Alife (Ce)- Per tutta la giornata di Martedi il centro storico del comune matesino di Alife é stato colpito da piogge e temporali a dirotto. La situazione é letteralmente precipitata sul tardi serata per poi protrarsi fino a notte fonda. Il comune matesino infatti é stato colpito da un violento nubifragio che ha letteralmente fatto saltare la linea della corrente elettrica. La cittadina é stata per gran parte della notte senza l’illuminazione e si é dovuti ricorrere all’uso di torce, candele e lumini. Proprio per ricordarci l’imminente ricorrenza della Commemorazione dei defunti… Il black- out dell’energia elettrica causata dal violento nubifragio che si é abbattuto in tardi serata, ha provovato  altri disagi: il blocco di computer e sistemi interinali pubblici, in particolare quello relativo alle poste. Infatti, rispetto agli altri giorni in cui c’é sempre il pienone di gente per cui bisogna sempre attendere il proprio turno per effettuare i pagamenti, l’ufficio postale di Alife stamane si presentava vuoto. Sugli sportelli si leggeva solo una parola “Guasto“. I dipendenti dell’ufficio di Alife ( in vacanza stamane)in caso di pagamenti urgenti ci hanno consigliato di recarci nell’ufficio postale limitrofo in località frazione Totari, che a differenza dell’ufficio centrale di Alife, era attivo e funzionante ( cosa strana), oppure di aspettare. Come si nota sono sempre i piccoli comuni di periferia che al primo temporale o calamità che capita, ad essere più penalizzati e più colpiti da disagi rispetto ai grossi centri. Eppure noi paghiamo le tasse come tutti e soprattutto senza SCONTI, poi perché invece veniamo trattati da serie B? (Articolo a cura della redazone di Alife del portale Alto Casertano-Matesino & d)

Di seguito riportiamo articolo correlato al Maltempo situazione in Italia, Campania, Molise, Sannio, provincia di Caserta & d

La forte ondata di maltempo che ha investito l’intera Penisola con piogge diffuse e temporali, ha provocato allagamenti, smottamenti e difficoltà alla circolazione in alcune province. Le regioni più colpite sono state la Toscana, il Lazio, la Campania, la Sicilia e la Calabria.

Disagi in Toscana
In Toscana, in provincia di Livorno, nel comune di Rosignano, è stato costituito un Centro Operativo Comunale presso il comando della Polizia Municipale, per coordinare gli interventi di Vigili del Fuoco, Forze dell’Ordine e gruppi di volontariato locale, in seguito all’esondazione del torrente Chioma e ad uno smottamento tra i comuni di Castiglioncello e Quercianella.

Tromba d’aria a Ponza
Nel Lazio l’isola di Ponza è stata investita da una violenta tromba d’aria che ha provocato allagamenti e due smottamenti, uno sulla strada che collega la località Tre Venti a Chiaia di Luna e un secondo all’interno del tunnel che collega il centro di Ponza con la località Le Forna S. Maria. Il Sindaco è stato aiutato nelle operazioni di prima assistenza alla popolazione da Carabinieri, Vigili Urbani, Capitaneria di Porto e volontari del gruppo comunale, ai quali si sono affiancati numerosi cittadini. Nella mattinata di oggi un team tecnico del Dipartimento della Protezione Civile nazionale raggiungerà l´isola per dare supporto al Sindaco nelle operazioni di gestioni del post-emergenza.

Danni a Roma
A Roma, le squadre dei Vigili del Fuoco e dei volontari della Protezione Civile hanno dovuto effettuare numerosi interventi a causa di un forte nubifragio che ha provocato allagamenti di sottopassi e scantinati.

Allagamenti in Campania
In Campania, in Provincia di Caserta, nell’alto casertano, nella zona matesina, nel Comune di Mondragone e sulla Strada Statale Domiziana, si sono registrati numerosi allagamenti di piani interrati e problemi alla viabilità.

Smottamenti in Sicilia
In Sicilia, in Provincia di Trapani, nel Comune di Salemi, si sono verificati smottamenti e allagamenti di piani interrati. La SS. 188 è stata interrotta in due punti e l’Anas, prontamente intervenuta, ha ripristinato la viabilità. A Palermo, un forte nubifragio ha causato allagamenti di sottopassi con il conseguente blocco della circolazione. Due fulmini hanno colpito la centralina di comando degli scambi della stazione di Reggio Calabria provocando rallentamenti alla circolazione ferroviaria. A causa delle condizioni meteo avverse, sono stati inoltre interrotti per alcune ore i collegamenti con le Isole Pontine e sono state cancellate alcune corse per le Isole Egadi, Eolie, Pantelleria ed Ustica. Da stamattina si prevede che i collegamenti tornino ad essere regolari.

Le previsioni
Per le prossime 36 ore la Protezione Civile prevede precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale di forte intensità, su gran parte delle regioni italiane, accompagnate da raffiche di vento e da fulmini.

Pubblicatod a red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”