Isernia- (Di Michele Visco) La Comunità montana del Volturno e l’associazione di volontariato “Auto aiuto tossicodipendenzae dintorni” portano avanti il progetto “La Goccia” contro la droga. Al via i primi incontri. Nuova iniziativa di patrocinio, questa volta, da parte della Comunità montana del Volturno che grazie all’associazione di volontariato “Auto aiuto e dintorni”, in collaborazione con il sert di Isernia-Venafro, porterà avanti un progetto denominato “La Goccia” in aiuto delle persone colpite dal dramma della droga. Iniziativa veramente lodevole che vede la collaborazione di enti come il comune di Venafro ed il Cesvip (Centro di servizi del volontariato). “Non sentirti solo, chiedi aiuto, hai dubbi su una persone a te cara che possa far uso di sostanze stupefacenti o di alcool? Possiamo parlarne come, dove e quando vuoi..”. Questo il messaggio lanciato dai promotori dell’iniziativa e dai componenti dell’associazione “Auto aiuto e dintorni”. Nei giorni scorsi sono stati già avviati i primi incontri voluti dall’associazione, durante i quali si sono visti medici, avvocati e categorie come quella dei Vigili urbani. Il prossimo 22 ottobre è previsto l’incontro con le forze dell’ordine. Il progetto “La Goccia” prevede, inoltre, per la giornata del 28 ottobre 2009 l’intervento di Massimo Caporossi, vicepresidente dell’associazione di Ancora denominata “Centro di ascolto volontariato socio-sanitario”. Il 29 ottobre spazio alla conferenza che vedrà la paretecipazione di Enzo Andrealli, presidente dell’associazione di Ancona “Centro di ascolto volontariato socio-sanitario”. Andrealli porterà con se una testimonianza dell’esperienza effettuata nell’ambito dell’associazione in questi lunghi anni di battaglia contro la droga. Il 9 novembre, invece, incontro animato dagli interventi di esperti del settore come Paolo Gabbiotti, presidente delle Comunità-terapeutiche C.A.S.T. di Assisi, di Angelo Tarulli, responsabile della struttura di accoglienza per tossicodipendenza di Spello (Pg) e di Franco Figlioli, responsabile della struttura di accoglienza per tossicodipendenti di Spoleto (Pg). Tutti gli incontri si svolgeranno all’interno della sede della Comunità montana del Volturno in via Conca Casale a Venafro. Il progetto si concluderà il 26 novembre con un incontro-dibattito che coinvolgerà tutti gli attori del percorso di sensibilizzazione e cioè l’associazione “Auto a aiuto e dintorni”, il CESVIP, il Sert di Isernia-Venafro, la Comunità montana del Volturno, il distretto sanitario Isernia-Venafro e le persone che hanno preso parte ai vari dibattiti.(Articolo a cura del giornalista di Valle del Volturno MICHELE VISCO)
Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”