Il comico delle IENE Enrico BRIGNANO nell’ ultima puntata delle Iene andata in onda su Italia UNO  lo scorso 2 Novembre 2011 sulle ingenti Indennità che percepiscono i politici e sui prezzi insignificanti  di cui lsono beneficiari(vedi scontrino foto 2) ,  ha attaccato pensantemente la CASTA POLITICA mandandola a fanc..lo. ATTENZIONE il video dopo aver fatto il Boom degli ascolti, é stato già censurato, e purtroppo per noi non é stato possibile pubblicarlo. Di seguito però riportiamo invece per iscritto l’intero monologo di Enrico Brignano, nella speranza si “svegliare le coscienze ” di quanti vivono ancora come la “bella addormentata” pensando che il nostro é il paese dei Balocchi.. Magari…ma ahimè purtroppo non é così!

Dopo Grillo e Iacchetti anche Brignano manda a fare in culo la nostra casta, cominciano a essere tutti incazzati neri.

“Ero lì che pensavo, perchè io ogni tanto penso, non sembra. Però pensavo: vuoi vedere che è arrivato Natale e io non me ne sono accorto?
Perchè questa settimana è partita una serie di letterine che neanche alla seconda elementare il 24 Dicembre.
Allora, una letterina l’ha scritta il Governo a Babbo Natale Europa in cui dice, anzi promette, che fa il bravo bambino e licenzia tutti gli italiani basta che lo tengano un altro pò a tavola con loro.
Un’altra letterina, più bella diciamo, l’hanno scritta i deputati del nostro parlamento a Babbo Natale Tremonti e dice testuali parole (imitando la voce di Tremonti): “Caro Babbo Natale Tremonti, che sono io. L’ufficio di presidenza ha deliberato di mantenere l’importo della dotazione per l’anno 2014 nella medesima misura già versata per gli anni 2012/2013.”
Bello no? Sapete che significa? Che mentre gli italiani finiranno di raccattare gli avanzi nel cassonetto dell’umido i nostri onorevoli deputati nei prossimi tre anni prenderanno lo stesso identico, scandaloso stipendio che hanno preso finora. Senza decurtazione, senza riduzione. Ma scusa, ma allora i famosi tagli ai costi della politica? Ma come, quest’estate vi eravate tutti sbracciati come forsennati, avete fatto a gara a chi la sparava più grossa (imitando la voce di un fantomatico politico): “siamo pronti anche a tagliare i nostri stipendi! I sacrifici per l’Italia li dobbiamo fare tutti!”
Ora io dico, signori onorevoli, ma non vi fate un pò schifo da soli? Ma così? Poco poco?
Ma dico, onorevoli, ma ce l’avete presente quanto vi diamo noi italiani per stare lì a grattarvi la prostata? Per dire poche cifre: di media i nostri parlamentari tra senatori e deputati prendono dai tredici ai sedicimila euro, de media, al mese, per carità.
Dice (imitando la voce di un fantomatico politico): “un momento signor Brignani.”
(impersonando se stesso): “BrignanO.”
(tornando a fare il politico): “vabbè è uguale. Signor Brignani, insomma, attenzione perchè di quei quindicimila euro c’è una cifra che sono cinque-seimila euro che sono lo stipendio poi ci sono cinque o seimila euro, diciamo, di rimborsi vari, indennità varie e trasporti. Sa noi veniamo da lontano.”
Ah, voi venite da lontano? A parte che se venivate da lontano per me ce potete pure rimanè: lontano. Ma lasciamo perdere questo è un discorso mio, lasciamo fare. Ma poi dico, scusate, voi venite da lontano e noi cosa vi dobbiamo rimborsare? La barberia? Ma la barba voi ve la fate gratis. Le spese mediche? Ma se è tutto a carico nostro. Cinque-seimila euro l’anno a persona consumate di spese mediche, ma quanto state male? Porca miseria. I treni non li pagate, gli aerei pure, non pagate nulla. Per Roma girate con le auto blu pure per andà allo stadio, che poi ovviamente lì venite ospitati nelle tribune d’onore essendo onorevoli. Ma ve rendete conto? In Italia ci sono almeno 570mila auto blu, negli Stati Uniti solo 73mila ma loro sono cinque vorte noi. Dico, ma che vi dobbiamo rimborsare? La casa? Ma come la casa!? Ma le case se non ve le danno gli enti a prezzi stracciati ve le regalano addirittura. Così, almeno, è quello che ha detto Scajola, perchè Scajola ha detto (imitando Scajola): “a me me l’hanno regalata.” L’ha detto lui! Ma Scajola.. Scajola bello… dai.. ma tu me devi dì a me che c’ho 45 anni, me devi dì chi oggi come oggi te regala un attico e superattico di fronte ar Colosseo, allora se è così fra un pò te regalano pure il Colosseo. A bugiardo! Oh che te possino.
