CELLOLE(Ce)– (di Nunzio De Pinto)  La Segreteria della Cisas – poiché proprio in questi giorni stanno arrivando ai residenti valanghe di richieste di pagamento da parte del Consorzio Bonifica, anche a quelli che non sono affatto serviti dal Consorzio, né che utilizzano i servizi dello stesso Consorzio – si riserva di interessare l’attuale Commissario Barretta affinché vengano aggiornati i ruoli, escludendo quanti erroneamente hanno ricevuto le richieste di pagamento perché non dovuto per vari motivi, oltre che per errore materiale. Nel contempo, sempre la Cisas ha appreso, con vero piacere, che le griglie nei canali per la pulizia delle acque marine sano state messe in funzione, grazie all’impegno del Commissario Barretta del Consorzio Aurunco di Bonifica, il quale – in passato – non aveva provveduto alla stessa cosa, contribuendo così a sporcare le acque del litorale domitiano. Non a caso – afferma la Cisas – in tanti ed anche l’Amministrazione di Cellole, nonché la stessa Confederazione Cisas avevano sollecitato inutilmente, in passato, la cosa. Era questione di buona volontà ed impegno, afferma la Cisas, come ha potuto ben dimostrare fattivamente l’attuale Commissario, il cellolese Barretta. Inoltre, la Cisas – nella speranza che la nomina a Commissario di Barretta sia prorogata – evidenzia la opportunità che il lavoro amministrativo del Consorzio, ancora affidato, nonostante le proteste, a 2 Società dell’estremo nord e dell’estremo sud, sia effettuato da società od impiegati della zona Aurunca in cui opera il Consorzio di Bonifica, ove la disoccupazione è altissima.(articolo a cura del giornalista Nunzio De Pinto)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”