra non si concedono neppure la civiltà di un marciapiede: strade asfittiche, larghe solo cinque passi, e poi case su case che hanno fagocitato spazi pubblici, quindi di nessuno. Casal di Principe, San Cipriano d’Aversa, Casapesenna, Villa Literno, Santa Maria la Fossa. I cortili ci sono, le palme e le buganvillae pure, ma ben protetti dentro muri di cinta alti come quelli delle carceri. Qui anche i muri spiano i passanti. Seicentoquarantasei omicidi di camorra in vent’anni solo nella provincia di Caserta dimostrano che non si tratta di paranoie. Le giornate scorrono spiando e con la paura di essere spiati. Sembrano i sobborghi di Caracas o Bogotà, ma siamo tra Napoli e Caserta, con epicentro nell’Agro aversano, capitale della Campania infelix. Carlo Aversano, parroco da trent’anni della chiesa di San Salvatore, a Casal di Principe, accoglie gli ospiti mentre ascolta Mozart e prepara i festeggiamenti della Madonna Preziosa. A lui toccò correre nella chiesa di San Nicola dove il suo allievo prediletto in seminario e viceparroco, don Peppino Diana, morì fulminato da cinque colpi di pistola esplosi da un killer dei casalesi. Don Carlo i componenti dei clan li conosce uno a uno. E racconta: «Quanto inutile sfarzo nelle loro case: marmi costosissimi, drappeggi di seta finissima: ma a che cosa serve circondarsi di cose inutili quando poi le strade di questo paese sembrano appena bombardate?».  Tra ipotesi naufragate di un paese e l’altro si potrebbe coltivare l’illusione che la natura riprenda il sopravvento, scampoli di terra sfuggiti non si sa come a un saccheggio spontaneo e scientifico allo stesso tempo. Gli elicotteri dei Nucleo operativo ecologico hanno setacciato metro dopo metro questa terra grassa come cioccolato. Rilievi aerofotogrammetrici che misurano le alterazioni termiche dei terreni.  Più alta è la temperatura, più è probabile che sottoterra ci siano veleni. Un lavoro meticoloso coordinato dal Capitano Ultimo, il carabiniere che strinse le manette ai polsi di Totò Riina. Tra Napoli Nord e Caserta Sud c’è un’immensa necropoli di rifiuti nocivi. Un tomo pieno zeppo di dati e cartine trasferito alle Prefetture. L’organico dei Noe è la summa della disorganizzazione statuale: otto carabinieri a Caserta, ma fino a un anno fa erano solo due. A loro spetta un compito immenso: setacciare vita, morte e miracoli di 2mila allevamenti di bufale, istruire l’inchiesta sui rifiuti solidi urbani, inseguire gli untori che hanno stivato rifiuti speciali. E, paradosso dei paradossi, l’istituto zooprofilattico di Portici, uno dei più antichi d’Italia, non è attrezzato per eseguire le analisi sulla presenza di diossina nel latte a differenza di quelli omologhi di Teramo e Brescia. La diossina è una delle risultanti di uno scempio sistematico. L’ex sindaco di Marcianise, Filippo Fecondo, nel 2003 decretò l’abbattimento di 3mila mucche che pascolavano vicino a un impianto di smaltimenti di fanghi industriali. L’altro veicolo di contaminazione sono le greggi di pecore, che nella loro perpetua migrazione in cerca di foraggio ripuliscono chilometri su chilometri di campagne. La morte delle pecore di Acerra è la rappresentazione plastica di una implosione per overdose di veleni. Da Acerra a Casal di Principe si bordeggia una terra in bilico tra la diaspora psicologica e una impossibile secessione dalla parte più oscena di sé. A pochi chilometri dalla parrocchia di Don Carlo si incrociano i toponimi della discesa negli inferi: Santa Maria la Fossa, San Tammaro e Ferrandella.  Una montagna di rifiuti con tutti i colori dei nostri scarti quotidiani e cinque escavatori che si muovono ritmicamente alla ricerca di un ordine impossibile. Sopra di loro una nuvola di gabbiani trasformati in sciacalli banchettano insaziabili ogni ora del giorno e della notte. Cave, terra, edilizia, lavori pubblici, rifiuti tossici, camorra. Qui i sillogismi procedono in base agli interessi della criminalità organizzata. I camorristi riempiono con disinvoltura tutti gli spazi vuoti (e pure quelli pieni) con i rifiuti, così come addormentano le coscienze con la droga e sottomettono con la violenza. Perfino le aree di sosta sulla superstrada Nola-Villa Literno, l’arteria che taglia in due l’Agro-aversano, sono discariche a cielo aperto. «E qui sotto, nei pali di fondazione, ci sono i cadaveri della camorra e rifiuti tossici a volontà», ripetono tutti, come se fosse la cosa più naturale del mondo. Che non fossero credenze popolari, è stato chiaro quando l’Agenzia regionale per l’ambiente, su richiesta della Procura, ha cominciato a misurare il tasso di diossina presente nel latte delle mucche e delle bufale (questa è una delle zone di produzione della mozzarella di bufala campana): tassi altissimi, che hanno decretato l’abbattimento di migliaia di capi. Ora la situazione sembra sotto controllo, ma i magistrati continuano a indagare. La diossina si produce in mille modi: la notte, i cumuli di copertoni bruciano come pozzi di petrolio. Colonne di fumo che tingono di nero il cielo e poi ricadono sui campi dove pascolano le pecore, le mucche e le bufale. Tutte le fonti più autorevoli continuano a ripetere che la situazione ambientale è drammatica. Un anno fa pure Lancet, la storica rivista di medicina inglese, è scesa in campo con un articolo durissimo di un fisiologo pisano del Cnr originario di Nola, Alfredo Mazza. Scrive Mazza: «Migliaia di persone sono state esposte a sostanze tossiche per decenni. Tutto è contaminato: gli agenti inquinanti nell’aria, nella terra, nell’acqua e nei prodotti della terra sono ben al di sopra dei livelli consentiti. A mio parere, il governo italiano dovrebbe dichiarare lo stato di emergenza».  Ma l’emergenza non è solo ambientale. Basta passeggiare lungo la domiziana, una strada di mare lunga trenta chilometri che alla cinque di pomeriggio è popolata di nigeriani. Castel Volturno era un borgo di poche migliaia di anime prima che da Pozzuoli cominciasse la deportazione provocata dal bradisismo. Il terremoto dell’80, con la seconda deportazione, ha dato il colpo di grazia: da 3.500 abitanti a 60mila. Le case di villeggiatura si sono trasformate in una riserva indiana dove vivono gli immigrati rifiutati e sfruttati da tutti. La pineta con centinaia di siringhe conficcate sui tronchi dei pini è un monumento all’indifferenza. A pochi chilometri dalla pineta finisce la sua corsa dolente il Volturno, una cloaca a cielo aperto che raccoglie i rifiuti di mezza Campania. I Regi lagni, si spengono sullo stesso mare, una sequenza di pozze purulente dove ribollono gli scarichi dell’entroterra. (Articolo del giornalista Mariano Maugeri-Il sole 24 ore- 29 Marzo 2008)

Leggi articolo correlato(clicca su questa scritta per aprire la pagina):” Rifiuti-Il Popolo di Santa Maria la Fossa(Ce) dice “NO a Ferrandelle”. Reportage fotografico nella Terra di Nessuno”.

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”