Baia Domizia(Ce)- Un sala gremita di imprenditori del turismo e del terziario, proprietari di case vacanza, nonché esponenti della politica locale e di numerose associazioni e consorzi balneari di Cellole e Sessa, ha fatto da cornice all’incontro tra Gaetano Cerrito e Annamaria Colao (nella foto), Presidente

 Onorario dell’ass.ne “Amici de L’Altra Italia”. Il confronto, tenutosi presso il Viktoria Club, ha visto gli operatori uniti con un unico obbiettivo: essere attivi da subito per rilanciare Baia Domizia, Cellole e il territorio aurunco. “Baia – ha spiegato Cerrito – deve ritornare ad essere un centro di attrazione turistica a livello internazionale; è il momento di rispettare, dopo tre anni di convegni e incontri, i documenti d’intesa sottoscritti. La politica e le istituzioni devono, urgentemente, interagire con la nostra associazione per riqualificare e rilanciare un territorio distrutto da sceltae ingiustificate e selvagge, da menti retrive di una politica del passato. La Colao, docente di endocrinologia e Responsabile dell’Area Funzionale Complessa di Patologia Neuroendocrina presso la Federico II di Napoli, è intervenuta dicendo “Sono qui per Gaetano e per rispetto di questa terra bellissima che deve ripartire. Il mio contributo sarà quello di favorire la realizzazione di un percorso culturale e scientifico che dalle Università arrivi in questi territori per far conoscere la terra domizia a chi non ha ancora avuto modo di apprezzarne le bellezze. Ed è chiaro che, in quanto moglie del Governatore della Regione Campania, gli porterò il vostro grido di dolore, in maniera chiara e trasparente” Un invito alla coesione è stato quello della Colao che ha concluso il suo intervento affermando:” Mi auguro che tutta questa bella gente presente all’incontro sia una squadra compatta nel seguire l’esempio del suo capitano perché da soli si può far poco, se invece le voci sono unite e ben organizzate, vengono ascoltate anche a distanza”. Tanti gli apprezzamenti per la Colao e numerose le testimonianze di stima e di affetto nei riguardi di Cerrito, tra queste, quelle di Barretta, consigliere comunale di Cellole, che ha dichiarato “Cerrito è Baia, e Baia è Cerrito, e nessuno lo potrà disconoscere. Le sue battaglie vengono da lontano e si rivolgono anche al presente” A conclusione Cerrito ha affermato: “Il progetto “Baia: turismo, il tesoro della nostra terra”, intende potenziare l’offerta turistica di Baia Domizia valorizzando le ricchezze paesaggistiche, culturali, ambientali e, soprattutto il suo mare che, da due anni, ha visto il ritorno dei delfini, tanto da meritare, ormai, la bandiera blu”. Ciò che si è discusso durante l’incontro sarà, presto, portato al tavolo prefettizio di Caserta, alla presenza dei rappresentanti istituzionali, per far si che non siano solo vani discorsi quelli fatti, bensì concrete opportunità per la terra aurunca. “Ospitare a Baia un esponente di grande rilievo nazionale nel campo scientifico e sociale, quale la Colao, – chiude Cerrito – è testimonianza di quanto il lavoro stia continuando, lavoro che con l’impegno di tutti potrà, ora più che prima, essere finalmente completato” . Baia Domizia, 14/12/2010 info@laltraitaliatv.it (Comunicato da segreteria L’altra Italia)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”