1146712_10201146011585288_39174744_nPiedimonte Matese(Ce)- Oltre cento sono stati i chilometri percorsi nell’ottava edizione della Traversata del Parco Regionale del Matese, organizzata anche quest’anno dalla Sezione di Piedimonte Matese del Club Alpino Italiano. Circa 30 i partecipanti, provenienti da ogni parte d’Italia, oltre che alcune traversatrici originarie della Germania. Nulla più del “bilancio di conclusione” degli organizzatori ed accompagnatori del gruppo Sandro Furno ed Alessandro Valle può raccontare l’incantevole esperienza: «Come da tradizione ogni anno l’itinerario varia, ed in questa edizione, dalla Valle Santa in S.Lorenzello, passando per gli incantevoli castagneti di Civitella Licinio, siamo giunti alla Chiesetta di S. Maria della Neve, ove era in corso la messa in onore di questa Madonna, festeggiata appunto il 5 agosto, con la benedizione del pane. La forra di Lavello e il suo bel delizioso percorso lungo il Titerno ci ha accompagnati fino al ponte di “sprecamugliera”. In serata a Cusano Mutri incontro con suonatori e danzatori Cusanesi fino a notte inoltrata, con canti e danze della tradizione popolare. Il secondo giorno siamo rientrati nella provincia di Caserta, passando per il Rifugio di Monte Ariola (S.Potito Sannitico), gentilmente concesso dal GEM come punto di appoggio, e poi visita al punto di decollo di parapendio e deltaplani e via verso i sentieri di Castello del Matese, passando per il Pozzo di Arito e per il passo dello “Stincone”, sotto una fresca pioggia pomeridiana che ci ha accompagnato fin quasi al Rifugio Tassitello, dove gli allevatori avevano appena finito di mungere le proprie mucche e ci hanno offerto un bicchiere di latte fresco… ancora “caldo”. L’ospitalità della Masseria D’Abbraccio a Reale ha concluso la giornata con una cena sull’aia, sotto il cielo stellato, e canzoni a volontà. Nella mattinata del terzo giorno si è invece svolto un laboratorio didattico sulla produzione del formaggio pecorino e della ricotta. Visita al vivaio forestale delle “Carboniere”, con calorosa accoglienza degli operatori. Ormai nel regno del faggio, sopra i 1000 m di quota, un bel sentiero ci ha condotto nella piana di Capo di Campo, dove – presso l’area attrezzata delle “Fascetelle” era accampato un gruppo scout. Un caffè al Saloon dell’Impiccato, e poi rifornimento d’acqua alla fontana del Corvo, dove un gruppo di cavalli era all’abbeverata, e poi su, per la Serra del Perrone nell’Oasi WWF di 1001552_10201154767124171_1868626067_nGuardiaregia, fino a rientrare nel territorio di Castello del Matese nella Valle S.Maria, dove era accampato un secondo gruppo scout, nei pressi del rifugio nuovo. Tappa alla Capanna Sociale CAI Rifugio Monte Orso. In serata momento eno-gastronomico culturale, con “Cantine Mattei” che ha illustrato la storia e le caratteristiche del
http://www.caipiedimontematese.it
Pallagrello del Matese, della produzioni vinicola aziendale, seguita dalla degustazione di vini ed olio del Matese. Nella notte si è svolta anche una particolare “Caccia al tesoro” nei boschi intorno al rifugio, armati di bussola e torcia. Quarta tappa: dal Rifugio M. Orso a S. Gregorio Matese. Entusiasmante discesa lungo il sentiero per la Grotta dell’Orso e il Concone delle Rose, visita al piccolo rifugio omonimo nel bosco, poi il guado del Fosso del Cerasiello. Percorso il Regio Tratturo, rievocandone la storia con l’aiuto del Prof. Nando Pirro, siamo giunti presso la località “Rena rossa”, e quindi sulle rive del Lago Matese, percorrendo uno dei bastioni che separano il lago dagli inghiottitoi esterni. Con l’occasione si è posto in evidenza le attività dei campi naturalistici di osservazione avifaunistica “Migrandata” svolti da Legambiente e dall’ associazione ornitologica ARDEA. Dalle rive del lago, tra i profumi del canneto e della menta selvatica, abbiamo potuto avvistare alcuni lontri, le tipiche imbarcazioni a fondo piatto, e poi – previo rifornimento alle “tre fontane” – abbiamo imboccato il Sentiero Italia, in direzione Parco d’Amore, valicando il Raspato e guadagnando il paese di San Gregorio Matese passando per l’”Acqua Nevera” sulla via delle “Macce”, la Santa Croce e la via Crucis. Dopo una ricca cena all’Hotel M.Miletto, serata all’insegna dell’Hard Rock con il “Tributo ai Deep Purple” e concerto di Pino Scuotto. Il 9 agosto il gruppo di traversatori, arricchitosi di altri partecipanti provenienti dalla Basilicata, si è mosso verso Valle Agricola, passando per la “Frocca di Macchia Lunga” e per il Rifugio di Camporuccio. In paese erano in corso i primi festeggiamenti in onore di S.Rocco (festeggiato infine il 16 agosto), presso la bella Piazzetta S.Antonio, al cospetto dell’antica Porta S.Giovanni, ed a due passi dalla via Gelso, dove i festeggiamenti sono proseguiti per i traversatori con un’esplosione di musica popolare, con l’incontro di anziani suonatori e danzatrici locali, arricchiti dalla visita di altri appassionati provenienti da Caserta. Preludio alla fine traversata, il percorso da Valle Agricola a Letino, sulla via detta “Panoramica”, con interessanti punti di interpretazione del paesaggio della valle del Volturno, da Pratella a Prata Sannita con il suo Castello normanno, a Ciorlano con il suo Parco Eolico, Fontegreca e la Cipresseta, Capriati a Volturno e sulla Rava di Prata e le grotte del Cauto. Pranzo di fine tappa presso il Centro di Didattica Ambientale “Il Mulino di Patino” e riposo pomeridiano in un bellissimo B&B in pietra, nella Piana delle “Secine”. Dopo cena, animazione presso il “Chioschetto”, in bella vista del Lago di Letino, attraversamento del centro storico del paese fino al Castello, e quindi escursione in notturna fino a Campo Figliolo, presso la Fontana dei “Palummi”. All’alba il gruppo degli infaticabili è ridisceso verso Gallo Matese, beneficiando di una splendida vista dall’alto del Lago di Gallo. Stanchi, ma soddisfatti, i trekkers si sono congedati nella bella piazza di Gallo, dopo aver ripercorso le proprie emozioni nell’ultimo briefing con il Presidente Franco Panella e con il gruppo della logistica, al quale va un grande ringraziamento per la grande disponibilità. Ancora una volta il Matese è stato la splendida scenografia di un percorso che, a detta
http://www.caipiedimontematese.it
degli stessi partecipanti, non è semplicemente una escursione attraverso bellissimi paesaggi, ma è soprattutto una esperienza di socialità, di scambio culturale e di amicizia, sia tra i partecipanti che con le splendide persone del Matese».
Un ringraziamento va, oltre che ai partecipanti, anche alle Amm.ni Comunali che hanno accolto i traversatori(in particolare Valle Agricola e Letino), al Farmacista di S.Gregorio nonché nostro socio Antonio, allo STAPF di Caserta per la visita al Vivaio Forestale, alle Proloco di Cusano Mutri, Valle Agricola e Letino, all’azienda Cantine Mattei.
San Potito Sannitico, 18.08.2013 (comunicato a cura dell’ Addetto Stampa Regionale Anna Lisa Golvelli)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”