Caserta- Il 22 settembre si è svolta la manifestazione “differenziati e rifiutati” che ha condotto davanti alla prefettura un folto numero di cittadini stanchi di una gestione del territorio/rifiuti che non trova soluzioni nella travagliata terra nostrana. Oltre al sostegno e solidarietà manifestata al coraggioso sindaco Cenname che invece della tessera partitica può esibire a testa alta la tessera della coerenza umana, ricordo l’altro movente fondamentale della manifestazione: la protesta contro una legge incostituzionale, la L. 26/2010, valida solo per la Campania.La Gisec, la società provinciale imposta dalla legge e partorita nella sola provincia casertana in Campania a tutt’oggi, è l’esordio (decreto Ronchi docet) di una forzata e inarrestabile privatizzazione della gestione rifiuti con grande dispendio di risorse pubbliche e inefficiente servizio reso ai cittadini (ad oggi con la scadenza di dicembre prossimo il piano della società non ha neanche la dote del teorico). La rimozione di Cenname è stato un piccolo incidente di percorso che il clan partitico trasversale (leggi, Cosentino, Giuliano, Iodice….)ha fatto presto a schiacciare.(Di Mena Moretta)

Per vedere il reportage foto intero della manifestzione cliccare sopra questa scritta

Leggi storia Sindaco Cenname rimosso:

1:Camigliano(Ce)- Il sindaco virtuoso Vincenzo Cenname non si ferma

2: Camigliano(Ce)- Su Raccolta Differenziata: Il Sindaco Cenname pronto a consegnare il proprio mandato amministrativo

Di seguito si riportano i video sulla Manifestazione del 22 Settembre 2010 a Caserta con

l’intervento del Sindaco Cenname, del Vescovo Raffaele Nogaro e degli altri intervenuti:

1 Parte:

2 Parte:

3 Parte (con l’interevento del Vescovo Nogaro):

Segue altro video correlato all’argomento:

SINDACO VIRTUOSO DESTITUITO IN 10 GIORNI PERCHE’ TROPPO VIRTUOSO.
POLITICI MAFIOSI E CAMORRISTI CORROTTI E CORRUTTORI TUTTI AL LORO POSTO 😉

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”