“Il futuro nelle mani” La riscoperta delle antiche tradizioni  come motore di una nuova economia Sant’Agata de’ Goti, Agriturismo Palazzo Rainone martedì 15 luglio ore 16,30 Presentazione alla stampa del progetto “Vivi Taburno. Riscoprire il valore delle proprie radici

Sant’Agata Dé Goti(Bn)-(di Sandro Tacinelli) Con l’intento di promuovere e valorizzare le risorse del Parco del Taburno Camposauro, un’area montana fra le più attraenti dell’intera Campania, nasce “Vivi Taburno. Riscoprire il valore delle proprie radici”, un progetto che, attraverso una serie di iniziative, vuole far conoscere a un pubblico più vasto le caratteristiche uniche di una terra antica, una terra di grande bellezza la cui storia è scritta ancora oggi da uomini che parlano lo stesso linguaggio e la cui cultura non è stata scalfita dal tempo. Un’attenzione particolare, quindi, alle tradizioni locali come basi per la creazione di nuove opportunità economiche, dove risorse come natura, antichi borghi, artigianato e enogastronomia si fondono con la storia, la cultura e la tradizione. L’area del Parco rientra per intero nella provincia di Benevento e comprende i comuni di Bonea, Bucciano, Cautano, Foglianise, Frasso Telesino, Melizzano, Moiano, Montesarchio, Paupisi, Sant’Agata de’ Goti, Solopaca, Tocco Caudio, Torrecuso e Vitulano, con una popolazione complessiva di circa 60.000 abitanti e una superficie protetta di 12.370 ettari, di cui 650 appartenenti al demanio forestale. “Il paesaggio della terra del Taburno Camposauro – ha scritto nell’invito alla conferenza stampa, il Presidente dell’Ente Parco, Clemente Di Cerbo – è la manifestazione immediatamente visibile di radici profonde, meno percepibili d’istinto, ma che riconducono ad una costante ricerca delle cose migliori, della qualità degli elementi che la natura ci offre e del sapiente lavoro dell’uomo”. La proposta sarà al centro di una conferenza stampa organizzata per il 15 luglio prossimo, alle ore 16,30, presso l’Agriturismo Palazzo Rainone di Sant’Agata de’ Goti. All’incontro parteciperanno: Clemente Di Cerbo (Presidente Ente Parco del Taburno), Alfonso Ciervo (Sindaco di Sant’Agata de’ Goti), i collaboratori del progetto ed esponenti delle istituzioni. Dopo l’incontro seguirà un cocktail. Operazione cofinanziata dal POR Campania 2000 – 2006, misura 1.9 (Comunicato da ufficio stampa: Sandro Tacinelli)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”