S. Arpino(Ce)- Il Sindaco di Sant’Arpino Eugenio Di Santo esprime la sua solidarietà al Primo Cittadino di Cesa Vincenzo De Angelis in seguito all’atto ignobile di cui è stato recentemente vittima. “Un gesto vigliacco – ha commentato Di Santo – aggravato ancora di più dal fatto che le minacce siano state fatte oltraggiando la memoria di suo padre, vittima innocente della camorra. Un gesto che colpisce non solo il sindaco e la sua famiglia, ma la comunità intera. Un atto ignobile che non può che essere condannato con tutte le nostre forze per far sì che, chi si serve di strumenti come questi per dialogare, venga zittito per sempre e assicurato alla giustizia. La politica non ha certo bisogno di atti vergognosi come questo ma di amministratori come De Angelis, che non si lasciano intimidire dalle minacce e si dedicano con impegno e sacrificio alla propria comunità perseguendo, sempre e solo, principi di legalità e di giustizia. E’ necessario, dunque, che tutte le forze politiche e le associazioni del nostro territorio siano unite nella lotta contro la criminalità e che, chi compie gesti come questo, solo ultimo cronologicamente, non resti impunito. La crescita e lo sviluppo delle nostre terre, infatti, gravemente ostacolati dalla malavita organizzata, devono, invece, rappresentare la priorità assoluta dell’azione amministrativa e possono essere garantite solo se le forze politiche restano unite per confermare tutta la loro forza. Esprimo, dunque – ha concluso Di Santo – la mia più profonda solidarietà a Vincenzo ricordandogli che non sarà mai solo nella lotta per la legalità e la giustizia”. 13/09/2010.(Comunicato da uffisio staff)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”