Gentili lettori, passata la festa di Carnevale ritorniamo a parlare e a discutere di cose serie. In vista delle prossime elezioni amministrative 09 ad Alife continuiamo a far conoscere  dal nostro portale un pò tutte le espressioni impegnate nel campo politico del nostro comprensorio alifano. Abbiamo intervistato il dott. Giuseppe Santagata ex segretario cittadino di Prc, che ringraziamo per la cortese collaborazione.

Vi invitiamo a farci pervenire i  vostri interventi e proposte per la rinascita di Alife, a votare il sondaggio(indicativo) (vedi quì) che abbiamo attivato dal nostro portale, per il quale vi chiediamo nel pieno dello spirito di legalità e di trasparenza,  di esprimere una sola volta la vostra preferenza (altrimenti manderete all’aria i nostri sforzi e non si capirà qual’é il reale spirito degli alifani). Cerchiamo di  creare una sorta di rete di comunicazione da questa vetrina che riceve la media degli oltre 3000 contatti (visite-ingressi) al giorno; per dare un valido, democratico e costruttivo contributo per il cambiamento di Alife  attanagliata da una grave crisi sociale, morale, esistenziale e di sfiducia totale.  Tutti gli articoli sull’argomento Elezioni amministrative Alife 09  potrete trovarli nella rubrica delle Categorie (a dx dell’home page del portale) alla voce: “Speciale Alife Elezioni Comunali 09″

INTERVISTA all’ex segretario cittadino alifano Prc “GIUSEPPE SANTAGATA”

(Articolo a cura della: redazione  cultura-politica di Alife di “Alto Casertano-Matesino & d)

Particolare del centro storico di Alife: Porta Roma (una delle 4 porte di origine romana che cingono la cinta muraria)

 1) Gentile dott. Giuseppe Santagata, lei é un giovane fra i giovani di Alife. Come vede l’attuale situazione politica ad Alife in vista delle prossime amministrative 09?

Oggi le nostre amministrative, noto che, sono nient’altro che una corsa affannata alla ricerca del posto nella lista elettorale, una sfida tra famiglie, una sfida tra personalità ecc., senza, forse, nemmeno pensare a quali possono essere le discussioni per portare benefici alla popolazione. Leggo solo articoli di gente che si propone per il bene del paese, mai nessuno che faccia un passo indietro per il bene del paese (consentitemi la battuta). In questo marasma collettivo dico senza ombra di dubbio che noi (in quanto io rappresento un gruppo di sinistra) vogliamo esserci. Esserci non tanto nella forma bensì nella sostanza, sottolineando quanto di buono in questi anni addietro abbiamo fatto e, ponendoci come obiettivo quello di creare nella gente le aspettative, quelle aspettative che forse se alla gente non si propongono, fanno rimanere il livello della discussione basso.

2) Cosa pensano i giovani delle prossime elezioni amministrative e quali le speranze di cambiamento che ripongono in esse?

Io a ventotto anni mi ritengo ancora appartenente alla categoria giovane, quindi parlo per me sperando di parlare a nome di molti giovani. Direi che fin’oggi le attività svolte sono pochissime. Vivo da sempre ad Alife e posso dire che negli ultimi anni oltre a chiacchierare un po’ con gli amici nelle piazze non si fa nient’altro, tranne di rado qualche attività estemporanea. Non voglio essere ripetitivo ma credo, e qui consiglio anche a quanti saranno i candidati, di creare le aspettative, cioè quelle promesse per cui vale la pena credere in un nuovo gruppo dirigente alifano. Attenzione mi guarderei bene dall’intendere con “promesse” quelle proposte inventate per caso anche perché i giovani valutano con serietà ed imparzialità tutte le proposte ancor prima che le persone.

3) Secondo lei quali requisiti dovrebbe possedere colui che dovrebbe ricoprire l’incarico di primo cittadino?

Dovrebbe essere semplicemente una persona preparata e che abbia un lavoro nella vita che ben possa conciliare con la carica stessa di sindaco, attraverso non solo il tempo materiale a disposizione ma anche attraverso la professionalità personale. Dovrebbe circondarsi di persone affidabili nonché dovrebbe ricordarsi “che il mondo non lo ereditiamo dai nostri genitori ma lo abbiamo in prestito dai nostri figli” e quindi iniziare a creare realmente delle basi solide per vivere al meglio la Città.

4) Lei che é un militante politico(segretario cittadino di PRC), attivista nel sociale in quanto si é sempre battuto per la rinascita di Alife, ci può elencare una serie di disservizi e di problemi vari che purtroppo ad oggi le amministrazioni comunali non sono ancora riuscite a risolvere?

