San Salvatore Telesino(BN)- 04.maggio.2009 Elezioni monocolore ? Malgrado le numerose richieste del nostro movimento, per una partecipazione popolare alla composizione delle liste e, soprattutto, dei programmi, per le prossime elezioni comunali a San Salvatore, non c’è ancora stata alcuna possibilità di discutere pubblicamente di nulla con i futuri possibili candidati, né, ancora, conosciamo la composizione delle liste. Non è nostra abitudine basare le nostre considerazioni su notizie non ufficiali, ma purtroppo, al momento, non ci sono certezze. Solo attraverso alcuni articoli de “Il Sannio”, che spesso somigliano a megafoni per i politici di turno piuttosto che ad articoli giornalistici, abbiamo fatto delle ipotesi sui nomi dei possibili candidati. Ebbene, sembrerebbe ormai sicuro che alla presentazione dei candidati troveremo il preside Izzo come candidato sindaco di una delle due liste in campo, mentre l’altra lista, con candidato sindaco l’avvocato Romano, dovrebbe essere costituita prevalentemente da appartenenti al PDL. Ora, dopo le ultime esternazioni del segretario provinciale dei Popolari Udeur di Benevento, Annio Maiatico (vedi, sul Quaderno ), e viste le candidature PDL per le prossime europee, sembra che le intenzioni del partito siano sempre più precise nell’accorpare l’Udeur al partito nato dalla “fusione” di AN e Forza Italia, e condividere quindi la linea politica del governo Berlusconi. A questo punto non possiamo non chiedere, ad eventuali candidati dell’UDEUR alle elezioni amministrative di San Salvatore Telesino, una dichiarazione chiarificatrice sulle loro intenzioni rispetto alla nuova linea politica del partito di appartenenza. Chiediamo, quindi, che siano dati dei chiarimenti a tutti i cittadini sulle intenzioni che il gruppetto Udeur paesano ha rispetto alle decisioni del loro principale politico di riferimento: Clemente Mastella. La domanda nasce dall’esigenza concreta di sapere, come elettori, quali riferimenti politici avranno le liste contendenti: se i leader politici del PDL (Udeur compreso) fanno un richiamo all’ordine per ricompattare i ranghi per motivi tutt’altro che locali, corriamo di nuovo il rischio di una spaccatura e di un nuovo Commissariamento? Siamo sicuri di potercelo permettere ? E ancora, nel momento di prendere decisioni importanti, si potrà credere che ci sarà vero contraddittorio? Abbiamo già avuto modo di sperimentare in passato, vedi esempio inceneritore, che quando non ci sono interessi politici SINCERAMENTE contrapposti, chi ne fa le spese, inevitabilmente, sono i cittadini. A questo punto, con la ufficializzazione dell’accordo Udeur – PDL, e le probabili liste che si profilano a San Salvatore, una prevalentemente di destra, e l’altra con PD e Udeur insieme, ci ritroviamo, ancora una volta, a non avere, a San Salvatore Telesino, una vera alternativa politica, non più una lista con moderati di centro insieme a qualche sia pur debole pensiero di sinistra, con un minimo di distinzione rispetto ad un governo così autoritario, che cambia le leggine a suo uso e consumo tutti i giorni, bensì il partito unico, il partito di coloro che, da Destra a Sinistra, si accoppiano e si dividono a seconda del momento, il partito del pensiero liquido e avvolgente, della politica dinamica e sempre in cambiamento, del pensiero di chi chiama “lista civica” il classico polpettone, del trasformismo scientifico. Immaginiamo il primo consiglio comunale: una insperata comunione d’intenti, una linea politica imposta dalle linee di partito (praticamente lo stesso partito) darà una grande omogeneità ai nostri “competenti“ politici. Viene quasi da proporre ai candidati delle due liste di non sprecarsi nella prossima campagna elettorale, ma di fare un unico listone, con le foto di Berlusconi e Mastella come logo. Perché spendere soldi, girare faticosamente per le case, promettere miraggi diversi dall’altra lista? Così, almeno, non ci illuderemo più di andare a votare per una politica in cui credere, e, chi vorrà, lo farà solo per stima o simpatia personale. Cittadini in MovimentoLaboratorio di cittadinanza attiva (Comunicato inviato da Maria Pia Cutillo)
Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”