Piedimonte Matese(Ce)- Pronto a partire anche quest’anno a Piedimonte Matese il progetto di contrasto alla povertà messo in moto dall’amministrazione comunale di Vincenzo Cappello, in direzione di un aiuto concreto a quelle famiglie che affrontano disagi economici, aiuti che diventano sempre più importanti visti i nuovi problemi che la crisi economica ha portato con sé, specie per quei nuclei familiari che già vivono condizioni di precarietà. Dopo l’affissione, lo scorso maggio, dell’avviso pubblico che ha visto la presentazione di più di cento istanze, la giunta comunale ha approvato nella seduta del 14 luglio le graduatorie provvisorie per i nuclei familiari (salvo ulteriori possibilità di integrazione a seconda delle disponibilità finanziarie) che potranno usufruire degli contributi attraverso lavori socialmente utili. In maniera dignitosa quindi, i destinatari dell’intervento sociale si occuperanno per sei mesi di servizi come, ad esempio, la custodia di edifici pubblici (scuole, biblioteca, municipio), cura e manutenzione del verde pubblico, o accompagnamento dei bimbi sullo scuolabus. E’ un percorso socio-lavorativo quello che sarà seguito dai beneficiari del progetto, come già accaduto per l’anno scorso, cosicché il contributo economico cessa di essere una semplice elemosina ma acquisisce una connotazione diversa e più rispettosa della dignità della persona, vero l’obiettivo dell’amministrazione comunale. A finanziare il progetto c’è una somma di 43mila euro messa a disposizione dall’Ufficio di Piano, integrata da 15mila euro attinti dal bilancio comunale, che hanno consentito di aumentare le famiglie beneficiarie da trenta a quarantotto. “E’ un’occasione importante per dare sostegno e stare vicino alle famiglie indigenti – dice il sindaco Cappello – specie quando si sentono ancora gli effetti della crisi economica. Non si tratta di semplice elemosina, ma di qualcosa di dignitoso, poiché i destinatari dei contributi svolgono in cambio una vera e propria prestazione lavorativa nel sociale, compiendo qualcosa di positivo anche per la comunità”. (articolo a cura del giornalista matesino Michele Menditto)
Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano_-& d”