Tra Caserta e Napoli ogni giorno vengono bruciati materiali nocivi che fanno aumentare tumori e malattie respiratorie. Ma nessuno dice nulla. Per paura che l’allarme faccia crollare i valori di terreni e fabbricati

Caro Roberto, sono Luigi Costanzo un medico di famiglia di Frattamaggiore. Come ben saprai, da circa vent’anni viviamo un dramma che negli ultimi mesi sta assumendo proporzioni catastrofiche: parlo dei roghi tossici».

QUALCHE GIORNO FA IL DOTTOR Costanzo mi ha scritto una lettera, che proverò a sintetizzare. Nei paesi e nelle campagne tra Caserta e Napoli, ogni giorno, vengono incendiati materiali tossici, prodotti di scarto di industrie tessili, di pellame, di cuoio, di amianto e pneumatici. Centinaia di pneumatici. Questi incendi non rendono solo irrespirabile l’aria, ma la rendono soprattutto nociva. «A confronto», dice il dottor Costanzo, «Fukushima con la sua radioattività è un luogo di villeggiatura… e Seveso nel disastro del 1976 fu evacuata per molto meno». Tra i suoi assistiti ha riscontrato un aumento dei tumori. Non solo. Aumenti anche di malattie dermatologiche e respiratorie, di allergie in anziani mai stati allergici, di malattie della tiroide, di broncopatie e malattie intestinali.
Una terra che da decenni viene costantemente violentata nell’indifferenza di istituzioni, forze dell’ordine, magistratura, televisione e stampa, come se i roghi tossici sia impossibile fermarli.ORMAI E’ CHIARO A TUTTI CHEi rifiuti che arrivano in Campania, che vengono intombati o incendiati in Campania e che avvelenano gli abitanti della Campania, non sono prodotti solo in Campania. Ci sono inchieste e sentenze che individuano responsabilità e colpe, quindi resta un mistero come mai, questo nostro Paese, continui a ritenere i sacrifici umani di centinaia di migliaia di campani un prezzo accettabile da pagare. Per cosa, ci si domanda? Per quale tornaconto o interesse? Le denunce presentate non si contano più e sono centinaia le segnalazioni che associazioni, comitati e semplici cittadini fanno nel tentativo di dar voce al dramma che si sta vivendo. Usando l’arma dei giusti, la nonviolenza, chi abita nella Terra dei fuochi da anni lotta, da solo, per difendere la salute dei propri figli. Ricordo ancora quando anni fa avevo deciso di attraversare a piedi la terra dei fuochi. Mi ero coperto naso e bocca con un fazzoletto, l’avevo legato sul viso. Camminavo tra le terre divorate dalla diossina, riempite dai camion e svuotate dal fuoco. Ogni qual volta ci sono servizi televisivi e denunce sui territori dei roghi, arrivano alle redazioni e ai singoli giornalisti segnalazioni e lettere infuocate da sindaci e amministratori comunali che non gradiscono che i loro paesi finiscano nella mappa dei comuni inquinati, nella mappa della terra dei fuochi. Le amministrazioni locali, spesso, non affrontano il problema, lo negano contro le proteste degli stessi abitanti. E lo negano per una ragione semplice: dichiarare che il proprio territorio necessita di bonifiche, che è preda di organizzazioni che bruciano rifiuti di ogni tipo per diminuirne la massa, abbasserebbe il prezzo dell’unica risorsa di questi territori: il cemento. Il prezzo delle case crollerebbe e la parte maggiore degli amministratori di queste zone viene eletta dai voti dei cantieri, dei rifiuti, della sanità.RINGRAZIO IL DOTTOR LUIGI Costanzo, medico di Frattamaggiore. Lo ringrazio per i suoi toni pacati necessari assai più di una generale rabbia, a mostrare come la diffusione di malattie sia un dato inconfutabile dello stato terminale di quella che un tempo era tra le terre più fertili d’Italia. E un dato inconfutabile dell’irresponsabilità e la profonda ignoranza di «mandanti ed esecutori che dopo aver consentito lo scempio non volano via nei Caraibi per respirare aria pulita e mangiare cibi sicuri, ma condividono, invece, il tragico destino dei loro conterranei diventando carnefici e vittime nello stesso tempo». Mi unisco al suo appello, perché questo governo, nelle tante, troppe priorità metta ai primi posti la salute dei suoi cittadini. E con il dottor Costanzo vorrei condividere un desiderio. Recentemente in tv molte persone ci avevano scritto che una parola non avrebbero più voluto sentir pronunciare era la parola “intombato”… aggiungo ora che non vorrei più sentire nemmeno la parola “rogo”, seguito dall’aggettivo “tossico”. (Fonte L’Espresso- Le Inchieste)

Leggi art. correlato:

Roghi tossici e aumento dei tumori il ministro Clini: «Ho chiesto un rapporto ai carabinieri»

ROMA – «Ho già chiesto al Nucleo operativo ecologico dei carabinieri di intervenire e farmi un rapporto, che credo arriverà sul mio tavolo entro pochi giorni. Potremmo prendere dei provvedimenti la prossima settimana».

È quanto afferma, in un’intervista ad Avvenire, il ministro dell’Ambiente Corrado Clini, in merito all’aumento dei casi di morte per malattie oncologiche rilevato nel napoletano e nel casertano dall’Istituto per la cura dei tumori Pascale di Napoli, e che potrebbe essere correlato all’emergenza rifiuti e ai fumi tossici dei roghi di immondizia.

«I dati che abbiamo, riferiti all’uso di quei territori come discariche di rifiuti tossici e illegali esportati dalle grandi fabbriche del Nord, segnalano che vi è una sorgente di rischio molto importante», dichiara Clini, secondo cui «i dati dell’Istituto Pascale tornano».

Le colpe non sono da imputare all’assenza dello Stato, sottolinea il ministro, quanto alla «assenza di capacità di governo di quei territori». Accanto a questo «c’è un circuito dell’illegalità che alimenta anche le componenti di malavita organizzata, che sui rifiuti hanno costruito molte fortune».

In questa situazione «vorrei far emergere di chi sono le responsabilità di intervenire, facendo subito in modo che chi ha tali responsabilità se le assuma davvero e le eserciti», prosegue Clini, che esclude l’ipotesi di commissariamento. «Coi commissariamenti – dice – chi ha le responsabilità in genere ne viene liberato. Deve invece accadere l’opposto».(Fonte: IL MATTINO)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”