E allora io dico: rimborso de che?
Dice (imitando la voce di un fantomatico politico): “un momento signor Brignaschi…”
(impersonando se stesso): “BrignaNO.”
(tornando a fare il politico): “Vabbè è uguale. Brignasco…”
(tornando a fare se stesso): “BrignaNO.”
(tornando a fare il politico): “Signor Brignasco.”
(tornando a fare se stesso): “BrignaNO.”
(tornando a fare il politico): “Vabbè. Nei primi 15mila euro ci sono pure 4mila euro di diaria. Eh, ci vorrà pure far mangiare un boccone tra un disegno di legge e l’altro, no? E che diamine, magnà un boccone.”
A parte che se noi magnassimo come voi le riserve alimentari dell’Italia sarebbero già finite da quarche anno, ma vediamo quanto costa mangiare in parlamento. Questo qua è uno scontrino della mensa del Senato di due settimane fa, questo gira su internet. Dice:
– trofie, un piatto de trofie, chiaramente tra parentesi “pasta fresca” perchè mica è pasta imbustata, pasta fresca la devono fare lì, asparagi e spec senza kappa per risparmiare: 0,87 centesimi. Un piatto de trofie! Ma 0,87 centesimi non costa neanche l’acqua bollita! Costa di più da sola senza niente dentro.
– un ananas 0,43. Ma dev’essere solo la coccia perchè non può essere, se c’è la polpa costerà de più.
– una torta della nonna 0,67. Ma come, sta nonna per rimediare alla poca pensione se mette a fà le torte e tu una fetta la paghi solo 0,67?
– un’insalata di spinaci e parmigiana: 1,65.
– tagliata con rucola e grana ac.bl., chiaramente è aceteo balsamico per risparmiare: 3 euro e 41… ma non sarà un pò troppo?
– uno bevande. Un bevande: 0,37. Che dev’essere a 0,37? L’acqua de fogna perchè un’acqua imbottigliata costa minimo 3 euro al ristorante, me devi dì la verità!
Insomma, totale pasto: 7 euro e 50. Servizio: 3.41 che costa più della tagliata, delle bevande e della torta della nonna messe insieme. Insomma totale: 15 euro e 41.
Ora, facendo due calcoli per consumare 4mila euro de diaria al mese voi dovreste mangiare per circa 12 volte al giorno per 30 giorni. Ma che stomaco c’avete? Ma che c’avete Brunetta al posto del fegato?
Ma non è finita mica qua, io c’ho un altro foglietto, è un’agenzia della Press che dice testualmente: “per i sempre presenti in commissione sarà anche previsto un incentivo, saranno queste le misure in discussione alla Camera.”
Capito? No. Cioè io me lo so fatto spiegare. Che significa? Significa che i parlamentari che lavorano e non fanno gli assenteisti riceveranno un premio. Ma in nome di Dio santissimo, oltre ai 15mila euro che io te devo dà pure l’incentivo te devo dà pe farte lavorà? Ma scusa un attimo caro senatore, parlamentare, onorevole quello che è. Ma io ar tassista je dò 50 euro per portarmi a casa ma se poi mi ci porta veramente je ne dò artri 20?! Ma scusa un attimo… onorevoli! Onorevoli belli! Ma guarda che siete veramente singolari. Onorevoli… oh, onorevoli si fa per dire eh, senza offesa… perchè qualcuno di voi si può offendere e dire: “onorevole a chi? Tu a me non mi dici onorevole, io non sono onorevole proprio per niente, io sono infame.”
Signori onorevoli, un grande statista, scomparso purtroppo: Clemente Mastella.
Eh? Ah, non è scomparso? Non è nemmeno uno statista? Allora solo: purtroppo. Allora: purtroppo Clemente Mastella ha detto queste memorabili parole: “non so se guadagnamo troppo, sicuramente guadagnamo meno di quello che meritiamo.” ahahahah A bugiardo! Bugiardo!
Io vorrei dirvi, onorevoli cari, che noi italiani siamo diventati grandi da un pezzo e a Babbo Natale non ci crediamo più e abbiamo smesso di divertirci al vostro Carnevale, ci sentiamo in piena triste Quaresima e stiamo aspettando la nostra meritata resurrezione e badate bene che se non ce la darete voi prima o poi ce la prenderemo da soli e a voi vi manderemo tutti quanti affanculo e senza auto blu!” (Enrico BRIGNANO – Puntata “LE IENE” del 2 Novembre 2011)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”