riciglianoPiedimonte Matese(Ce)- Domenica 21 luglio, con altri 22 compaesani del Gruppo Escursionisti del Matese, sono stato in gita a LIVIGNO, provincia di Sondrio, nel Parco Nazionale dello Stelvio. Da Wikipedia copio(….. dal 1805 il Comando Napoleonico di Morbegno , riconobbe ufficialmente le franchigie di Livigno………) da allora detto Comune gode di benefici extradoganali, per cui si possono acquistare prodotti e merci ,esenti da iva e da tasse doganali a prezzi stracciati. Abbiamo quindi, liquori oltre i 22 gradi, bevande alcoliche e vermouth, vini, birre tabacchi,benzina , gasolio, zucchero, carni, bresaola profumi , abbigliamento , elettronica,tutto a prezzi ridottissimi. Non manca naturalmente il caffe’ che non paga l ‘imposta specifica per poter essere importato in Italia,che in alcune qualità piu’ economiche di robusta africano, è la metà del prezzo di acquisto per chi lo compra crudo , quindi vantaggio enorme. Girovagando , ho quindi avuto modo di constatare una cosa, di cui avevo sempre sentito parlare, per il lavoro svolto , mi riferisco ai prezzi irrisori degli alcolici, perché esenti dal pagamento della fascetta di stato,  esenti da accise statali e sovraimposte di fabbricazione per i liquori, ed esenti da iva al 21 per cento Nel concreto un esempio per tutti , un litro di alcool etilico per liquori a 95 gradi viene venduto € 2.80 , un quarto, rispetto al prezzo medio nazionale. Dalla foto fatta alle ore 10,30 sempre del 21 luglio, potete invece vedere il prezzo praticato per i carburanti,dai 4 distributori presenti nel territorio esentati da imposte nazionali, e dalle sovrimposte regionali , cosa che paghiamo noi in Campania. Volutamente non parlo del caffè, perché con la mia esperienza, so che solo da crudo, si determina la esatta provenienza geografica del chicco. Da cotto con il chicco, deformato ed aumentato di volume, calato di peso,di circa il 18 o 20 per cento, solo pochi esperti qualificati, sanno stabilire la origine botanica con precisione l Non essendo obbligati a dichiararne l‘origine, può capitare quindi che in una confezione con la scritta miscela bar, vi possono tranquillamente propinare il peggiore robusta africano, adatto solo per fare il caffe’ alla nocciola. MI chiedo, e spero di avere risposta da chi sa’ darmela,per quali PREGORATIVE DIVINE, O DI NASCITA ,DEVE CONTINUARE QUESTO PRIVILEGIO solo per quel Comune? Ho constatato di persona in 7 ore di permanenza ,il giro di transazioni, per volumi considerevoli, esentato da ogni tributo, e qui puo’ accedere chiunque, non solo i residenti, che serve a far arricchire oltre misura i commercianti del posto. Da illuso ho pensato perché non chiedere a chi puo’, segnalare il caso in Parlamento , dove si fanno , o si possono modificare le leggi sbagliate per chiedere che tale vantaggio fiscale venga applicato ad esempio anche in uno dei Comuni del nostro Parco del Matese, esempio Letino, nella Piana delle Secene o Valle Agricola ? Dimostrare con il fare concreto, no con i soliti bla…bla, che veramente interessa sviluppare e creare lavoro nelle nostre zone Siccome faccio parte della maggioranza che ha vinto le ultime elezioni,non essendo andato a votare( sezione 6 del Comune di Piedimonte) secondo alcuni bempensanti, quelli con i paraocchi per non vedere, non avrei il diritto di reclamare o parlare, provvedo perciò a scrivere il mio pensiero su una assurda proposta,frutto di un colpo di sole di montagna con raggi ultravioletti piu’ forti Proposta, che potrebbe servire di stimolo peri tanti politici che si interessano delle nostre zone per mestiere o per passione. Spesso leggo che non abbiamo chi rappresenti l l‘Alto Casertano, mi permetto di dissentire perché anzi mai, ne abbiamo avuti tanti, e per di piu’ nei partiti che formano la maggioranza, quindi dove si può fare. Siccome, mi piace la massima di MAO –TSE.TUNG,” non ha importanza se il gatto è bianco o nero purchè si mangi i topi,” senza alcun preconcetto politico, penso di segnalare e richiamare l ‘ attenzione a chi a mio giudizio può aiutarci. Mi rivolgo In primis per la carica istituzionale ricoperta, al Presidente del Consiglio Enrico Letta , non dimentichiamo che era il capolista per il PD della nostra circoscrizione è venuto a parlare qui ‘, ha chiesto ed ottenuto voti a Piedimonte. Si è ripetuto quanto già avvenuto , con il futuro Presidente