Pace a luttoFOTONOTIZIA: Bandiera della Pace listata a lutto issata dal balcone dell’ abitazione della rappresentante del Movimento per la Pace Agnese Ginocchio sul corso principale del centro storico ad Alife(Ce) il giorno 4 Novembre 2008. Un luogo bel visibile a tutti. 
Il monumento ai caduti di Tolentino (MC), distrutto dai fascisti nel 1922, recava questa lapide:
POSSA LA SANTITA’ DEL LAVORO REDENTO/ FUGARE E UCCIDERE PER SEMPRE
IL SANGUINANTE SPETTRO DELLA GUERRA/ PER NOI E PER TUTTE LE GENTI DEL MONDO
QUESTA LA SPERANZA E LA MALEDIZIONE NOSTRA/ CONTRO CHI LA GUERRA VOLLE E RISOGNA

 Tutto quello che non ci hanno detto sul quattro novembre.

La prima guerra mondiale costo’ all’Italia 650 mila morti e un milione di mutilati e feriti, molti di piu’ di quanti erano gli abitanti di Trento e Trieste, i territori ottenuti con la vittoria della  guerra, che erano gia’ stati promessi all’Italia dall’Austria in cambio della non belligeranza – (2 novembre 2000)

Il 4 novembre ripudiamo la guerra

Il 4 novembre si svolgono in tutta Italia le cerimonie per ricordare il 4 novembre 1918, data in cui l’Italia usci’ “vittoriosa” dalla prima guerra mondiale.  Con questo messaggio vogliamo dedicare spazio alle vittime della prima guerra mondiale, che hanno pagato con la loro vita il costo di una guerra inutile.

La festa del 4 novembre fu una ricorrenza istituita dal fascismo per trasformare le vittime di una guerra spietata e non voluta in eroi coraggiosi che si immolavano per la Patria. Furono costruiti monumenti ai caduti e agli insegnanti fu chiesto di celebrare le forze armate. Questa eredita’ non e’ stata sufficientemente sottoposta a critica con l’avvento della Repubblica.Vogliamo portare nella consapevolezza sociale cio’ che e’ ormai acquisito nello studio degli storici e degli studiosi: l’Italia entro’ in guerra nonostante l’Austria avesse promesso la restituzione di Trento e Trieste in cambio della non belligeranza. L’intento era infatti quello di espandere l’Italia verso territori esteri (come avvenne con la conquista del Sud Tirolo) seguendo il mito dell’imperialismo romano, che ebbe poi nel fascismo la sua massima celebrazione. Dopo la guerra infatti si parlo’ di “vittoria mutilata” perche’ le mire espansionistiche non furono coronate.

La prima guerra mondiale fu un affare per grandi industriali, politici corrotti, funzionari statali senza scrupoli, alti ufficiali con le mani in pasta. Le commesse di guerra fruttarono profitti cosi’ scandalosi che fu nominata una commissione di inchiesta parlamentare.

 I migliori libri di storia segnalano che il fascismo al potere – fra i primi atti – blocco’ la commissione parlamentare che indagava sulla prima guerra mondiale e sui profitti illeciti accumulati da faccendieri, burocrati, generali, industriali. Essa fu infatti prontamente sciolta dal fascismo dopo la marcia su Roma.

Perche’ allora si festeggia la prima guerra mondiale?

Una risposta ci viene da un testo scolastico G. De Vecchi, G. Giovannetti, E. Zanette, “Moduli di storia 2″, ed. scolastiche B. Mondadori. Leggiamo…“L’idea di una “guerra grande” non per l’orrore e la sofferenza bensi’ per l’eroismo e il patriottismo dei suoi protagonisti e la bonta’ dei suoi obiettivi, nacque soltanto dopo il conflitto. Essa fu il risultato delle commemorazioni ufficiali dei governi liberali dell’immediato dopoguerra e poi del regime fascista. Questa idea si concretizzo’, fin dagli anni immediatamente successivi al conflitto, in una serie di iniziative finalizzate a tenere vivo negli italiani il ricordo della guerra cerimonie pubbliche, istituzione di festivita’ (per esempio il 4 novembre, anniversario della vittoria), intitolazione di vie e scuole a eroi della guerra, diffusione nelle stesse scuole e nei centri ricreativi dei canti patriottici. Ma lo strumento piu’ efficace furono i monumenti ai caduti. Fu soprattutto il regime fascista a favorirne la diffusione, imponendone la costruzione in tutti i paesi e citta’ d’Italia. Quali erano la funzione e le caratteristiche dei monumenti ai caduti? Il loro obiettivo immediato era la commemorazione dei soldati morti sul campo di battaglia, in particolare di quelli originari della località in cui era costruito il monumento. Tuttavia, nei testi che apparivano sulle lapidi e nel tipo di raffigurazione emergeva un altro e piu’ importante obiettivo. Si trattava, infatti, di iscrizioni e di sculture che descrivevano la guerra come una sofferenza giusta e necessaria; i soldati vi erano rappresentati come degli eroi che, consapevolmente e volontariamente, avevano sacrificato la propria vita per la patria. In sostanza, i monumenti e le lapidi presentavano la guerra come un momento di “grandezza” dell’Italia e degli italiani, dunque come un’esperienza estrema ma assolutamente positiva.

