FIAT: A POMIGLIANO LAVOREREMO SOLO CON CHI COLLABORA

Pomigliano D’Arco(Na)- Il fronte del si’ vince a Pomigliano, ma non sfonda. A votare favorevolmente all’accordo, e’ stato il 62% dei lavoratori dello stabilimento campano: una percentuale inferiore a quanto si aspettava la stessa azienda. In mattinata, prima e’ trapelata la notizia secondo cui Fiat starebbe per rinunciare a spostare la produzione della Panda dalla Polonia. Dopo qualche ora, una nota ufficiale del Lingotto ha fatto sapere che l’azienda “lavorera’ con le parti sindacali che si sono assunte la responsabilita’ dell’accordo” su Pomigliano, prendendo atto dell'”impossibilita’ di trovare condivisione da parte di chi sta ostacolando, con argomentazioni dal nostro punto di vista pretestuose”, il piano per il rilancio di Pomigliano. Una posizione che la presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, dice di “supportare e apprezzare”. Subito la replica di Fiom: “Facciano pure ma noi continuiamo a pensare che sia importante il consenso di tutti”, ha detto il segretario generale Maurizio Landini. il Ministro del Lavoro Maurizio Sacconi si e’ detto “fiducioso” che Fiat rispetti gli accordi e vada avanti col piano mentre il segretario generale della Cisl Raffaele Bonanni ha avvertito di “non fare scherzi”, ed anche la Uil con Angeletti ha chiesto il rispetto del patto. Dal canto suo la Cgil, ha detto Susanna Camusso numero due della confederazione, ha invitato invece le parti a “riaprire il confronto per una soluzione condivisa”. Intanto, in Borsa le azioni del Lingotto perdono circa l’1,9%.(Fonte: AGI)
Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

Annunci