della Repubblica Giovanni Leone, capolista per la Democrazia Cristiana nella elezione della quinta legislatura .Ricordo che venne votato anche nelle nostre zone ( si potevano dare4 preferenze, le quartine, con i numeri, invece del cognome, per agevolare gli analfabeti )perché allora la provincia di Caserta era abbinata con una parte di Napoli , Nominato Presidente del Consiglio nel1963, e nel 1968,non solo per il ruolo istituzionale ricoperto , ma per l’autorevolezza nel suo partito, poteva quindi contribuire a pagare la insoluta cambiale firmata da Fanfani e company per l acqua captata del Torano , invece silenzio assoluto. Buon secondo l ‘onorevole Carlo Sarro,eletto per la seconda volta, quindi già introdotto,e pratico del modus operandi, con i suoi agganci che senz’altro ha nel PDL, nella stanza dei bottoni. Non ho dimenticato la onorevole Maria Rosaria Rossi , che anche se non votata qui , ma essendo qui cresciuta , credo affezionata ei legata alle sue origini. Della coalizione governativa, fa parte anche l‘onorevole Marco Di Lello del P,S.I. , nuovo eletto ,ex assessore regionale, vice presidente nazionale del Partito. Il padre Mario, avvocato, è nato a PIedimonte, personalmente ci conosciamo, infatti a suo tempo mentre io frequentavo la Scuola Media al San Tommaso D’Aquino, egli faceva il ginnasio con un mio fratello. Questi 4 politici per essere eletti, tutti della maggioranza che governa, hanno senz ‘altro avuto ed avranno una base che li ha appoggiati sul territorio, a questi loro fans mi rivolgo , chiedete il loro intervento a Roma,. Si facciano promotori e firmatari di una proposta legislativa, appoggiata anche da altri colleghi di partito per la istituzione di una zona franca anche al sempre ricordato nei discorsi MEZZOGIORNO. Per chi ha buona memoria, ricordate, ciò che rappresentava Forcella A Napoli, sopportato fino a che si è voluto Aggiungiamo anche per la loro carica istituzionale, il Presidente della Comunita ‘del Matese , ed il Presidente del Parco del Matese. Da valutare che mentre continuano a farci sentire il solito disco di evasione fiscale, di paradisi fiscali da eliminare , di controlli da fare sui conti in Svizzera , oltre la dose quotidiana di prodezze o nefandezze del Cavaliere, nella provincia dell ‘ex Ministro delle Finanze TREMONTI, si permette con il consenso di tutti partiti politici, che si continui ad essere autorizzati a non pagare imposte da due secoli, se questa è equità, vuol dire che non conosco la lingua italiana. Non bastano il danno per i mancati introiti , bisognai aggiungere una ulteriore spesa per i contribuenti non fortunati per luogo di nascita , o che vi hanno potuto accedere. Infatti in violazione del trattato di SCHENGEN ,sulla libera circolazione di persone e merci, al ritorno a casa , esiste il posto di controllo doganale per constatare che non si siano superate le limitazioni stabilite dalla legge, con controlli casuali sulle auto private, per non bloccare il traffico. Giustamente applicando una legge che non hanno fatto loro ,ma i rappresentanti del popolo a Roma, anche Il nostro pullman è stato controllato dai finanzieri , nel vano bagagli sotto, e negli appositi spazi sopra i sedili. Tutto liscio per noi, che non avevamo abusato,personalmente avevo acquistato solo una confezione di funghi secchi, sperando che non siano mischiati con delle melanzane Per tale controllo si determina però una ulteriore spesa alle casse dello Stato , con relativa costo della caserma e un adeguato numero di finanzieri in relazione ai turni di lavoro Ciliegina sulla torta, applicando sempre una legge nazionale, abbuono ai fini pensionistici in base al periodo di lavoro svolto dai militari in sevizio in quel posto disagiato, per il lavoro fatto.,

P. S. per la cronaca voglio aggiungere che il modello fu ‘ esportato ad Assisi, fine anni 60, come legge speciale per Assisi . Non passarono 2 anni , che tale sconcio dovette cessare per l ‘abuso evasivo che aveva creato,in tutti i settori merceologici, compreso il solito caffè, Proprio in quei giorni la ditta di biscotti Colussi che aveva accettato di spostarsi dal centro storico cittadino a Petrignano, potè usufruire di altre normative di esenzione,per cui lancio i frollini Gran Turchese ,che al prezzo corrente ,invece di 300-350 grammi pesavano ben 800 grammi. .

Alfonso Ricigliano  PIedimonte Matese