Roccaravindola(Is)- (di Michele Visco)  Sulla questione Adsl scendono in campo anche gli alpini. La sezione locale delle “penne nere” ha convocato un incontro per mercoledì 20 gennaio per restare al passo coi tempi. Il problema e le tematica Adsl stanno catalizzando l’attenzione dell’intera collettività di Roccaravindola e del comune capoluogo di Montaquila. A scendere in campo, questa volta, dopo l’amministrazione comunale, è toccato al locale gruppo alpini guidato da Fiorentino Castaldi. Una iniziativa “sociale” mirata all’ottenimento di consensi e soprattutto all’analisi del territorio per capire come intervenire fattivamente e cercare di invogliare le aziende private ad installare ripetitori in zona per ottenere il servizio wi-fi (senza fili) e per avere una connessione in rete veloce e pratica. Sono molte le attività aziendali, private e pubbliche in zona che hanno bisogno di strumenti tecnologici per andare avanti nell’ordinaria amministrazione. Anche gli studenti del posto più volte hanno sollecitato le autorità competenti per avviare un discorso “importante” per far attecchire in zona l’Adsl. Le “penne nere” di Roccaravindola hanno organizzato all’interno degli ex locali del circolo “Peter Pan”, lungo la statale 158 alle ore 19 di mercoledì 20 gennaio. Gli alpini, come sempre sensibili alle tematiche sociali si sono fatti avanti per trovare qualcuno che potesse collaborare al meglio per risolvere questo problema. Dall’altra parte l’impegno dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Franco Rossi e da diversi amministratori che sono accollati la tematica. Uno di questo è il vicesindaco Giovanni Perna che oltre a mantenere costanti contatti con Telecom Italia sta contattando, giorno dopo giorno, aziende private per far conoscere loro il territorio e per cercare di risolvere immediatamente il problema ADSL. (articolo a cura del giornalista MICHELE VISCO)
Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”