Piedimonte Matese(Ce)– (di Nicola Iannitti) Significativo evento per l’incontro tra il comune di Piedimonte Matese, rappresentato dall’avv. Benedetto Iannitti (foto 2), la Diocesi di Alife Caiazzo, guidata dal novello Vescovo mons. Valentino Di Cerbo (foto 5) accompagnato dal responsabile della Caritas Diocesana don Alfonso De Balsi, per il comune di S. Gregorio Matese il dott. Mallardo, i rappresentanti della rete associativa connessa con l’Ufficio Diocesano per i problemi sociali e il lavoro e il comune di Monterotondo, guidato dal sindaco Mauro Alessandri.L’occasione è stata offerta dalla gita di istruzione sul tema “i giovani, la famiglia e la natura”organizzata dall’ Ufficio Diocesano per i problemi sociali e il lavoro, presieduto dalla dott.ssa Annamaria Gregorio.Grande accoglienza e grande attenzione da parte dell’amministrazione di Monterotondo con il sindaco Mauro Alessandri accompagnato dall’ assessore all’ambiente e ai lavori pubblici Luigi Cavalli; i due hanno mostrato ed illustrato le varie realizzazioni e le linee strategiche sulle quali si muove la loro politica sociale ed ambientale; all’incontro ha partecipato anche il precedente sindaco Antonino Lupi sotto la cui guida sono state avviate le iniziative visionate. “Incontro di grande interesse e di grande valore,” ha sottolineato il rappresentante del comune di Piedimonte Matese avv. Benedetto Iannitti, “del quale ringraziamo la Diocesi ed in particolare i responsabili di struttura, Don Alfonso De Balsi e la dott.ssa Annamaria Gregorio, sempre attenti a cogliere il senso profondo del lavoro che si compie. Incontro in linea con le nostre iniziative, “ha proseguito l’avv. Iannitti,” e con la politica ambientale che stiamo portando avanti. Mi è piaciuto moltissimo il passaggio operato dalla coop. “Il Pungiglione” che ha portato i suoi soci dalla sola assistenza al confronto con il mondo del lavoro, creandosi spazio con le opere concrete e con l’impegno giornaliero” I numerosi partecipanti alla gita di istruzione, hanno potuto visionare ed apprezzare le realizzazioni effettuate dall’amministrazione comunale. Monterotondo rappresenta un esempio di buone pratiche di politica ambientale; infatti, a partire dal 2005, ha avviato una serie di misure finalizzate alla riduzione dell’inquinamento dell’aria, alla valorizzazione delle risorse energetiche intelligenti e pulite, alla promozione di veicoli di trasporti non inquinanti alternativi all’auto privata. Di grande interesse la realizzazione delle Fontane Leggere dove poter riempire le proprie bottiglie di acqua refrigerata, liscia o gasata, e di latte alla spina con un notevole risparmio per le famiglie sulla spesa e un contributo eccezionale alla riduzione dei rifiuti, con meno utilizzo di bottiglie di plastica. “ Il successo dei distributori d’acqua e latte alla spina, “ha dichiarato il sindaco Alessandri” rappresentano da un lato un forte incentivo a proseguire nell’azione volta al taglio della produzione dei rifiuti, dello spreco di energia e dell’emissione di anidride carbonica, dall’altro la conferma che è possibile promuovere un diverso approccio nei confronti della filosofia del consumo e dell’acquisto, basato non sulla limitazione ma sul conseguimento di una convenienza oggettiva, di segno economico oltre che ambientale.” La giornata è iniziata con la visita alle aree verdi della città, curate dalla cooperativa il Pungiglione e al Centro Socio Educativo con illustrazione delle attività a cura delle coop. Folias, il Pungiglione e Iskra. Pranzo alla mensa del Centro Don Milani con la partecipazione ( oltre agli ospiti) dell’Amministrazione Comunale di Monterotondo e delle cooperative sociali. Il discorso di commiato e di ringraziamento alla folta rappresentanza della Diocesi di Alife Caiazzo e del comune di Piedimonte Matese da parte del sindaco Alessandri è stato pronunciato nel bellissimo Palazzo Orsini Barberini, sede del governo della città.(Articolo a cura del giornalista matesino prof. Nicola Iannitti)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”