m[1].orso sett 2009 2Piedimonte Matese(Ce)- (da Sci Fondo Club Matese) All’ indomani della lettera aperta al Sindaco di Castello del Matese, nella quale lamentavamo l’ abbandonom[1].orso sett 2009 3 della pista di fondo di M.Orso, avevamo deciso di non replicare alle risposte perché non siamo polemici e non ce l’ abbiamo con nessuno. Non abbiamo neanche fatto commenti nella disgraziata occasione del rave di ferragosto anche se crediamo di avere diritto di sapere chi ha autorizzato tale scempio m[1].orso sett 2009 4oppure chi non è intervenuto e chi dovrebbe pagarne le conseguenze. Siamo comunque ottimisti e fiduciosi per cui, in vista della prossima stagione invernale, considerando che adesso arredi e suppellettili e motoslitta di soccorso ci sono e sono stati anche mostrati in m[1].orso sett 2009 5occasione dell’ inaugurazione ufficiale del rifugio con la presenza di rappresentanti della Regione, abbiamo voluto iniziare la nostra preparazione di acclimatamento e condizionamento organico proprio a M.Orso. Ciò,m[1].orso sett 2009 6

-perché quello è il luogo destinato alla principale attività della nostra associazione, lo sci di fondo;

– perché li si trova l’ unica pista omologata FISI di 5 km;

– perché i quasi 400.000 euro di finanziamento già impiegati m[1].orso sett 2009 7(“no comment” sul come) più circa altri 300.000 che arriveranno hanno come destinazione la “riqualificazione della pista di sci di fondo”, (è scritto chiaramente sulla tabem[1].orso sett 2009 8lla in bella mostra davanti al rifugio)

Premesso questo oggi, domenica 20 settembre 2009, siamo andati a M.Orso con i nostri ragazzi é non possiamo tacere. Le foto parlano chiaro: tutto chiuso, abbandono totale.. rifiuti intorno al rifugio, grosse buche e enormi massi situati sulla pista per impedire l’ ingresso ai mezzi dei tagliaboschi abusivi che sono stati regolarmente spostati e impediranno solo il passaggio del battipista nel caso dovesse compiersi il miracolo della battitura della pista nel prossimo inverno. Ricordiamo anche, quanto segnalato dagli amici del Freestyle Matese, tantissime bottiglie di plastica, lattine, bottiglie di birra e altro disseminate all’ ingresso del bosco che circonda il pianoro del maledetto rave. Non siamo ancora riusciti a capire se quella vegetazione che ha coperto per tutta l’estate l’insegna del Parco è una specie protetta. Noi però non ci arrendiamo perché, come cittadini del Matese, abbiamo diritto di usufruire di queste m[1].orso sett 2009  1opportunità che il nostro territorio ci offre. Domenica prossima saremo di nuovo a Monte Orso. (Comunicato da Sci Fondo Club Matese)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”