ALIFE - DI CAPRIO GIANFRANCOAlife(Ce)- Domenica 8 Maggio si é svolto il comizio della Lista 1 “Insieme per Alife” con candidato alla carica di sindaco Daniele Cirioli. Di seguito riportiamo il discorso di “Gianfranco Di Caprio” (nella foto 1 a sx) candidato alla carica di consigliere, che tratta diversi argomenti fra cui il problema delle antenne in via Valle Forcolina, che proprio nella mattinata della giornata odierna il comitato era sceso in piazza per manifestare la propria protesta. Ed inoltre il candidato consigliere Di Caprio ha trattato il caso del “programma copiato (?)” della lista rivale… Quest’ ultimo argomento ha destato non poco sconcerto da parte della comunità alifana, ma come accade in questi casi, potrebbe trattarsi di semplici accuse prive quindi di qualsiasi fondamento. Certo é che chi a chiarire i dubbi e a rispondere sulle domande poste dal Di Caprio dovrà essere la lista  rivale capeggiara da Giuseppe Avecone ( nella foto 2 a dx) che venerdi 13 maggio terrà il comizio in piazza S. Caterina, proprio davanti la sede della propria coalizione politica. Come risponderà il candidato sindaco  Avecone  alle domande poste dal Di Caprio e da Cirioli? Il programma della lista 2 stando alle dichiarazioni di Di Caprio e poi del Cirioli, é stato davvero copiato? O si tratta della solita azione (e non sarebbe la prima volta,  in materia di comizi politici) che ha lo scopo di mettere in cattiva luce l’ operato della lista 2 “Per Alife”? Di Caprio nel suo discorso, elencando alcune parti del programma della lista avversaria, lo ha giudicato non fattibile, considerando che al momento, il comune non predispone di tutti i fondi economici  che dovrebbero occorrere per attuare le tantissime opere che la lista 2  intenderebbe  realizzare, così come riportato nel proprio programma politico e che quindi a nulla giova fare un passo più grande della propria gamba. Ma come si dice: chi vivrà vedrà..Certo é che finora siamo andati avanti per esperimenti, nel senso che, ad essere stati eletti a furia di soldi e di favori in cambio di voti, sono stati personaggi che in materia di gestione sulla cosa pubblica non sanno un cavolo di niente… Il risultato é quello che ci ritroviamo oggi: un cumulo di disservizi, di debiti e di problemi infiniti che gravano sulle tasche e sulla pelle dei poveri cittadini alifani…Altro che cultura, quà il sistema politico é tutto da rifare, la prima cosa é cominciare a cambiare la propria testa e evegliarsi da questo lento torpore che sta conducendo alla deriva di una civiltà…Buona lotta dunque, buon “risveglio” culturale e che vinca il migliore( si spera..)! Di seguito il discorso di “Gianfranco Di Caprio”. ( A cura della redazione politica Alife)

