Messaggio della testimonial per la Pace Agnese Ginocchio, premio nazionale Legalità Paolo Borsellino per l’impegno sociale e civile, in memoria del giudice antimafia Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, agenti della scorta della strage di Capaci  e tutte le vittime delle mafie..

Italia– (di Agnese Ginocchio) In questa giornata dedicata in modo particolare alla commemorazione  del giudice antimafia Giovanni Falcone, alla moglie Francesca Morvillo, agli agenti della scorta della Strage di Capaci e a tutte le vittime delle mafie, con profonda convinzione e nella comune volontà di cambiamento verso la rinascita del territorio, si marcerà per fare memoria di tutte le vittime delle guerre di mafia che hanno ucciso, tolto speranza e sogni a tanti uomini. La nostra presenza vuole rappresentare una testimonianza oltre che di solidarietà con la popolazione, anche uno stimolo verso l’ impegno concreto, che nel quotidiano dobbiamo portare avanti. Mediante i nostri mezzi e capacità dobbiamo diffondere una cultura basata su legalità e Pace cominciando nelle scuole e nei territori (un pò dappertutto…)dove vige forte lo stato di disagio, di emergenza, di precarietà e di criminalità. Bisogna fare anche pressione sulle istituzioni perchè favoriscano uno sviluppo sociale ed economico. Si tratta di rompere il muro dell’individualismo e dell’indifferenza che si è creato intorno a noi, rimboccarci le maniche, non pensare più per noi stessi ma per il mondo, globalizzare la solidarietà dunque! Contro la guerra della mafia bisogna avere il coraggio di reagire alla paura, vincere il male con il bene, uscire con costanza e coerenza fuori dalle proprie case e chiese, riempire le piazze in massa, mettersi in movimento, svolgere azioni continuative e nonviolente. Nonviolenza non significa sottomissione docile alla volontà del malvagio, ma IMPIEGO di tutte le forze dell’anima contro la volontà del tiranno. Essere costruttori e promotori di una nuova civiltà di Speranza e di Pace significa spezzare il muro dell ‘odio ed il silenzio dell’ omertà. Urge un radicale cambio di rotta. No a tutte le mafie, si alla Pace, si alla Vita!”(di Agnese Ginocchio)

Per approfondire Leggi articolo correlato: Preghiera Laica ma fervente” (di Antonino Caponetto, giudice antimafia) , le parole pronunciate al funerale di Borsellino

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

Annunci