Sant’Angelo d’Alife(Ce)- (di Pietro Rossi) Sabato 4 settembre alle ore 18,00, il Presidente del Parco Regionale del Matese, Pino Falco (nella foto), in occasione della manifestazione organizzata dall’ Assessorato Agricoltura del Comune di Sant’Angelo d’Alife ” I tesori delle nostre terre “, inaugurerà la “CASA del PARCO”, struttura ammodernata con l’intervento finanziario del PIT Parco – modulazione POR Campania 2000/2006. Dopo Miralago continua incessantemente il lavoro di recupero degli investimenti realizzati dal Parco Regionale del Matese e ancora non fruibili da parte dei cittadini, delle associazioni e delle Istituzioni. Anche se il Decreto del Presidente Caldoro, ha precisato il Presidente del Parco Regionale del Matese Pino Falco, limita il potere decisionale dei Presidenti e di conseguenza dei Consigli Direttivi delle Aree Protette Campane, significa non poter affrontare le emergenze ambientali (e tra queste, la rete ecologica, la campagna antincendio boschivo, il dissesto idrogeologico, l’abusivismo, l’inquinamento, ecc.) ma anche congelare importanti opportunità di finanziamento, oltre che mortificare le speranze di tanti imprenditori e operatori del turismo e dell’ambiente che hanno in avanzato stato di esecuzione programmi e progetti finanziati dai Parchi, che per effetto delle disposizioni regionali, non possono dare risposte. Alla luce degli ultimi eventi, come rappresentante di questo ente, la mia principale preoccupazione è rivolta ai PIRAP (Programmi Integrati Rurali per le Aree Protette) che in Campania hanno rappresentato il vero banco di prova dell’azione e dei risultati dell’attività dei Parchi, mobilitando centinaia e centinaia di imprese, attori locali e cittadini che aspettano fiduciosi l’attuazione delle politiche di sviluppo sostenibile condivise e immediatamente operative.(Articolo a cura del gionalista Pietro Rossi)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”