VOta i Sondaggi di Alto Casertano

“Cari concittadini, cari elettori, care elettrici, alifani tutti,
la vostra numerosa presenza stasera in questa piazza mi onora, ci onora, ma ci rende anche profondamente responsabili nei vostri confronti.
In questi giorni, comincia ad aleggiare la paura del risultato finale e cominciano le prime scorrettezze. Qualcuno addirittura ha invitato un mio carissimo amico a lasciarmi stare perché con me si sarebbe bruciato: caro candidato della lista n. 2, che avrai sicuramente orecchie per intendere, tu sei nato già bruciato se ti comporti così. Noi non cambieremo di una sola virgola il nostro atteggiamento perché la nostra forza è nelle nostre idee. Qualcun altro, sempre candidato della lista n. 2, ha affermato che, nella fase di costruzione delle liste, io avrei posto un veto contro una persona specifica: anche in questo caso la divina provvidenza è molto superiore a qualsiasi mezzuccio di politicanti da strapazzo ed è successo che la verità è stata appurata dagli stessi familiari del consigliere comunale uscente, risparmiandomi anche una inutile presa di posizione. Altri ancora chiedono di non votarci perché saremmo poveri elettoralmente, altri ancora ci mettono contro l’amministrazione uscente per ingraziarsi qualche amico che è rimasto fermo in questa tornata elettorale.
La verità è sotto gli occhi di tutti: comitati elettorali e manifesti per ogni singolo candidato al punto che sono costretti, per rispettare la legge, a coprirsi gli uni con gli altri. E non posso tacere la violazione degli spazi riservati alla pubblica affissione, al punto che qualche giorno fa, una ditta di pompe funebri è stata costretta a rimettere i manifesti coperti dal volto sorridente di un candidato. O la storia di un candidato che copriva illegalmente la firma di un manifesto di auguri pasquali fatti affiggere, questa volta regolarmente, da un suo coinquilino di lista!
Ma vi chiedo? Se un futuro amministratore non è in grado di rispettare la legge oggi come potrà farlo domani? Io ho qualche dubbio in più: forse nemmeno la conoscono la legge …
Le loro contraddizioni vengono fuori in modo quasi ossessivo: potrei fare un elenco lunghissimo di provvedimenti che sono stati votati in maniera diametralmente opposta da quattro loro candidati (Sannullo e Giammatteo dalla maggioranza e Santagata Alfonso e Del Giudice dalla minoranza) ma preferisco tacere e lasciare le considerazioni alle vostre intelligenze. Maggioranza ed opposizione, insieme! Meditate.
Stamattina in questa piazza un comitato civico protestava per l’installazione di una nuova antenna in Valle Forcolina: a quei cittadini chiedo: chi vi potrà difendere da queste realtà? Chi è portatore di interessi o chi ha voglia semplicemente di amministrare in maniera imparziale il nostro comune? Con questo non dico che le antenne non vadano installate (NIMBY) ma una concentrazione di antenne in uno stesso sito non giova a nessuno, specialmente ai 400 abitanti della zona. Noi tra i comitati civici ed i comitati d’affari scegliamo di stare dalla parte dei cittadini.
Tanti proclami in questi giorni, promesse elettorali che hanno del ridicolo: noi promettiamo solo impegno e realizzazione di cose semplici e concrete. Normali.
Ed è a questo punto che mi tocca fare una analisi politica seria e scrupolosa dei programmi. Il nostro programma è nato in modo semplice, utilizzando un metodo che nella pubblica amministrazione è conosciuto con il nome di pianificazione strategica. Ci si pongono degli obiettivi di massima e si cerca, a cascata, di inserire tutti gli interventi che, compatibilmente con il contesto locale, siano in grado di far raggiungere il risultato finale. Con un grande vantaggio: il programma è misurabile e si presenta annualmente ai cittadini per verificare i risultati raggiunti.
Noi abbiamo deciso che Alife deve svoltare verso la normalità: deve ripartire da quelli che sono i suoi punti di forza, superare quelli di debolezza programmando sia le opportunità che i rischi.
La valorizzazione del sistema dei beni culturali e del centro storico, messi a sistema, è un punto cardine. Come un punto cardine è la valorizzazione dell’agricoltura. La caratteristica principale del nostro comune è quella di avere un territorio molto esteso e divisibile in almeno tre macro aree, che quindi scindono le attività ad esse correlate. Servizi e commercio nel centro, l’area industriale e l’agricoltura nella parte restante del territorio.
La vocazione agricola che ha da sempre contraddistinto la nostra economia vive una delle peggiori crisi della sua storia. Quali le possibili soluzioni? Noi proponiamo uno sviluppo integrato pubbico – privato, ovvero un intervento diretto della pubblica amministrazione nell’economia locale. In che modo questo può essere realizzato? Attraverso l’unione delle nostre risorse, per far si che le nostre produzioni non si fermino all’attività primaria ma arrivino direttamente al consumatore finale, creando di conseguenza una filiera molto corta, oggi definita a km 0. Il ruolo della pubblica amministrazione in tutto ciò può rivelarsi fondamentale. Potrebbe, attraverso la costituzione di società miste, acquisire aree agricole e creare possibilità di sviluppo economico ed occupazionale. In tali aree, dotate di nuovi interventi urbanistici, si potrebbero insediare le più svariate attività. Come ad esempio produzioni di eccellenza sia attraverso il recupero e la valorizzazione dei nostri prodotti tipici, sia attraverso l’incentivazione di produzioni biologiche e biodinamiche. E poi la valorizzazione del territorio in funzione del turismo rurale tanto in voga oggi: pensiamo ad agriturismi, a fattorie didattiche per accogliere scuole.

La crisi che attraversa il comparto agricolo ci obbliga anche a rivedere la gestione delle nostre aziende e a porci, rispetto al futuro in maniera rinnovata per far si di garantirci la sopravvivenza, oggi fortemente compromessa. Bisogna quindi pensare il futuro in modo non individualistico ma associativo e cooperativo. L’unione delle risorse è l’unica possibilità di sopravvivenza. Il ruolo della pubblica amministrazione può essere, anche in questo caso, decisivo per far si che ciò possa realizzarsi. Cento produttori di latte da un quintale non avranno mai la stessa forza contrattuale di un produttore da 100 quintali.
Ma stasera mi tocca anche fare un po’ di quella che oggi viene definita pubblicità comparativa. Il programma della lista n. 2 per Alife, è propositivo ma è poco attuativo. E’ un volere di intenti che si spinge oltre alla fattibilità reale, soprattutto in considerazione delle gravose condizioni in cui versano le nostre casse. Ma guadiamo oltre, proprio come dice il loro slogan. Io mi chiedo, oltre cosa? Oltre l’ostacolo, oltre la siepe oppure oltre Reggio Calabria? Vi chiederete: ma sta impazzendo? Niente affatto.
Io mi occupo, per mestiere, di programmazione e quindi non potevo non leggere il loro programma elettorale: lo studiai soprattutto per quanto riguarda alcune proposte su turismo e politiche sociali. Ma in uno di questi pomeriggi mi venne un dubbio, tanto cattivo quanto irreale. Ma mica lo avranno copiato? Chiesi ad un mio amico (non avevo con me il PC) di prendere qualche frase ed inserirla, tra virgolette, su un motore di ricerca. Non passarono neanche 5 minuti che il mio telefono squillò: Gianfranco c’hai preso!
Bene, cari alifani, il programma oltre ad essere propositivo è anche ben copiato: si ispira, o meglio, COPIA, dei punti sostanziali di un altro programma di una lista civica di una amena cittadina siciliana, alle pendici dell’Etna, in provincia di Catania. Nicolosi