Niente di piu’ lontano dalla realta’. Appare allora chiaro che i monumenti erano progettati non solo per offrire alle famiglie un conforto e una giustificazione per la morte dei loro cari, ma anche e soprattutto per costruire la memoria di una guerra “grande” che ne falsificava la realta’ nascondendone gli aspetti piu’ violenti e assurdi.

La memoria non ufficiale e l’opposizione alla guerra

La memoria ufficiale della guerra non fu pero’ l’unica forma di commemorazione del conflitto. Soprattutto nel biennio 1919-20, vi furono associazioni e forze politiche (in genere di sinistra) che cercarono di mantenere in vita il ricordo dell’opposizione alla guerra e delle sofferenze che essa aveva causato ai soldati e ai civili. Anche questa versione alternativa si manifesto’ attraverso lapidi e monumenti in genere costruiti nei comuni guidati da sindaci socialisti. Si trattava pero’ di monumenti molto diversi da quelli ufficiali. Le lapidi “alternative” erano ben piu’ precise ed esplicite nel descrivere l’orrore del conflitto. I soldati morti erano descritti come vittime e non come eroi. Questi monumenti ebbero vita breve e difficile. Gia’ i primi governi liberali del dopoguerra ne ostacolarono o vietarono la costruzione; con la salita al potere del fascismo, nella cui ideologia tanta parte aveva l’esaltazione della nazione e della guerra, essi vennero tutti distrutti. Un mito presente ancora oggi. L’interpretazione ufficiale della guerra rimase prevalente anche dopo la caduta del fascismo, non solo a causa dell’efficacia della propaganda del regime, ma anche perche’, messa a confronto con la seconda guerra mondiale – che in Italia nessuno, a parte il regime fascista, aveva voluto – la Grande guerra appariva meno insensata e drammatica. E’ solo a partire dagli anni sessanta che nelle interpretazioni degli storici, così come nella mentalita’ degli italiani, ha cominciato a riaffiorare una memoria critica della guerra. A testimoniare la sopravvivenza del mito della Grande guerra vi sono ancora i monumenti di epoca fascista; in molti casi ne e’ stata modificata la dedica, estendendola anche ai morti della seconda guerra mondiale e della Resistenza. Solo in pochissime realta’, in genere nel corso degli anni settanta e ottanta, sono stati sostituiti con nuovi monumenti che rappresentano la guerra non come un giusto sacrificio per il bene della patria, ma come un orrore da evitare per sempre”. A Bussonelo (TO) una lapide cominciava con queste parole:

PER QUELLO CHE FU SOFFERTO
NELL’OZIO DEPRAVANTE DELLA CASERMA
SOTTO IL BASTONE DELLA SERVITU’
NEL LEZZO DELLE TRINCEE
NELLE VIGILIE DI MAGNIFICATE CARNEFICINE…

Essa fu distrutta nel 1921 dai fascisti. Il monumento ai caduti di Tolentino (MC), distrutto dai fascisti nel 1922, recava questa lapide:

POSSA LA SANTITA’ DEL LAVORO REDENTO
FUGARE E UCCIDERE PER SEMPRE
IL SANGUINANTE SPETTRO DELLA GUERRA
PER NOI E PER TUTTE LE GENTI DEL MONDO
QUESTA LA SPERANZA E LA MALEDIZIONE NOSTRA
CONTRO CHI LA GUERRA VOLLE E RISOGNA

Il 4 novembre ripudiamo la guerra (Volantino)

  •  PDF logoIl documento è in formato PDF, un formato universale che può essere letto da qualunque computer con il lettore gratuito “Acrobat Reader”. Per salvare il documento basta cliccare sul link del titolo con il tasto destro del mouse e selezionare il comando “Salva oggetto con nome” (PC), oppure cliccare tenendo premuto Ctrl + tasto Mela e scegliere “Salva collegamento come” (Macintosh). (Fonte: Peacelink Telematica per la Pace)

