SAN NICOLA LA STRADA(Ce)– (di Nunzio De Pinto) L’Amministrazione comunale, retta dal Sindaco Pasquale Delli Paoli, in collaborazione con il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR), di cui è Sindaco il giovane Antonio Ocarino, e della locale sezione della Pro Loco con il Presidente Carlo D’Andrea, ha organizzato la “Sfilata di Carnevale” che prenderà il via martedì prossimo, 12 febbraio 2013, con inizio alle ore 15.00, la sfilata prenderà il via (in caso di pioggia la manifestazione si terrà presso il Salone del Real Convitto Borbonico) dalla Rotonda e, percorrendo Via XX Settembre, raggiungerà il centro storico cittadino per concludersi nella Villa comunale “Santa Maria delle Grazie” con l’esibizione degli studenti delle scuole presenti sul territorio cittadino. Il percorso della sfilata sarà messo in sicurezza dagli agenti della locale Polizia Municipale e dai Volontari del Nucleo comunale sannicolese della Protezione civile. La festa, aperta a tutti, sarà addolcita dallo zucchero filato, distribuito dal carrettino messo a disposizione dalla Pro Loco, e pop corn a volontà. L’animazione sarà garantita da: “Suor Ritmo-Animation”. Sempre nell’ambito del Carnevale 2013, la Pro Loco di San Nicola la Strada intende riproporre la rappresentazione de “La Canzone di Zeza”. La “Canzone di Zeza” è una delle rappresentazioni classiche del Carnevale come “La brunetta”, il “Laccio d’ammore” o la “Quadriglia”, che ripropongono quelli che erano i momenti ricreativi di un tempo, riportando alla mente vecchie storielle. A San Nicola la Strada nella seconda metà degli anni ’70, fu riproposta grazie al gruppo che si aggregò intorno o “mast” Nicola Tranquillo che impersonava Pulcinella, con il cugino omonimo nelle vesti di Zeza, Giuseppe Ossataro che dava vita al personaggio della figlia Vincenzella, Giuseppe Landolfi nei panni di Sironnicola, Felice Aievoli caporale dell’esercito impersonato da Agostino Raucci e Luigi Vigliotti coordinati da Giulio Pace. Successivamente, altri si cimentarono nella rappresentazione che da anni non viene più riproposta. Di quel gruppo è rimasto il solo Giuseppe Ossataro, pronto a riproporsi nelle vesti di Vincenzella, gli altri sono passati a miglior vita. (articolo a cura del giornalista Nunzio De Pinto)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”