PROGRAMMA della LISTA CIVIVA PER NICOLOSI

I punti copiati ed incollati, sono risultati proprio quelli riguardanti il turismo e le politiche sociali … Più un minestrone su altre questioni. Il resto della farina, a questo punto, si dovrebbe verificare da quale sacco provenga.
PROIEZIONE IMMAGINI
La questione finanziaria, tipo come affrontare l’annosa questione del federalismo fiscale non viene proprio accennata … evidentemente non c’è ancora in nessun programma comunale da copiare tanto è nuova. Infatti ci devono spiegare come e con quali soldi vogliono fare l’aeroporto, il ponte, il Centro studi, i Centri sportivi e quanto altro si può sparare in una campagna elettorale … e soprattutto con quali amministratori!
Zona ASI – Che cos’è l’ASI – L’Area di sviluppo Industriale è un consorzio che ha “acquistato” una porzione del territorio alifano facendosi carico della progettazione e della realizzazione di tutte le opere di urbanizzazione ed infrastrutturali… come cita l’art 2 dello statuto del consorzio.
Quindi quando il candidato sindaco Avecone ci chiede se noi vorremmo abitare in una casa senza luce, infissi, porte, ecc. (facendo riferimento alla zona ASI che è priva di infrastrutture ed opere per ospitare insediamenti produttivi) se la deve prendere, al più, con il consorzio ASI perché il comune di Alife non può far altro che sollecitare tali iniziative! Posso solo rispondere che non disponiamo di casa d’altri.
Se il comune si vuole farsi carico di tale opere deve prevedere in un nuovo Piano Urbanistico Comunale (ex PRG) e introdurre l’area PIP per gli insediamenti produttivi.
Ho sentito bestialità sulla definizione delle zone rosse, su un progressivo allargamento delle zone pedonali, delle ZTL. Ma dove sono? Di un progetto straordinario – il ponte Alife – Baia Latina.
Io di straordinario trovo solo il dilettantismo dei nostri avversari. Trovo che sia straordinariamente incivile questa presa per i fondelli dei cittadini e dei loro avversari. Sentirsi presi in giro in questo modo è davvero troppo.
Per quanto mi riguarda la campagna elettorale potrebbe anche concludersi stasera: ritengo che abbiamo già vinto le elezioni perché giochiamo contro una squadra disposta a tutto pur di vincerle.
Ed invece, e mi avvio alla conclusione, vi chiedo di riflettere molto bene su quello che è accaduto, sulla gravità istituzionale di quanto commesso: noi abbiamo bisogno veramente di cambiare libro e da stasera, aggiungo, anche di cambiare pagina internet. Chiedo di sapere pubblicamente il responsabile di tale azione di saccheggio politico e soprattutto chiedo quali possano essere le credenziali di una amministrazione comunale che copia letteralmente una cosa fondamentale come il programma elettorale.
Noi abbiamo bisogno guardare oltre, ovvero al nostro futuro. E siete solo voi che potete realizzare questo obiettivo con il vostro voto per la lista n. 1 “Insieme per Alife”.
Ultima e fondamentale osservazione: si tratta di una elezione atipica dove manca quasi totalmente la lista dall’amministrazione comunale uscente. Questo ci offre la possibilità di una svolta reale e concreta e il fatto stesso che la nostra lista non comprenda candidati uscenti né dalla maggioranza né dall’opposizione è l’unica lista che può offrire la reale svolta tanto invocata ed in questo momento indispensabile per noi, per i nostri figli e per le future generazioni.
Per questo motivo vi invito fortemente a scegliere la nostra lista, a confrontarla con l’altra, a leggere il nostro programma, a darci la fiducia che meritiamo. So che lo possiamo fare, insieme a voi, insieme a noi, per Alife. GRAZIE!! Gianfranco DI CAPRIO, candidato alla carica di consigliere per la Lista 1 Insieme Per Alife.

Vota l’altro sondaggio sui servizi in città (Per questo Quesito  si può esprimere più di una volta il voto-preferenza, trattandosi di servizi pubblici)

-Info Lista 1 “Insieme per Alife”

-Per tutte le info sulle elezioni comunali 2011 ad Alife cliccare quì sopra

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”