Sparanise(Ce)-Dov’ era Consoli quando il tabacchificio di Sparanise chiudeva i battenti?” E’ quanto si legge inuna nota del vice sindaco di Sparanise Giancarlo L’ Arco, candidato alla carica di consigliere regionale per l’ Italia dei Valori, in merito alle dichiarazioni rese alla stampa dal candidato capolista dell’ UDC Consoli a margine della visita di ieri mattina presso il tabacchificio Deltafina di Francolise. ” Consoli dice che dovrebbe essere dedicata particolare attenzione alla coltivazione del tabacco ma non dice cosa ha fatto lui per scongiurare la chiusura del tabacchificio di Sparanise, città che lo ha visto anche come amministratore, che dava lavoro a centinaia di famiglie. Adesso è troppo comodo, in piena campagna elettorale, dettare frasi di circostanza con la speranza di accaparrarsi qualche voto e poi magari sparire per i prossimi cinque anni. Le famiglie dei cassaintegrati della ex Dimon non si nutrono di chiacchiere ma di fatti. Recentemente sono stato a Roma con i lavoratori per manifestare contro il lassismo del Governo ed in quella sede, forse perché era cattivo tempo e faceva freddo, o forse perché era in altre faccende affaccendato, Consoli non si è visto, cosi come non si è mai visto negli anni passati. Troppo comodo – conclude la nota -starsene seduti al caldo e sotto i riflettori di un convegno a dettare frasi di circostanza che nessuno, dalle parti di Sparanise, comedi Francolise e di Pignataro Maggiore, giusto per restare in ambito tabacchicolo, ha intenzione di trasformare in consenso. Le persone, quando sono nella cabina elettorale, dimostrano di saper ricordare chi da sempre si batte al loro fianco e chi come una meteora si fa vivo solo in tempo di elezioni”. Fonte: Comunicato Stampa da segreteria L’Arco)
Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”