Ruviano(Ce)- Ore 21 del 27 luglio, il Presidente della Pro loco Raiano e organizzatore Pasquale di Meo e il sacerdote don Lucio D’Abbraccio, parroco del paese, in piazza Roma, con una preghiera e una benedizione, inaugureranno a Ruviano la 16esima Festa della Cultura Contadina: un appuntamento ormai da tempo messo in agenda da numerosissimi appassionati di tradizioni, rievocazioni di antichi mestieri e degustazioni di prodotti locali. Il centro storico di Ruviano sarà infatti una vetrina per tipicità enogastronomiche e manifatturiere e allo stesso tempo sarà un palcoscenico all’aperto per gruppi, tutti rigorosamente di Terra di Lavoro, che con costumi tipici e musiche popolari allieteranno le serate fino a domenica 29 luglio. I primi ad esibirsi, proprio in occasione della manifestazione di apertura, sarà il Gruppo Folk ARIA NOVA di Ruviano e, subito dopo vi sarà l’esibizione del Maestro Cante Sabatino. Alla manifestazione ha aderito anche il gruppo folk “Li Guarracini” di Napoli che si esibirà sabato 28 luglio alle ore 21. La festa della cultura contadina, regalerà dunque momenti di folklore puro e trasformerà angoli del piccolo centro della Media Valle del Volturno in caratteristici spaccati della vita contadina.
Domenica 29 luglio, alle ore 9, vi sarà l’apertura delle mostre; alle ore 11 Santa Messa e benedizione dei mezzi agricoli da parte di Don Lucio D’Abbraccio, quest’anno la santa messa per desiderio e volere del menzionato sacerdote, sarà celebrata per la prima volta in Piazza Nuova;
alla santa messa e alla benedizione parteciperanno:
Battitura del grano con i “ruigli” a cura di Alberto Mennillo;
Orto contadino ruvianese a cura di Salvatore Cusano;
Corteo dei trattori e mezzi agricoli a cura di Antonio Coppola;
Esibizione dei cavalli a cura di Giovanni Tebano.
Alle ore 21 vi sarà l’esibizione del gruppo “Acquerello Napoletano” canzoni classiche napoletane.
Per tutti i tre giorni di festa, saranno proposti piatti tipici del territorio preparati come da tradizione dalle signore di Ruviano.
Le specialità che si potranno degustare saranno: maialata, soffritto, fagiolata, peperone imbottito, frittelle di fiori di zucca e altri vari contorni rigorosamente appartenenti alle tradizioni del territorio.(comunicato a cura dell’ufficio stampa Sindaco R. Cusano)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”