Italia- REFERENDUM. QUESTI ULTIMI GIORNI SONO DECISIVI. 7 ragazzi hanno scelto di privarsi per un mese della loro libertà e vivere rinchiusi in un rifugio secondo precise regole di radioprotezione. Al chiuso. Niente insalata, niente latte, formaggio, carne o pesce freschi. Solo internet per comunicare.  È un atto estremo per far sentire le ragioni del loro No al Nucleare e difendere il futuro di tutti. Non usciranno fino a che il referendum del 12 e 13 giugno cancellerà l’incubo nucleare. I ragazzi vivono seguendo le regole del protocollo di radioprotezione previsto in caso di incidente nucleare con rilascio di radiazione:

– chiudersi in un luogo sicuro
– una volta all’interno, sigillare i locali nel miglior modo possibile
– arrestare i sistemi di ventilazione e condizionamento dell’aria
– evitare gli alimenti più a rischio, come vegetali a foglia larga (insalate, bietole, spinaci, cavolo, acetosella), latte e formaggi freschi (in particolare di capra e pecora), carne (proveniente da pascoli all’aperto) e pesce (soprattutto in caso di ricaduta radioattiva in mare, come per Fukushima). (Per maggiori info e per aderire all’Appello cliccare sulla scritta di seguito: I pazzi siete voi)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

Pubblicità