Sono Ex segretario del Prc in quanto sono uscito dal partito e oggi mi pongo nel movimento per la sinistra con alla guida Niki Vendola.  Comunque, chiarito questo, io parlerei innanzitutto di non evidenziare troppo nelle elezioni amministrative le appartenenze politiche in quanto ad Alife come negli altri piccoli comuni non ci si candida a fare il politico bensì a fare l’amministratore che è un cosa al quanto diversa. Non voglio spiegarlo ai molti ma giusto per rendere l’idea il politico è quello che dovrebbe darti un indirizzo riguardo ad un argomento mentre, come dovrebbe succedere nei piccoli comuni, l’amministratore è colui che dovrebbe gestire con parsimonia le spese della cittadinanza ed investire sulle attività utili per la cittadinanza. Per una mia collocazione politica, si sa che sono di sinistra, anzi ricordo che iniziai la mia attività politica proprio con rifondazione con la battaglia di sensibilizzazione contro la privatizzazione dell’acqua, problema molto sentito anni fa. Ad oggi fare un elencazione di problemi che attanagliano la cittadinanza è una cosa che diverrebbe molto tecnica e specifica. Dico semplicemente che io, nel generalizzare il discorso, vorrei si facesse di più per i meno abbienti nonché per i giovani. Chi mi conosce sa che non parlo per proporre un cartello elettorale bensì per portare avanti discorsi già iniziati ed ora un po’ raffreddati come ad esempio l’associazione di invalidi ADAA oppure il reddito di cittadinanza che è un contributo regionale di cui io ed altri fummo i divulgatori e tanti altri.

5) Secondo lei i fondi economici del comune di Alife finora usati, sono stati gestiti con responsabilità oppure no?

Questa domanda la dovete girare agli amministratori attuali. Innanzitutto spero per il bene di Alife che i conti siano in positivo, e credo, conoscendo il Sindaco e alcuni amministratori che sia così. Come siano stati gestiti sarebbe da verificare con calma solo quando si è amministratori, per ora ci fidiamo del lavoro svolto dalla gruppo amministrativo che da dieci anni lavora al comune.

6) Lei che ha tutti i requisiti per coprire un incarico nell’amministrazione comunale, ha delle idee che potrebbero apportare un miglioramento all’attuale situazione critica della società civile alifana?

Ricoprire un incarico del genere non è sicuramente facile. Per ora non voglio pensare a questo ma voglio pensare a proporre ottime cose per i cittadini. Le idee ci sono e sono in cantiere però è prematuro oggi esternarle; con calma e dedizione sto con altri lavorando a ciò e saranno sicuramente tutte idee per migliorare il paese.

7) Se fosse proposto come candidato quale dunque sarebbe il suo programma elettorale?

Se fossi il candidato alla carica di sindaco mi guarderei bene soprattutto dal farmi affiancare da persone serie e preparate ma visto che non sarò assolutamente candidato a sindaco (ho scritto un post anche sul mio blog a riguardo http://giuseppesantagata.splinder.com ), posso solo contribuire alla stesura di un buon programma elettorale dove apporterò delle esperienze già fatte affiancandole a delle esperienze nuove che se ci sarà la possibilità svilupperò.

8 ) Lei ben sa che Alife é attanagliato da tanti problemi di degrado e di povertà familiare, nel caso venisse eletto, sarebbe propenso ad attivare immediatamente un fondo sociale a favore dei casi familiari che necessitano di particolari aiuti economici?

Il fondo sociale si fa quando ci sono dei fondi al comune. Per ora posso semplicemente promettere che mi impegnerò tantissimo come ho già fatto fin’ora riprendendo a cuore sicuramente i servizi sociali, argomento per cui tanto mi sono battuto in questi anni sviscerando anche la legge per le politiche sociali che consta di tutti i più svariati interventi che possono servire per le persone disagiate. Semmai dovessi candidarmi e vincere tutto ciò potrò farlo dall’interno e questo potrebbe rendermi le cose più facili.

9 ) Nell’augurarle un buon lavoro per il suo impegno civile, le domandiamo di inviare un saluto ai lettori del nostro giornale web.

Vi ringrazio per l’impegno che state mettendo per le elezioni comunali a nome dei cittadini alifani, in quanto attraverso il vostro blog state facendo levigare le attenzioni degli elettori non più sulle persone bensì sui contenuti.  Poi… Un saluto d’obbligo che volentieri faccio a voi Altocasertano e ai lettori dicendo di seguire questo e tanti altri blog che quotidianamente con impegno portano a conoscenza di noi tutti notizie riflessive, serie, talvolta simpatiche, tutto ciò gratuitamente solo per la voglia di crederci. Vi invito, ancora, a credere che un impegno serio alla lunga paghi con un ottimo risultato in qualunque campo. Bisogna soltanto crederci. Vi saluto con una frase di Martin Buber filosofo e teologo austriaco: “Ricordiamoci che la vera battaglia non è tra est e ovest, o capitalismo e comunismo, ma tra educazione e propaganda!!!”

(Articolo a cura della: redazione  cultura-politica di Alife di “Alto Casertano-Matesino & d)

Vota il Sondaggio (indicativo):

 ********************

Alife(Ce)- Di seguito per opportuna informazione ripotiamo  l’elenco dei comuni che saranno chiamati ad esprimere il Voto nelle prossime amministrative 2009:  Ailano, Alife, Arienzo, Caianello, Calvi risorta, Capriati al Volturno, Carinaro, Casapesenna, Castel di Sasso, Cervino, Ciorlano, Conca della Campania, Curti, Fontegreca, Formicola, Francolise, Gioia Sannitica, Marzano Appio, Piana di Monte Verna, Pietravairano, Portico di Caserta, Prata Sannita, Pratella, Rocca d’Evandro, Roccaromana, Rocchetta e croce, San Cipriano d’Aversa, Santa Maria La Fossa, Sparanise, Teverola, Tora e Piccilli, Valle Agricola, Vitulazio.(Da red. politica Alife)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”