laura-carella-4Vairano Patenora (Ce)– Di fronte a un migliaio di allievi e di allieve e a oltre la metà dei docenti dell’ Isiss Guglielmo Marconi della Città dello Storico Incontro, l’ istituzione scolastica diretta dal preside Ignazio Del Vecchio, padre Enrico Cerullo, il professore dei Passionisti di Calvi Risorta e docente di Religione Cattolica presso l’istituto alberghiero, ha
concelebrato  il precetto pasquale con don Luigi De Rosa, parroco della Chiesa dei Santi
Cosma e Damiano, dedicando la celebrazione alla giovanissima Laura Carella (nella foto), deceduta sabato l’altro e diplomatasi in accoglienza turistica appena l’estate scorsa proprio all’ istituto alberghiero dell’ Isiss Marconi. La manifestazione religiosa, nata da una richiesta degli allievi di poter svolgere l’assemblea mensile celebrando il precetto pasquale, ha vissuto momenti di grande partecipazione emotiva che sono stati sottolineati più volte durante l’omelia di don Luigi, momenti vissuti e dedicati all’ amore e alla comprensione e aprendo il cuore alla volontà del Signore. “E’ stato un vero precetto pasquale – ha dichiarato il preside Del Vecchio – celebrato con l’anima tesa a riscattare ogni dubbio e ogni errore e soprattutto a fare memoria delle giovani vite dell’ Isiss Marconi che, da Francesco Rossi a Cristian Dalia e per finire oggi a Laura Carella, ci hanno lasciato il ricordo di una grande voglia di fare.” Il perdono dei peccati – aveva detto in apertura padre Enrico – è un momento che deve essere vissuto come la più alta riflessione sulla condizione umana, è l’atto della conciliazione del Pastore con il suo gregge e i segni che da quel perdono giungono all’ uomo sono sicuramente visti come l’abbattimento di ogni barriera e di ogni condizionamento. Dunque, la liberazione da ogni peccato è l’occasione più grande che può giungere fino alla corteccia più dura per riportarla allo splendore più vivo. ( Comunicato a cura del D.S. Ignazio Del Vecchio)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”