Maremoti e vulcani nel Tirreno. Il Presidente del Consiglio deve intervenire ufficialmente. Allarme tsunami per le coste tirreniche in relazione ad eventuali frane lungo i versanti del vulcano sommerso Marsili.

Napoli- (del geologo prof. Franco Ortolani, nella foto a dx) Il 29 marzo c.a. il Prof. Boschi ha rilasciato un’ intervista al Corriere della Sera nella quale lanciava l’allarme tsunami per le coste tirreniche in relazione ad eventuali frane lungo i versanti del vulcano sommerso Marsili. Il 27 aprile c.a. il Dr. Bertolaso in una conferenza con la stampa estera a sorpresa, ha affermato che l’area vulcanica che più preoccupa è l’Isola d’Ischia. Nessuno dei due ha detto su quale documentazione scientifica si basino le loro allarmanti dichiarazioni. L’impatto sociale ed economico delle affermazioni di Boschi e Bertolaso inizia a farsi sentire  dal momento che siamo vicini all’inizio della prossima stagione turistica. Giungono notizie che turisti, impressionati dalle dichiarazioni dei due citati personaggi al vertice di Istituzioni Pubbliche quali l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e la Protezione Civile Nazionale, hanno iniziato a disdire le loro prenotazioni per le vacanze nelle località balneari del Mare Tirreno. Dopo le affermazioni dei due personaggi, che ufficialmente supportano il governo, non vi sono state, pare, precisazioni ufficiali circa il contenuto delle loro affermazioni. I cittadini, soprattutto quelli stranieri, conseguentemente possono pensare che vi sia una reale situazione allarmante nel Tirreno e che sia meglio andare a fare i bagni in altri lidi. E’ vero che in relazione al Marsili è stato precisato che non vi sono imminenti pericoli di grandi frane sottomarine e che la situazione è la stessa degli anni precedenti e che, comunque, è meglio effettuare un adeguato monitoraggio dei vulcani sommersi. In relazione ad Ischia e al Vesuvio vi sono state interviste del Direttore dell’ Osservatorio Vesuviano, Istituzione deputata al loro monitoraggio, nelle quali è stato precisato che l’adeguato monitoraggio non ha rivelato niente di nuovo rispetto agli anni precedenti e che tutto il sistema vulcanico è sotto controllo. Mentre le dichiarazioni di Boschi e Bertolaso che esaltavano i pericoli hanno subito fatto il giro del mondo, le precisazioni successive degli esperti che ridimensionavano i pericoli sono circolate solo nell’ambito locale. Credo che il Presidente del Consiglio debba ufficialmente intervenire per chiarire come stanno veramente le cose. Se si appura che, in base alle conoscenze attuali, veramente la situazione del Marsili, di Ischia, del Vesuvio e degli altri Vulcani del Tirreno meridionale è sotto controllo e che non vi sono nuovi elementi che evidenzino un reale imminente pericolo, credo sia il caso che il Presidente del Consiglio intervenga con una comunicazione ufficiale chiarificatrice in modo da non determinare danni all’economia turistica. (art. a cura del  prof.  Franco Ortolani  Ordinario di Geologia. Direttore del Dipartimento di Pianificazione e Scienza del Territorio Università Federico II 4 maggio 2010)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”