S. Gregorio Matese(Ce)-  Abbandonati a se’ stessi da giorni, incapaci di muoversi se non saltellando in quanto tenuti con le zampe legate da corde di nylon. E’ la situazione in cui le guardie zoofile della Protezione Animali di Caserta, guidate dal caponucleo Antonio Fasci’, hanno trovato 20 cavalli, detenuti in un terreno nel Comune di San Gregorio Matese (Caserta). Compiuti gli accertamenti del caso e sentiti i servizi veterinari della Asl, i volontari Enpa hanno denunciato tre persone alla Procura di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), contestando i reati di abbandono e di maltrattamento di animali. La corda di nylon impediva la deambulazione dei cavalli al punto che essi potevano muoversi soltanto saltellando – racconta Fasci’ – ed era legata cosi’ stretta da causare profonde lacerazioni alle zampe, all’altezza degli zoccoli. In alcuni casi la fune si era addirittura cristallizzata nella carne degli equini. Naturalmente, abbiamo subito liberato gli animali dalla corda e medicato gli esemplari feriti. Tra l’ altro, secondo l’Enpa di Caserta, i cavalli dovevano trovarsi in quella penosa situazione da molto tempo poiche’, una volta liberati dalla corda, hanno continuato a saltellare evidenziando cosi’ un blocco mentale; il ritorno a normali condizioni di deambulazione e’ avvenuto soltanto dopo alcune ore. ”Quello da noi scoperto – aggiunge il caponucleo delle Guardie Zoofile di Caserta – non e’ un episodio isolato. Dalle segnalazioni che ci sono arrivate e che continuano tuttora ad arrivarci sembra infatti che nella zona il maltrattamento dei cavalli sia una pratica diffusa. Per questo, le nostre indagini proseguiranno anche nei prossimi giorni e non mancheremo di segnalare all’autorita’ giudiziaria altre violazione della nostra normativa”.(Gazzetta di Caserta)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”