francesco-rossiPietravairano(Ce)- (da red. Alto Casertano) Il 2 febbraio il consiglio comunale di Pietravairano ha approvato un regolamento comunale per incentivare la pratica del compostaggio domestico. Ricordiamo che il compostaggio domestico consiste nello smaltire la frazione umida dei rifiuti, grazie ad una compostiera invece di consegnarlo agli addetti alla raccolta comunale. L’idea era già partita da Francesco Rossi, residente a Pietravairano con attivita’ lavorativa a Vairano Scalo. Francesco Rossi riferisce che nella scorsa estate del 2008 aveva contattato diversi comuni dell’alto casertano, facendosi protocollare innumerevoli richieste di incentivazione a questa pratica come consente l’art. 198 del d.lgs. 152/2006 che permette agli enti locali di praticare un forte sconto a chi fa il compostaggio. Tra i comuni interpellati figurava  anche quello di Pietravairano. Inizialmente Pietravairano come gli altri non sembrava interessato più di tanto. Ma grazie alla tenacia del Rossi che nel frattempo proseguiva un’ incessante e massiccia campagna informativa, mediante  dimostrazioni pratiche del compostaggio, il comune ha deciso di accogliere l’ idea promossa e lanciata dal Comitato Cittadino per la Tutela Ambientale di Vairano Patenora capitanato dal Rossi. Ricordiamo che la ‘compostiera fai da te’ costruita secondo le indicazioni del Rossi, costa circa 15 euro, si trova su youtube, (basta cercare la parola chiave: compostiamoci bene in casa”). A Pietravairano nacque, nel dicembre dello stesso anno l’associazione LA SVOLTA che sostenne apertamente l’idea del Rossi e spiegò sul proprio giornalino la tecnica. Con lil supporto  di Salvatore Caggiano e Pietro Antoscia il giornalino volava in tutte le case di Pietravairano. L’associazione La Svolta inviò una richiesta al comune di Pietravairano, affinché incentivasse il compostaggio come si fa in molte grandi città come Mercato S. Severino, Modena, Ferrara, Roma ecc.  Il Sindaco in precedenza aveva dichiarato sui giornali di essere interessato promettendo la distribuzione di 20 compostiere da assegnare secondo una graduatoria di cui non erano noti i criteri. Dopo due mesi dalla presa di posizione dell’ Ass. La Svolta il consiglio comunale approva il regolamento sul compostaggio con il parere favorevole dell’opposizione.  Secondo molti osservatori pare che la maggioranza consiliare abbia ignorato l’idea lanciata prima dal  Rossi e si sia adoperata solo in seguito alla pressione mediatica del giornalino  (La svolta). Il regolamento approvato prevede l’attribuzione di 5 compostiere (non 20 come affermato in un primo tempo dal sindaco) ai nuclei familiari con più di 4 persone scelti tra coloro che faranno la richiesta di sconto.  Lo sconto sarà tra il 20% e il 40% a seconda delle adesioni. La richiesta va fatta tramite un modulo di autocertificazione redatto dal comune e si avrà beneficio dal 1 gennaio 2010. Francesco Rossi comunica che intende  ringraziare: Antonio De Blasio e Raffaele Mariano per la disponibilita’ data in consiglio, inoltre la lista Torre che approvava anticipatamente con diversi articoli. “Gli ambientalisti del comitato pietravairanese – afferma Farncesco Rossi- “credono che senza la nascita del giornalino La Svolta questo grande passo dell’ amministrazione comunale sarebbe stato tutto un miraggio. Ringrazio” – e conclude- “tutta la maggioranza del comune di Pietravairano(Ce). Il Rossi ha cominciato a praticare  il compostaggio da due anni, il 28 agosto fu protocollata la sua prima domanda di richiesta, dopo la delibera del 2 marzo scorso si é recato al comune  per inoltrare nuova domanda. Ora si spera che altri comuni aderiscano al progetto “salva il tuo ambiente”, non ci vuole niente. Il comitato insieme al gruppo giovani usava questa frase ambientalista: “non vendiamo niente siamo per l’ambiente”. Da ricordare che molti abitanti di Pietravairano non consegnano l’umido già oggi perché lo smaltiscono in campagna o nelle concimaie. Anche queste persone possono chiedere lo sconto compilando il modulo che autocertifica la pratica del compostaggio domestico.(Compostiamoci bene in casa).Questa terra non ci appartiene(siamo di passaggio). (Comunicato fontre red. Alto Casertano- Matesino)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

francesco rossi