‘Repressione: processati per direttissima due attivisti per voler dormire dentro una macchina-rottame!’ ‘Mercoledi 7 Maggio alle ore 13.00 conferenza stampa alla rotonda ‘Titanic’ (confine Chiaiano-Marano) per presentare ragioni e futuro della protesta’

Chiaiano(Napoli)- Il clima di criminalizzazione che si sta stendendo intorno alla protesta di Chiaiano ha cominciato a dare i suoi frutti! Nella notte due attivisti del comitato civico e del centro sociale Insurgencia sono stati fermati è arrestati dai carabinieri di Marano in seguito a un episodio incredibile!  Insieme ad altre persone stavano spostando a spinta un auto visibilmente rottamata e abbandonata, con le ruote sgonfie e ferma dal 2005. Ne era stato chiesto l’utilizzo ad uno dei proprietari come rifugio notturno per il nuovo presidio antidiscarica che si stava costituendo proprio sul luogo, nei pressi dell’Ospedale Monaldi ai Camaldoli. Le terre intorno, infatti, sono state temporaneamente espropriate per realizzare i carotaggi e costruire una via d’accesso alla cava dove si vuole fare la megadiscarica. I carabinieri hanno fermato i due attivisti, non hanno voluto ascoltare spiegazioni, hanno puntato loro in faccia le pistole (!) e li hanno tratti in arresto con l’accusa di ‘furto (di un rottame!) e resistenza a pubblico ufficiale’.  Stamattina il processo per direttissima, in cui uno degli stessi proprietari del rottame è venuto a testimoniare in favore dei fermati e a chiarire l’equivoco. Malgrado questo i due attivisti hanno preso condanne a 4 e 6 mesi (ovviamente pena sospesa perchè del tutto incensurati). Riteniamo questa vicenda figlia del clima da caccia alle streghe nei confronti della protesta di Chiaiano, le cui importanti ragioni sembrano improvvisamente scomparse! In piazza in questi giorni ci sono stati centinaia di giovani e di cittadini, di comitati, reti, associazioni, centri sociali. Il motivo per cui tante realtà anche disomogenee si sono mobilitate è quello di reagire all’ennesimo ricatto, all’ennesima assurdità che deve coprire la speculazione e i fallimenti istituzionali. Una megadiscarica nell’unico polmone verde della città, dimenticando gli sversamenti abusivi che già il quartiere ha dovuto subire in molte delle cave. Mentre niente si muove sul terreno della riduzione reale della produzione di rifiuti! Per questo Mercoledi 7 Maggio alle ore 13.00 si terrà una conferenza stampa al Presidio della rotonda ‘Titanic’ (confine Chiaiano-Marano) con le associazioni, i comitati, il geologo Franco Ortolani, Alex Zanotelli e altri per illustrare le ragioni e lo sviluppo della protesta, fornire nuova documentazione sui danni già esistenti, sui pericoli della megadiscarica, sugli interessi della Fibe nell’area. Comitato per la difesa delle cave di Chiaiano
 Per altre info: Antonio 3281719299 (Comunicato inviato da comitato ambientalisti campani)

Articolo correlato all’argomento:

Chiaiano: in mille sfilano in corteo

Chianiano(Na)-Sono circa mille i cittadini del quartiere di Chiaiano a Napoli, ma anche da Marano, Mugnano e dagli altri comuni vicini che si sono raccolti nel pomeriggio per partecipare all´ assemblea dei comitati di protesta contro l´ ipotesi di apertura di una discarica nella cave di Chiaiano. Sul palco rappresentanti dei comitati civici della zona, ma anche dei comitati dei quartieri di Pianura, Bagnoli e del comune di Giugliano. ´´Diciamo no alla ispezioni tecniche che il comune di Napoli vuole effettuare. Non permetteremo ai tecnici di raggiungere le cave, perche´ ci interessa essere interpellati sulle nostre vite e sul nostro futuro. Sino a quando questo non accadra´ non faremo un solo passo indietro´´, cosi´ inizia il suo discorso uno degli esponenti del comitato di Chiaiano.  Durante l´assemblea, il presidente della Commissione Ambiente e Territorio del Comune di Napoli, Carlo Migliaccio, ha dato appuntamento a tutti i manifestanti per lunedi´ mattina ´´quando si svolgera´ a Palazzo San Giacomo il consiglio comunale sull´emergenza rifiuti. Dovremo essere tutti a piazza municipio per protestare´´. Migliaccio invita anche tutti i cittadini della zona a ´´isolare i violenti che si dovessero infiltrare nei cortei e nei presidi. E´ importante che sia rispettato l´ ordine pubblico e che la nostra protesta resti pacifica´´.(Fonte: Metropolis web)

32,5milioni di tonnellate, metà in discarica
 
Riesplode la crisi rifiuti: in strada 30mila tonnellate di immondizia

Publicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”