Lettere dal Fronte. Chi il 4 novembre festeggia la “vittoria” farebbe bene a rileggere questa lettera scritta da una vittima, semianalfabeta, ma con le idee molto piu’ sincere e molto piu’ chiare di tanti intellettuali ed editorialisti di oggi: Maesta’ inviamo a V.M. questa lettera per dirvi che finite questo macello inutile. Avete ben da dire voi, che e’ glorioso il morire per la Patria. E a noi sembra invece che siccome voi e i vostri porchi ministri che avete voluto la guerra che in prima linea potevate andarci voi e loro. Ma invece voi e i vostri mascalzoni ministri, restate indietro e ci mandate avanti noi poveri diavoli, con moglie e figli a casa, che ormai causa questa orribile guerra da voi voluta soffrono i poverini la fame! Viliacchi, spudorati Ubriaconi, Impestati, carnefici di carne umana, finitela che e’ tempo li volete uccidere tutti? Al fronte sono stanchi nell’ interno soffrono la fame, dunque cosa volete? Vergognatevi, ma non vedete che non vincete, ma volete che vadino avanti lo stesso per ucciderli. Non vedete quanta strage di giovani e di padri di famiglia avete fatto, e non siete ancora contenti? Andateci voi o viliacchi col vostro corpo a difendere la vostra patria, e poi quando la vostra vita la vedete in pericolo, allora o porchi che siete tutti concluderete certamente la pace ad ogni costo. Noi per la patria abbiamo sofferto abbastanza, e infine la nostra patria e’ la nostra casa, e’ la nostra famiglia, le nostre mogli, i nostri bambini. Quando ci avete uccisi tutti siete contento di vedere centinaia di migliaia di bambini privo di padre? E perche’? per un vostro ambizioso spudorato capriccio”.

Lettera dal fronte del tenente Angelo Campodonico, 1915: Durante le oscurissime notti, quando scoppiano sulle trincee terribili granate, i soldati cercano uno scampo nel ritirarsi indietro, e allora io e gli altri ufficiali li ricacciamo, puntando il nostro moschetto carico, pronto ad agire ad ogni tentativo di fuga. Forse questi sono i momenti peggiori della guerra, quando noi, sotto il grave peso dell’enorme responsabilita’, siamo costretti a ricorrere a qualunque mezzo, pur di obbedire anche noi agli ordini che ci vengono da fonte superiore.

Lettera di protesta di un italiano, Padova, 28 maggio 1916: “Signor re, basta tanto macello di carne umana. Loro signori tutti birboni sono in salvo, i nostri poveri tutti al macello. Volete conquistare la terra e ammazzare i cittadini? Dite voi signori di amare la Patria e intanto distruggete chi la rende grande e gloriosa. Uccisa la gioventù e molti padri di famiglia chi lavorerà le terre italiane? Invece della guerra se aveste avuto buon senso avreste fatto lavorare tante terre incolte, e così far sfamare i popoli, ma no, li volete ammazzare. Un padre che ama i suoi figli non cerca di ucciderli per acquistare terra, lei invece si proclama padre della Nazione… che padre è? E la faccia finita che è ora, basta la guerra così infame e ingiusta. Siamo tutti stanchi: domme, bambini, uomini, anziani. La nostra bella Italia prima si diceva fiore d’Europa, ora invece lutto e pianto”.

Lettera spedita a Viterbo il 14 agosto 1917 da un soldato di 21 anni:  Questa lettera e’ costata una condanna a 1 anno e 10 mesi di reclusione militare per “insubordinazione” e “lettera denigratoria”.” La guerra e’ ingiusta, perche’ e’ voluta da una minoranza di uomini i quali, profittando della ignoranza della grande massa del popolo, si sono impadroniti di tutte le forze per poter soggiogare, comandare e massacrare; che chi fa la guerra e’ il popolo, i lavoratori, loro che hanno le mani callose e che sono questi che muoiono, sono essi i sacrificati, mentre gli altri, i ricchi, riescono a mettersi al sicuro“. (Fonte: E.Forcella e A.Monticone, “Plotone di esecuzione”, Laterza)

Chi volle la prima guerra mondiale fu un mascalzone. Chi la festeggia oggi e’ un ignorante.

Dal 4 novembre rinasca il monito solenne: MAI PIU’ LA GUERRA!   Questo documento e’ stato realizzato e distribuito da Peacelink, una associazione di volontariato dell’ informazione che dal 1992 offre una alternativa ai messaggi proposti dai grandi gruppi editoriali e televisivi. PeaceLink collabora con associazioni di volontariato, insegnanti, educatori ed operatori sociali che si occupano di Pace, nonviolenza, diritti umani, liberazione dei popoli oppressi, rispetto dell’ambiente e libertà di espressione. Tutti i volontari di PeaceLink svolgono il loro lavoro a titolo puramente gratuito, per dare voce a chi non ha voce. Per contatti, informazioni e collaborazioni: PeaceLink – C.P. 2009 – 74100 Taranto http://www.peacelink.itinfo@peacelink.it  PeaceLink Tel: ++39-099-7303686 Fax: ++39-06-57290945

Per altre info vai allo Speciale Dossier: “4 Novembre non festa retorica ma lutto ” (Speciale di “Alto Casertano-Matesino & d”):

Speciale 4 Novembre non festa retorica ma lutto a cura di “Alto Casertano-Matesino & d”

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

Annunci