passione20131FORMIA  – LT  – PASSIONE 2013 – ASS. CULT. “SANT’ERASMO V.M.”

Accogliamo l’invito a vivere la quaresima come tempo di penitenza e di rinnovamento, sentendoci solidali con tutto il Corpo Mistico di Cristo.

L’Itinerario di riflessione che vi proponiamo per la Quaresima vuole riscoprire la propria fede, proporre una nuova evangelizzazione e “ravvivare quella positiva tensione, quell’anelito a riannunciare Cristo all’uomo contemporaneo”.

Come ci ricorda Papa Benedetto  XVI .  In questo tempo terremo fisso lo sguardo su Gesù Cristo, “colui che dà origine alla fede e la porta a compimento” (Eb 12, 2): in lui trova compimento ogni travaglio ed anelito del cuore umano. La gioia dell’ amore, la risposta al dramma della sofferenza e del dolore, la forza del perdono davanti all’offesa ricevuta e la vittoria della vita dinanzi al vuoto della morte, tutto trova compimento nel mistero della sua Incarnazione, del suo farsi uomo, del condividere con noi la debolezza umana per trasformarla con la potenza della sua Risurrezione. In Lui, morto e risorto per la nostra salvezza, trovano piena luce gli esempi di fede che hanno segnato questi duemila anni della nostra storia di salvezza.

So a chi ho creduto        (2 Tm 1, 12)

Un itinerario di Fede che offre il dono dell’Indulgenza

Venerdi 15 marzo

Ore  21.00  La Passione secondo Luca

Meditazione di  don  Alfredo Micalusi

(Con confessioni)

Sabato 16 marzo

                                                                                     Ore 17.30  Santo Rosario

Ore 18.00  Celebrazione Eucaristica

         “Neanch’io ti condanno; va’ e d’ora in poi non peccare più”

Domenica  17 marzo

 Ore 19.00

XXVI SACRA RAPPRESENTAZIONE

DELLA PASSIONE  DI NOSTRO

SIGNORE GESU’ CRISTO

FORMIA – LT

Centro Storico di castellone

 con inizio Piazza del Castello

                                                                        Al termine:   Con il cuore si crede…

           con la bocca si fa la professione di fede.

        (Rm 10,10)  

Ti ho trovato in tanti posti, Signore.
Ho sentito il battito del tuo cuore
nella quiete perfetta dei campi,
nel tabernacolo oscuro di una cattedrale vuota,
nell’unità di cuore e di mente di un’assemblea
di persone che ti amano.
Ti ho trovato nella gioia,
dove ti cerco e spesso ti trovo.
Ma sempre ti trovo nella sofferenza.
La sofferenza è come il rintocco della campana
che chiama la sposa di Dio alla preghiera.
Signore, ti ho trovato nella terribile
grandezza della sofferenza degli altri.
Ti ho visto nella sublime accettazione
e nell’inspiegabile gioia di coloro
la cui vita è tormentata dal dolore.
Ma non sono riuscito a trovarti
nei miei piccoli mali e nei miei banali dispiaceri.
Nella mia fatica ho lasciato passare inutilmente
il dramma della tua passione redentrice,
e la vitalità gioiosa della tua Pasqua è soffocata
dal grigiore della mia autocommiserazione.

Signore, io credo. Ma aiuta la mia fede.

Madre Teresa di Calcutta

Auguri, da tutti noi, per una Pasqua ispirata dalla Risurrezione di Cristo!

Associazione Culturale “Sant’Erasmo Vescovo e Martire” – Formia

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”