Roccamonfina(Ce)- I corpi di un uomo e di una donna di Roccamonfina l’uomo (42 anni) e la donna (di 39) sono stati rinvenuti privi di vita in una pozza di acqua termale  di Suio a Castelforte, in provincia di Latina, in una zona isolata. I nomi delle vittime, sono quelli di Fabio Di Pippo ed Ernestina Martino, quest’ultima originaria di Teano.  L’area, le pozze sulfuree delle terme di Suio, è interdetta ai turisti: una rete metallica, trovata tagliata, impediva l’accesso alla zona. La zona della tragedia è infatti recintata e priva di qualsiasi controllo. I due corpi sono stati notati da un turista che questa mattina, intorno alle 11, è arrivato in zona per fare un bagno. La morte sarebbe sopravvenuta, nella tarda serata di ieri. I rilievi sulla salubrità dell’acqua sono effettuati dal nucleo nucleare batteriologico chimico radiologico dei vigili del fuoco. Al momento la prima ipotesi al vaglio è che i due siano morti per intossicazione dovuta ad una concentrazione letale di gas nocivi per l’uomo contenuti nelle stesse acque.  In quella stessa pozza, 35 anni fa, si consumò un’analoga tragedia: a morire fu un 17enne del luogo sempre per asfissia da esalazioni. Sarà l’autopsia a chiarire con certezza la dinamica della tragedia. (Comunicato da redaz. crinaca)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

About these ads