Piedimonte Matese(Ce)- Blitz dei Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese contro il devastante fenomeno dello smaltimento illecito di rifiuti pericolosi per la salute pubblica è più in generale contro l’inquinamento ambientale. Nelle ultime ore  i militari matesini, hanno intercettato in una zona periferica di Piedimonte Matese, un camion che trasportava oltre cinque quintali di rifiuti speciali anche di tipo pericoloso. Pneumatici, fusti e filtri di olio motore esausti, batterie, bombole per gpl, carcasse di parti di veicoli e vari rottami ferrosi altamente inquinanti. I responsabili, N.P., 46enne, M.P. 20enne e P.R., 19enne, tutti di origine rumena, con vari precedenti di reato, sprovvisti di autorizzazione relativa alla gestione, allo smaltimento e al trasporto dei rifiuti, sono stati fermati e denunciati alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. Sulla provenienza e la destinazione del mezzo con il pericolosissimo carico, finiti sotto sequestro, sono ora in corso ulteriori indagini. Dall’inizio del 2012, sono salite già a 23 le persone bloccate dai Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese, nell’ambito dei servizi predisposti per contrastare i reati di criminalità ambientale con particolare riferimento alle zone del Parco Regionale del Matese, protette da severi vincoli paesaggistici, sottoposti a sequestro oltre 270  quintali di rifiuti speciali anche di tipo pericoloso, 6 mezzi di trasporto, 5 discariche abusive e 1 sversamento illecito di acque reflue industriali che finivano per inquinare le falde acquifere e il fiume Volturno.(Comunicato da reddaz. cronaca Matese)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”